Il pesto alla genovese fatto in casa

Letto 10064 volte.

Sono in partenza, per l’ultima coda di vacanze. Saro’ via 5 giorni. Ce ne andremo ad Amsterdam. Un altro desiderio che si avvera, un’altra voglia di conoscenza che si colmera’, per dare spazio a tante altre voglie come questa. Prima di partire vi lascio gli ingredienti e la foto del mio primo pesto alla genovese fatto in casa. Farlo e’ stato per me una gran bella soddisfazione, anche perche’ e’ facilissimo da preparare e rende la psta veramente squisita. Col tempo affinero’ gusto e preferenze, ora mi godo il primo risultato.
La ricetta che ho seguito e’ stata la ricetta del consorzio del pesto genovese che riporto per comodità.

Ingredienti: 150 gr. di foglie di basilico, 1 bicchiere di olio e.v., 2 spicchi d’aglio, 3 cucchiai di parmigiano grattuggiato, 3 cucchiai di pecorino grattuggiato, 1 cucchiao di pinoli, qualche grano di sale grosso.

Tutto nel mixer e frullare.

pesto-fatto_in_casa

Con il pesto avanzato provate a fare la gustosa focaccia al pesto.

Tags: , ,

Commenti


  1. Bacioni e Buon Divertimento!

    Commento by utente anonimo

  2. Meglio senza tanto aglio…

    ti suggerisco una variante: sostituisci il basilico con la rucola….viene un pesto fantastico.

    🙂

    Commento by carlitos_rojos

  3. Francesca….non sai quanto ti invidio questa volta!!!

    ho una voglia matta di visitare amsterdam…ma ancora non sono riuscita ad andarci….il fascino è dovuto forse principalmente al fatto che è la patria dei tulipani….ma mi affascina anche per il suo spiccato senso per l’ambiente….per i mulini a vento.. per le dighe….. per le biciclette…..

    aspetto un bel resoconto…anzi se puoi segnati i posti più interessanti…magari un giorno potrei seguire le tue dritte!!

    …e ti auguro di divertirti un sacco!!

    baciotti Tulip

    Commento by utente anonimo

  4. saffron: grazie!

    carlitos: ciao ben ritrovato. Proverò il tuo suggerimento ma senza farci sentire dai genovesi doc 😉

    tulip: ti saprò dire al mio rientro, contaci.

    max: grazie molte per i tuoi consigli. Effettivamente l’utilizzo del mixer elettrico aiuta molto in velocità ma per gli alimenti non è la cosa migliore.

    Commento by FrancescaV

  5. placida: che bella ricetta la tua del pesto secco! L’avevo anche letta sul tuo blog tempo fa. Sei bravissima come sempre!

    Commento by FrancescaV

  6. arghhhh chi e’ che ha detto di sostituire il basilico con la rucola ?A%””&%$)

    ma dico schersiamo, il pesto e’ nostro orgoglio nazionale di liguri nel mondo, e si fa solo con il basilico!!!

    scherzi a parte la ricetta dovrebbe andare bene, ideale sarebbe usare il basilico di pra o albenga e il mortaio al posto del frullatore, il caloro tende un po’ raovnare il basilico.

    max

    http://lapiccolacasa.blogspot.com

    Commento by utente anonimo

  7. La prossima volta prova questo: javascript:A(‘pestosecco.html’)

    (non so se funziona il link…in ogni caso vai da me http://www.vigliero.com, clicca su bibliografia, vai a “Saporitissimo giglio” e poi “La ricetta mancante” ;-*)

    Commento by PlacidaSignora

  8. che bel viaggio!

    Amsterdam m’è piaciuta tantissimo, anche se stenderei un velo pietoso sulla cucina locale… Mi sono trovata bene solo al ristorante argentino, dove però mi hanno servito una bistecca con crema ai crauti… bah! :/

    Anch’io ho fatto il pesto quest’anno, per tentare di utilizzare l’albero di basilico che m’è cresciuto sul davanzale, ma non lo digerisco molto, così adesso non so cosa fare per utilizzarlo prima che il freddo lo faccia morire… mhhh muble-muble!

    DIVERTITEVIIIIII! 😉

    Commento by nonsologeomangio

  9. clamor: mi segno tutte le tue indicazioni. Quando torno mi fai trovare questo tortino che mi prende assai? Grazie cara a presto

    geo: segui il link di placida signora qualche commento sopra o facci dei muffin/ cake al basilico o il tortino di clamor al commento subito sopra di te. Allora quando torno ti racconto. Baci!

    Commento by FrancescaV

  10. 🙂 Ad Amsterdam troverai anche dei negozietti con oggetti per la cucina di quelli che ci piacciono tanto… Ce n’é uno sulla strada del Pulitzer Hotel che vale una visita veloce, e poco distante c’è un negozio anni ’70 con tanti gadget a prezzi fantastici !!! Per il pesto che dirti? Il prossimo post dovrò mettere la ricetta del tortino pesto e pinoli… quale miglior coincidenza?

    Bon voyage e torna con tante buone nuove!

    🙂

    Commento by Ligeia

  11. Buon Viaggio, buoni festeggiamenti….

    Anche io preferisco il pesto conn un pochino meno d’aglio e… il pesto alla rucola l’ho mangiato più volte. E’ molto buono. Un bacione.

    Commento by utente anonimo

  12. ad amsterdam ci ho lasciato un pezzo di cuore, in qualche zwarte cafe del jordaan

    daniele

    Commento by utente anonimo

  13. @nonsologeomangio: quanto al basilico, ora che ne hai parecchio puoi tritarlo grossolanamente, riempire i contenitori del ghiaccio, congelarlo e usarlo al momento del bisogno (magari d’inverno). e puoi anche ridurre le quantità suddividendo i cubetti. oppure congelare le single foglie stese inframmezzate da pellicola o carta da forno.

    mia mamma nel pesto aggiunge anche un pochino di prescinseua (o ricotta, che io la prescinseua l’ho vista una volta sola!!)

    Commento by alemu

  14. Buona vacanza, Francesca. Ricorda di portarti indietro qualche idea culinaria 🙂

    A dispetto di quello che si dice, amici che sono stati da quelle parti, dicono che si mangi benissimo.

    Commento by fradefra

  15. michela: grazie Michela! va bè, prossima volta provo con solo1 spicchio, però a me piaceva;)

    daniele: allora sono proprio contenta di andare!

    fradefra: ok poi ti dirò al mio rientro

    alemu: belle idee, grazie! La prescinseua io non l’ho ancora mai vista, ma l’ho letto sul blog di placida signora

    mamina: Grazie! ci si rilegge settimana prossima

    Commento by FrancescaV

  16. Come bello il tuo pesto. Spero che profiterai bene delle ultime vacanze.

    A piu tardi

    Mamina

    Commento by utente anonimo

  17. Buon Viaggio, Francesca!

    Ivonne

    http://www.creampuffsinvenice.ca

    Commento by utente anonimo

  18. Hi Francescav,

    I always make my own pesto, but yours include pecorino, I’d love to try too! Beautiful foto!


  19. Buon viaggio! Aspetto un reportage al ritorno…

    Ciao.

    Orchidea

    Commento by utente anonimo

  20. Buona vacanza Frà!!! Divertitevi.. a presto!

    S

    😉

    Commento by utente anonimo

  21. Ero indecisa tra Amsterdam e Lisbona per queste vacanze estive…la prossima estate ci voglio proprio andare in Olanda…aspetto un bel resoconto e delle belle foto…

    Divertiti..a presto


  22. Mannaggia, sei qui ad Amsterdam e non me l’hai neppure detto 🙂

    Divertiti! Adesso è anche rispuntato il sole. 😀

    Nicoletta

    Commento by utente anonimo

  23. P.S.: e ad Amsterdam, volendo, si mangia benissimo! Basta saper scegliere 🙂 Ciao!

    Commento by utente anonimo

  24. sei stata scelta! … anche da me (so che ci aveva pensato anche un’altra blogger!) vieni sul mio sito e capirai.

    Besos, Michela.

    Commento by utente anonimo

  25. io di aglio ne metto un pacco, altro che meno! Mi piace molto. E poi al pesto ci aggiungo anche un paio di fagiolini, pare che sia cosa abbastanza comune (me lo consigliò un’amica di Albissola, SV).

    Per conservarlo diverse settimane (anche mesi, confesso) lo metto in frigo in un barattolino di vetro coperto di olio in modo che la superficie del pesto sia perfettamente coperta di olio. Anche solo un millimetro basta. E per mettere questo cappuccio di olio sono solita versarlo su un cucchiaino al contrario che “spezzi” il filo dell’olio.

    Quando torni da amsterdam, vedi di non usare erbe strane per fare il pesto. 😉

    Commento by waki

  26. bentrovata!

    felice che amsterdam ti sia piaciuta

    è una meravigliosa città

    comidademama


  27. …lo proverò! Ma a dire il vero la ricetta del consorzio che tu stessa linki prevede dosi diverse 😉

    Commento by Joe Turno

  28. Scusate… ma fare il pesto non è come fare il calcestruzzo che butti cemento sabbia e acqua nella betomiera e via andare! Il pesto va fatto come Dio e Genova comandano, una frullatina finale (ma di nascosto!) è accettabile, anzi utile per completare l’opera ma è indispensbile che il basilico sia pestato con il pestello, altrimenti non si estraggono le essenze che fanno di questa salsa una vera delizia!. Buon pesto a tutti!

    Commento by Giovanni

Torna in cima | Torna alla home

Scrivi un commento




 

Newsletter

FrancescaV.com è il mio diario di ricette che puoi cucinare facilmente in casa. Per averle direttamente nella tua email iscriviti alla newsletter. Benvenuto!

Il TrovaRicette

Pochi ingredienti nel frigo e nessuna idea su come usarli?

Inserisci uno, due o tre ingredienti nel box a fianco e trova la ricetta che fa per te!

 
 
 
 
 
 

Ricette di Natale, clicca!

Ricette di Natale

 

Ricette di Natale Antipasti

 
  • Ricette di Natale Primi piatti

     

    Ricette di Natale Secondi piatti

     

    Ricette di Natale Contorni

     

    Ricette di Natale Dolci 1

     

    Ricette di Natale Dolci 2