Limoncello

Letto 41326 volte.

Ormai è qualche anno che mio papà si diletta nel preparare il limoncello in casa, con i limoni dell’orto. E quindi da un po’, ogni anno, da maggio in poi ho una bottiglia di buon limoncello in frezeer, che mi accompagna in questi mesi estivi. Ho pensato che fosse arrivato il momento di dare all’impegno di mio padre l’onore di un post, tutto a lui dedicato. Con questa ricetta viene un limoncello dal gusto delicato, non forte, che si lascia assaporare con piacere dopo cena, freddissimo. Poi io adoro tutto ciò che sa di limone, soprattutto l’estate.

Ingredienti x 3 bottiglie: bucce di 8 limoni bio, 1 litro di alcol, 1 litro di acqua calda, 400 gr. di zucchero.

Far macerare le bucce dei limoni nell’alcol per 20 giorni, in un contenitore chiuso e al riparo dalla luce. Al 20° giorno preparare l’acqua calda dove andrà sciolto lo zucchero, lasciar freddare. Unirvi l’alcol filtrato. Far riposare due giorni sempre chiuso e al riparo dalla luce e imbottigliare. Consumare dopo un mese.

Limoncello

Se volete usare i limoni o i lime per dissetarvi da questo caldo, provate a preparvi il nimbu pani indiano di Kja
oppure la limonata inglese di Senzapanna

E voi, ditemi, il limoncello come lo fate?

Tags: ,

Commenti


  1. thanks a lot, OK for a translation, I’am not sure to understand every word


  2. buono il limoncello. anche mia madre lo fa da anni, e nel mio frigo con manca mai… Mi farò dare le dosi, così confrontiamo le ricette 🙂
    k

    Commento by k

  3. L’hai letta questa ricetta di ghiaccioli al limoncello di Max?
    http://lapiccolacasa.blogspot.com/2007/05/la-ricetta-dei-ghiaccioli-al-limone-e.html
    :-*

    Commento by Mitì

  4. cuisineplurielle: transaltion sent!

    k: sì fatti dare la ricetta da tua madre, così confrontiamo.

    mitì: me l’ero persa. Grazie di avermela indicata 🙂

    Commento by Francescav

  5. Anche io faccio cosi’ il limoncello, da una ricetta di mia suocera!
    credo che il Limoncello sia la cosa maggiormente tramandata nella tradizione culinaria italiana! Non credo esista famiglia in cui una madre non sveli alla figlia i segreti del “suo” limoncello, no?
    Baci, buona domenica
    ciao
    Grazia

    Commento by Grazia

  6. Una ricetta che davvero non conoscevo. Mia madre non beve alcolici e forse e’ per questo che non ha una sua versione del limoncello. Mi piacerebbe provare a farlo: qui in California e’ molto popolare. Posso chiedere un chiarimento? Quando lo imbottigli, che tipo di tappo usi, sughero o a vite? Grazie.

    Commento by Simona

  7. Ne ho almeno tre di ricette per preparare il limoncello: non bastano mai!!
    Serene vacanze,
    AnnA 🙂

    Commento by AnnA

  8. Ciao Francesca,
    deve essere buonissimo il limoncello di tuo padre!!!
    Anche a me non piace molto forte!!
    Buona giornata!

    Commento by dolceviola

  9. grazia: sì, pnso che nelle famiglie italiane è molto diffuso fare il limoncello in casa, anche per la sua semplicità di esecuzione. Nel mio aso la ricetta è di mio padre invece che di mia madre, vale lo stesso? 🙂

    simona: allora la devi provare assolutamente, è veramente semplice e ti darà molta soddisfazione. Io uso i tappi di sughero. Fammi sapere!

    anna: capsita! e non me ne lasci nemmeno una? Hai per caso la ricetta della crema di limoncello?

    dolceviola: ben ritrovata! Andate bene le vacanze? Sì, il limoncello di mio padre è veramente gradevole.

    Commento by Francescav

  10. Nonostante sia un liquore che non ho mai amato molto, ogni tanto lo assaggio (solo se fatto in casa come il tuo!!)
    Buon lunedì!
    😉

    Commento by gourmet

  11. Heylà vacanziera??!Finalmente l’atteso riposo del guerriero eh!?? 😉
    A me invece il limoncello è una delle poche cose alcoliche che piace… anzi, se fatto in casa un assaggino chi me lo toglie??CHe profumo! Però uffi nelle mia famiglia non si fa nessun liquore per tradizione.. bisogna che li converta! Che qui una coinqui mi parla di un liquore al cioccolato che sto già a sgolosare…
    Buone vacanze, riposati, spadella e leggi tanto…! (Secondo me il libro del sale ci sta!)
    BAci

    Commento by Vaniglia

  12. il limoncello tradizionale lo faccio anch’io così..ed è buonissimo!!Ma il mio pezzo forte è la crema di limoncello..quasi quasi la posto..
    Baci

    Commento by elisa

  13. Io putroppo non ho mai fatto il limoncello…. nella mia famiglia non c’è mai stata la tradizione di fare i liquori in casa e non ho quindi nessun insegnamento alle spalle… Per fortuna che c’è la nostra Francesca che ci passa i suoi insegnamenti!!! Grazie grazie! E grazie anche al tuo papà!
    Bacioni, buona giornata

    Commento by Dolcetto

  14. Cara Francesca, io il limoncello non l’ho mia fatto e non lo vedo all’orizzonte per il momento. E` bellissimo che riporti la ricetta di tuo padre, che immagino effettui la preparazione con moltissima cura e amore. Purtroppo non riesco a visualizzare la foto, e` solo un mio problema?

    Commento by Kja

  15. gourmet: grazie anche a te 🙂

    vaniglia: eheh riposo, letture… e pc 😉 Allora il limoncello lo devi fare tu! Non è difficile, e poi così te lo bevi pure tutto 😛 Per le letture, alla fine mi son buttata su altri 3 libri, veramente belli ed interessanti, che poi ti dirò. Tu a quando le vacanze? Baci!

    elisa: uhm la crema di limoncello! Mettila, e fammi sapere, che casomai la faccio io e la regalo al mio papà.

    dolcetto: prego cara, è un piacere. Buona settimana!

    kja: per queste cose mio padre è molto attento e quando le prepara lo fa per tutti noi. Ora la vedi la foto?

    Commento by Francescav

  16. Purtroppo no 🙁

    Commento by Kja

  17. che strano Kja… io la vedo benissimo..

    Commento by Francescav

  18. Ora anche io, il mio pc era impazzito temporanamente forse 🙂

    Commento by Kja

  19. Noi lo facciamo così, ma + o – siam lì
    😉

    http://maialeubriaco.blogspot.com/2007/06/limoncello.html


  20. Io lo faccio con 8 limoni, 1 l alcool, 1 litro di acqua e 700 g di zucchero (il cosiddetto giulebbe: 500 g h2o e 350g zucchero).
    Lascio le bucce a macerare SOLO 24 ore perché in questo tempo esce il 90% delle sostanze. Lasciarle 20 giorni non toglie e non aggiunge niente. Il riposo invece è importante per far depositare i sedimenti.
    Le bucce rimaste si posso no usare per fare i dolci.

    Daniela

    Grazie per la citazione. 🙂


  21. ma per fare la crema di limoncello qual’è il rapporto alcool/latte? il latte deve essere a lunga conservazione? voi la panna la mettete?

    Commento by rosella

  22. io faccio un buon limoncello con la grappa e viene piu leggero amante per i palati delle donne ed e simile a quello fatto con l’alcol.. e poi costa meno ciao ciao luigi…

    Commento by luigi

  23. ciao qualcuno potrebbe darmi la ricetta della crema di limoncello fatto con la grappa e non con l’alcool ? Abito in Svizzera e qui é vietata. Grazie per l’aiuto .

    Commento by laura

  24. la mia ricetta per il limoncello prevede 1 litro e 250 d acqua con 750 g di zucchero da sciogliere,1 litro di alcool e 10 limoni le cui buccie si fanno macerare per 5 giorni……nella macerazione si può mettere una buccia di arancia amara……è buonissimo e non si sente molto l alcool…..

    Commento by ninetta

  25. io lo faccio sempre cosi:-

    Commento by susy

  26. anche io procedo cosi ma con due variazione. Lascio macerare soltanto 2 settimane. Non faccio bollire l’acqua. No ne vedo la necessità.

    Commento by samuele

  27. Salve,
    io e’ da anni che preparo il limoncello e non potete immaginare quanti esperimenti ho fatto prima di trovare la mia ricetta personale. Intendo dire che non ero mai soddisfatto dell’ aspetto che il limoncello assumeva secondo le tradizionali ricette: un liquore dal sapore buono, molto buono ma non molto bello da vedere perche sipresentava torbido. Cosi passavo molto tempo a filtrarlo e a filtrarlo e a filtrarlo prima con dei fazzoletti di lino….poi con fazzolettti di cotone……poi lasciandolo al buio per mesi…….eh si il risultato era buono….non eccellente….mo non potete immaginare lo stress…….Poi grazie ad una zia che ama fare gli esperimenti in cucina e che mi sovvenzionava per l acquisto dell’alcol puro che costa una bella cifra…(pensate una volta per fare tutti gli esperimenti avevamo preparato piu’ di 12 litir di limoncello senza esserne soddisfatti dai riultati……Cosi un giorno mi son detto: ” ok..ora preparo lo sciroppo con acqua e zucchero…….Cosi ho fatto bolllire un litro di acqua e ad ebolizzione avvenuta ho aggiunto 400gr di zucchero. Ho mescolato per bene e dopo appena un minuto ho tolto la pentola dal fuoco (dopo essermi assicurato che lo zucchero era sciolto) e ho fatto raffreddare il composto. Ho poi travasato lo sciroppo completamente freddo in un grande contenitore di vetro, ho aggiunto la scorza di 6 limoni (facendo attenzione a pelare solo la parte gialla della buccia),800gr di alcol puro (poi a seconda della gradazione che piu piace si puo’ aggiungere piu’ alcol). Chiuso ermerticamente il contenitore di vetro lo fatto riposare per 48 prima di filtrarlo e travasarlo nelle mie belle bottiglie di portata…..Vi assicuro che il sapore e’ fantastico e l’aspetto del limoncello e’ bellissimo: trasparente come una ….strega di benevento………Provate
    ….ciao

    Commento by Silvano

Torna in cima | Torna alla home

Scrivi un commento




 

Newsletter

FrancescaV.com è il mio diario di ricette che puoi cucinare facilmente in casa. Per averle direttamente nella tua email iscriviti alla newsletter. Benvenuto!

Il TrovaRicette

Pochi ingredienti nel frigo e nessuna idea su come usarli?

Inserisci uno, due o tre ingredienti nel box a fianco e trova la ricetta che fa per te!

 
 
 
 
 
 

Ricette di Natale, clicca!

Ricette di Natale

 

Ricette di Natale Antipasti

 
  • Ricette di Natale Primi piatti

     

    Ricette di Natale Secondi piatti

     

    Ricette di Natale Contorni

     

    Ricette di Natale Dolci 1

     

    Ricette di Natale Dolci 2