Come preparare un buon mate

Letto 37772 volte.

Come si preparara un buon mateIn Yerba Mate vi ho presentato questa tipica e tradizionale bevanda argentina, che viene bevuta da tutti, grandi e piccoli, a tutte le ore del giorno (loro sono abituati!). Invece in approfondimenti sulla yerba mate grazie al bel lavoro di Fabrizio abbiamo approfondito tutte le tradizioni culturali sudamericane legate al mate. Oggi invece vi presento come si prepara un buon mate, a cura di Marco, perchè i fotografi per i corsi me li scelgo bravi ;-) Buona lettura!

Occorrente per preparare un buon mate:

Il mate è una piccola zucca svuotata ed essiccata

a- Un Mate: si tratta di una piccola zucca svuotata ed essiccata, solitamente decorata all’esterno con disegni vari ed il bordo è rinforzato in metallo. Il Mate conferisce alla bevanda omonima un sapore particolare, ma al primo utilizzo va rodata.

La bombilla è la cannuccia per bere il mate

b- Una Bombilla (pron. Bombiscia): è una cannuccia di metallo, con una parte finale più grossa e bucherellata. Serve a fare da filtro in modo che l’erba non arrivi alla bocca.

Yerba mate

c- Un po’ di Yerba Mate (pron. Gerba mate): è l’erba essiccata, simile al tè, che verrà infusa con acqua calda. Ce ne sono di varie marche, una delle migliori è la Rosamonte.

d- Acqua calda a 70°.


Preparazione di un buon mate:

1. Mettere a scaldare dell’acqua in una teiera sul fuoco o nel forno a microonde; la temperatura dell’acqua è importante, non deve bollire ma stare sui 70° circa.

2. Versare la Yerba Mate riempiendo il Mate per ¾ del suo volume.

3. Tappare il Mate con una mano e girarlo sottosopra, agitando vigorosamente; il Mate è capovolto ma la Yerba non esce perché c’è la mano che tappa

4. Molto lentamente rigirare il Mate per riposizionarlo dritto, facendo attenzione questa volta a non agitarlo. Lo scopo è quello di posizionare la Yerba all’interno del Mate a formare come una collinetta a 45°; nel vuoto lasciato dalla Yerba andremo a mettere dell’acqua tiepida.

Mate con yerba mate

5. Collocare la Bombilla nella parte vuota del Mate

6. Versare un po’ di acqua tiepida nella parte rimasta vuota del Mate; attendere che si assorba (qualche minuto)

7. Versare l’acqua calda (non bollente), evitando di riempiere il Mate fino all’orlo; farà un po’ di schiuma.

Il Mate si beve come un tè, passandolo agli altri commensali dopo qualche sorso e riempiendo il contenitore ogni volta che finisce l’acqua, senza colmarlo del tutto però, altrimenti i primi sorgeggiatori avranno una bevanda molto saporita e gli ultimi molto insipida.

Per chi non è abituato, il sapore può risultare amaro, ma, come per il tè, non va addizionato né zucchero né altro, va bevuto puro.

Yerba mate preparata nel mate pronta per essere bevuta

[Testi e fotografie di Marco]

——————————————————————————–

Vi ricordo che sono aperte le iscrizioni al corso di fotografia convenzionato con FrancescaV: scrivete a info@arsmaior.com e dite che siete miei lettori. Vi aspetto numerosi!

——————————————————————————–

Tags: , , ,

Commenti


  1. Diciamo che mi mancano i fondamenti :-) Bellissime le foto!
    Ciao,
    Aiuolik

    Commento by Aiuolik

  2. cara aiuolik mi sono avvicinata al mate anche io da poco, ma devo dire che tutto il rituale che lo circonda, il suo sapore caratteristico e amarognolo e il suo valore culturale in sudamericana mi hanno affascinata. Prova e mi dirai :-)

    Commento by FrancescaV

  3. ¡Viva el mate!

    Solo qualche annotazione pseudolinguistica: più che mate, il “recipiente” sarebbe più esatto chiamarlo “calabaza”, che di fatto sta per “zucca”.

    E per quanto riguarda la bombilla, l’esatta pronuncia è “bombiƷa” (con la “ll” pronunciata come la “g” dei toscani in “valigia”).

    Eppoi, dacché lo “yeismo” c’è solo con la “ll”, io direi “ierba mate”.

    :P

    F (quello degli approfondimenti)

    Commento by Fabrizio

  4. Molto interessante. Mi piacciono i rituali in genere e gli oggetti legati ad essi.

    Commento by Simona

  5. Fabrizio, mi dispace ma dissento su tutto. ;)

    In Argentina mi risulta chiamino Mate anche il recipiente.
    Quanto alla Bombilla, sempre in Argentina la doppia L la dicono più come un “sc” che una “g toscana”, quindi “bombiiscia” e “poscio” (per dire pollo).

    Su Yerba mi fai venire un dubbio, ma li ho sentiti chiaramente pronunciare jerba e non ierba.

    Ma siccome l’esperto di mate sei tu, m’aspetto di essere smentito. :p

    Commento by marco

  6. Il mate mi ricorda una signora argentina che ho conosciuto un po’ di anni fa…era sempre con questa tazza di mate…un giorno me lo fece assaggiare ma non mi piacque molto è giunta l’ora di riprovarci…baci

    Commento by Anna

  7. Oh my goodness! How exquisite!

    Commento by Cynthia

  8. …a me piacciono le tisane il tè e i loro riti e questo non lo conoscevo..da provare..grazie per averlo mostrato!!era da un pò che non passavo,a presto!!

    Commento by Diana

  9. @ marco: dimenticavo di sottolineare che sono annotazioni riconducibili al porteño, cioé al dialetto di Baires… in fin dei conti, poi, “sc” e “g toscana” si somigliano, solo l’ultima è più dolce e smorzata… ;)

    Commento by Fabrizio

  10. fabrizio e marco: e lo sapete cos’è la pava, che Majuluta mi ha fatto scoprire? E’ il recipiente dove si riscalda l’acqua per il mate. Più o meno ha la forma di una teiera, ma con il manico sopra, e va messo sul fuoco :-)

    simona: rituali di questo tipo piacciono anche a me :-)

    anna: eh sì il gusto del mate è molto caratteristico e amarognolo. Per me invece è stato amore al primo assaggio. Secondo me puoi riprovare. Baci!

    cynthia: I like mate very much :-P

    diana: se sei amante di tè e tisane devi provare anche il mate allora, fammi sapere!

    Commento by FrancescaV

  11. ah, la pava.
    Da appendere al fuoco rigorosamente all’aperto.
    Nella pampa.
    Contornati da gauchos.

    Commento by Fabrizio

  12. Ciao,
    Leggo soltanto oggi! Mi fa molto piacere leggere qualcosa sull’Argentina!!!

    Ragazzi, l’acqua per il mate non va riscaldata al microonde ma nella pava (come qualcuno ha detto) sul fuoco.
    In Argentina non parliamo di 70° centigradi ma di togliere la pava dal fuoco giusto prima che incominci a bollire.

    Polfish

    Commento by Polfish

  13. dopo la visita di mia figlia in Argentina ci ha portato tutto per fare il mate poi sono venuti due dei suoi amici da li e da allora faccio il mate tutti i giorni
    ora lo preferisco al te che normalmente beno tutte le mattine e lo faccio durante il giorno e mi ci diverto pure
    grazie comunque della ottima e precisa spegazione della preparazione:)

    Commento by Anna Rita

  14. brava, sono un argentino bevo il mate da quando avevo 2 anni (ne ho 45 adesso, ho consumato forse qualche quintale di Yerba Mate!!!)
    é vero che noi chiamiamo anche la zucca Mate e la pronuncia della “bombilla” cambia di regione in regione cosi come la temperatura dell’acqua, ad esempio in Cordoba l’acqua è bollente!, e poi ci che lo prende amaro, chi lo vuole dolce o con un cucchiaino di caffè, ecc per tutti i gusti.
    grazie di questo ricordo del mate, ah il mate invita a essere bevuto insieme è quello il senso, amicizia, uguaglianza, ecc.
    un abrazo
    gustavo

    Commento by Gustavo

  15. Non c’entra con l’argomento ma sono curioso e cheiedo a Gustavo se abita a Lucca, in quanto consco un Gustavo argentino che abita a Lucca e che non vedo da molto tempo.

    Commento by Andrea

  16. Ciao.Sono tornata poco tempo fa da una vaanza lunga di 2 mesi in Argentina (Mendoza),
    ho imparato a preparare ed AMARE il mate , Mi sono portato un “recipiente” di legno pero, non di zucca. e insomma, non ha lo stesso sapore! Mi hanno detto che devo “curarlo” prima del primo uso, qui, qualcuno mi sà dire come???
    Grazie, un’ impaziente Silvita

    Commento by Sylvia

  17. COME TROVARE IL MATE BUONO ?

    Commento by paola

  18. Ciao, ho bisogno di aiuto: mi hanno regalato il mate con relativa bombilla, al primo utilizzo, a distanza di un paio di giorni l’interno del mate è ammuffito, cosa posso fare?
    Grazie e buona giornata

    Commento by Raffaele

  19. Qualcuno può postare qualche sito che vende online la Bombilla ?
    Io amo il tè verde e trovo questo metedo di fare infusione e bere molto pratico, lasciando cosi le foglie di tè libere nell’acqua e berlo sanza bisogno di filtrare il tutto.

    Ringrazio chiunque mi dia un risposta..

    Commento by Goryu

  20. Ciao …chi mi puo dire dove posso rivolgermi per comprare: Il bicchiere con la cannuncia metalica (mate e bombilla) …Grazie °°°
    marianaromero1984@hotmail.com

    Commento by Mariana R.

  21. Mah..io metto un cucchiaio d’erba nel pentolino con tanta acqua quanta ne basta per ogni tazza che serve, appena l’acqua ha raggiunto la temperatura giusta, e poi filtro il tutto con un colino da thè dopo avere lasciato l’infuso circa due o tre minuti a fuoco spento..con un cucchiaino di miele, la trovo ottima.
    La cannuccia non filtra molto bene, secondo me, e fa perdere un po’ il gusto diretto.

    Commento by Carlos

  22. E un pò di anni che bevo il mate ma faccio sempre fatica a trovarlo l’ultima volta mi è stato portato dall’argentina abito in provincia di varese dove poso andare a comprare grazie ciaooooooooooooooooo viva el mate

    Commento by gianpiero

  23. io la compero a PLAZA LATINA – MILANO – VIA VOLTA 12 -

    Commento by carla

  24. per curare il mate (recipiente): mettere un po’ di jerba e acqua bollente. lasciare tutto il giorno così, poi buttare.. ripetere l’operazione per almeno una settimana.. fino a che l’aqua sarà verdognola e il mate non si sia impregnato di infuso:)

    Commento by vivi

  25. Bevo mate da quando esisto essendo argentino e si dice bombilla la pronuncia corretta castellana è per capirci bombilia perchè bombiscia è una storpiatura usata dagli stessi argentini.See you!

    Commento by L]e[G

  26. salve a tutti.. ho appena provato a fare il mate ma dalla cannuccia mi arrivano le foglie!! in più è amarissimo.. più di quanto mi ricordassi… che devo fare?

    Commento by pietro

  27. Nello spagnolo la “y” viene pronunciata esattamente come la nostra ” ì” ; quindi :
    ‘ yerba’ = ierba

    Però la doppia l , p.e. di “Bombilla” deve venire pronunciata come ‘gl’ ; quindi:
    ‘ bombilla’ = bombiglia

    però, in Argentina, questo tipo specifico di pronuncia. non é praticato . La pronuncia di ‘gl’ ( per usare una grafia esplicativa italiana) diventa piuttosto un ‘gi'; per cui :
    Bombilla = Bombigia con una ‘g’ sfumata e poco marcata.
    Cordiali saluti.

    Commento by adriano

  28. Ciao a tutti
    Ho provato la yerba qualche anno e mi ha catturato soprattutto il rituale.
    L’ho sempre vista sugli scaffali dell’esselunga ma non l’ho mai presa in quanto non riuscivo a trovare mate e bombilla… almeno fino a ieri…
    Volevo una delucidazione per quanto riguarda la preparazione…
    Se riempio il mate sempre con lo stesso livello di acqua mi troverò una parte della yerba bagnata (che dopo un po’ sarà slavada) e una parte asciutta e inutilizzata…
    O mi sbaglio?
    mi potreste spiegare meglio il “lungo utilizzo” o re-riempimento?
    Grazie

    Commento by giancarlo

  29. Hola a tutti. Che dire del mate se non na monagna di bene? lo bevo da più di 30 anni e da un po’ me lo porto anche in ufficio. Mi sono organizzato un kit portatile come segue:
    – un termos
    – un piccolo barattolo di vertro per la yerba
    – un piccl barattolo di vetro per lo zucchero
    – mate (nel senso del contenitore o calabaza)
    – bombilla
    – un cucchiaino

    Insommauna specie di “matera che pesa poco e occupa pochissimo spazio nel mio zainetto da pendolare.

    Saluti a tutti.

    Alessandro

    Commento by alessandro

  30. ho preparato la yerba mate proprio oggi, l’ho bevuta nel mate e con la bombilla: mostruosamente amara! Il recipiente mi è stato sapientemente preparato da un’argentina mia amica, ma bere l’infuso è stato impossibile. Disgustoso! Avrò sbagliato qualcosa?

    Commento by miriam

  31. miriam, mi sembra che tu non abbia sbagliato nulla. Il mate è molto amaro e non piace a tutti, magari tu sei tra questi :-) La volta prossima ti consiglio di aggiungere un cucchiaino di miele, magari riuscirai a mandarlo giù meglio.

    Commento by FrancescaV

  32. Ciao a tutti io bevo il mate da quando ero piccolo me lo fece conoscere un mio Primo argentino.Io di solito lo bevo con aggiunta di Bucce d’arancia zuccherate Cascaras de narnja…ma anche amaro ma d’estate mi diverto a preparare e a conservare il TENERé con un po’ di Zucchero e un po’ di succo di LIME da bere al posto del te Freddo vi assicuro gran buona bevanda…..Ola

    Commento by bary

  33. Ciao,
    che bello vedere che la cultura del Mate è diffusa un po’ ovunque, essendo in parte anche io argentino…hehe…L’unica cosa che volevo chiederti è se è possibile acquistare qui in Italia l’attrezzatura adatta per il mate, ovvero la bombilla ecc.
    Grazie in anticipo e complimenti! :)

    Commento by STeFaNo

  34. grazie bary.

    Stefano, a Roma io l’ho trovata da Castroni, viale Cola di Rienzo o Ottaviano.

    Commento by FrancescaV

  35. c’è qualcuno che ha comprato matero e bombilla a napoli?purtroppo i negozi del commercio equo e solidale non li vendono!!grazie mille!

    Commento by alice

  36. sono anni che bevo yerba mate, e anche dove abito io, nell’unico negozio equosolidale è impossibile reperire porongo (il contenitore) y bombilla (la cannuccia forata)… so che non è il massimo e c’è chi urlerà allo scandalo, ma anche una normale tazza d’acqua calda e un filtro a retina per tè, infusi e tisane, o un teastick pieno di yerba, vanno sempre bene, l’importante è non perdere mai le buone abitudini :)
    un’amica poi mi procurò la bombilla via internet (sono negata per gli acquisti on line…), pensando bastasse, mentre per il contenitore, porongo o ‘mate’, beh, quello l’ho… ‘riciclato’, da un piccolo barattolo di vetro, rotondo e pacioccone, con la bocca stretta, fa nulla se in origine conteneva marmellata, ma ha proprio la forma giusta e svolge perfettamente la sua funzione… y entonces, buen mate a todos! ;)

    Commento by tootsie

  37. Per l’acqua, un mio amico argentino parla di 80 massimo 85°
    se il mate risulta troppo amaro, basta comprare quello con la dicitura “elaborado sin palo”
    che ha un sapore più delicato.
    sennò se trovate la yerba della rosamonte, potete vedere se trovate quella con la dicitura “suave”
    che dovrebbe essere ancora meno amara….
    io la preferisco elaborada con palo, visto che l’amaro non mi dispiace affatto.
    nel rituale che seguo con i miei amici argentini, (buenos aires)
    ogni volta che la zucca dal mescitore, passa ad una persona, la stessa deve finire tutta la zucca, per poi ri-passarla al mescitore.
    loro non vedono di buon occhio chi passa la zucca semi piena ad un’altro commensale…….
    poi magari pure tutto il rituale, cambia in base alle regioni……

    Commento by ivo

  38. proprio in questi giorni sono stato in un negozio del veneto gestito da una coppia argentina che vende tutto il necessario per il Mate e altri prodotti argentini anche via internet vi scrivo l’indirizzo sperando di farvi cosa gradita. Un cliente argentino mi parlava della “frequenza” energetica delle erbe….qualcuno ne sa qualcosa?
    yerbamate.it/

    Commento by jk

  39. Ciao,
    bevo saltuariamente mate al pomeriggio in ufficio, fra lo stupore dei colleghi. Aggiungo che per chi non ama il suo sapore amaro lo può zuccherare. I porteni aborrono questa cosa, ma nel nord ovest è diffusissimo. Mettono yerba, un po’ di zucchero sul fondo e poi coprono con altra yerba. Dopo uno o due riempimenti aggiungono altro zucchero. Oppure usano delle erbe dolcificanti tipo la stevia (loro lo chiamano “giugio”, non so come si scriva e so che è un mix di erbe autoctone): il risulatto è comunque molto buono!
    Per comprare mate e bombilla: partite per l’Argentina! ;-)

    Commento by Riccardo

  40. Riccardo grazie per le ottime info sul mate, e immagino tu per l’Argentina ci sia partito :-)

    Commento by FrancescaV

  41. for ever mate mi piacerebbe conoscere di persona qualcuno che condivide questa grande passione io sono di verona feliz mate a tutti …… suerte

    Commento by marco

  42. Mia nonna Lucia ne faceva ampio uso, e la dava anche a me,mi piaceva molto con l’aggiunta di zucchero.Aveva(nonna Lucia) 2 fratelli ed altri parenti emigrati in Argentina e loro le avevano trasmesso l’usanza di consumare la “yerba”.Ricordo quando arrivava il “pacco” dall’America che conteneva la yerba,il mato e la bombilla; c’era anche il caffè crudo che mia nonna abbrustoliva lei stessa.

    Commento by Luigi

  43. ……..dimenticavo, ma le bombille sono in commercio in Italia?

    Commento by Luigi

  44. Luigi, grazie di aver condiviso con noi questi racconti della tua famiglia. Come sarebbe più triste il mondo senza le nonne! La bombilla l’ho vista a Roma da Castroni. Potresti cercare anche su qualche negozio online.

    Commento by FrancescaV

  45. Ho conosciuto da poco il mate e con interesse ho letto questi post. Mi piace moltissimo anche senza dolcificanti. In più risveglia il metabolismo e lo fa lavorare (sperimentato da me!). Adesso vorrei costruirmi con una zucca il “matero”. Chi mi insegna? Ciao. Grazie!

    Commento by nicoletta

  46. ciao nicoletta, mi fa piacere che questi articoli sul mate ti abbiano interessato. Non saprei proprio come costruirsi da sè il matero, intanto dovresti trovare una zucca piccola piccola, e proprio non saprei. Se trovi il modo, però, poi facci sapere!

    Commento by FrancescaV

  47. Ciao a tutti,

    son tornato da poco dall’argentina e son rimasto affascinato da questo mate che tutti consumano. Ho comprato tutto l’occorrente per prepararlo e ho preso lerba “la merced” che mi è stata indicata come una delle migliori da persone del luogo. Lo sto facendo quasi tutti i giorni a casa(anche se non so se il procedimento che faccio è perfetto) e devo dire che è veramente buono. Qualcuno mi consiglia qualche abbinamento da fare?ad esempio ho sentito che alcuni lo bevono con l’aggiunta di altre erbe. Quali sono?

    Commento by Marco

  48. Ciao a tutti,
    ho conosciuto il mate quest’ estate, grazie a due argentini di Bariloque, che lavorano in Italia questi tre mesi estivi come guide rafting. La prima volta che ho visto il mate e la bombilla ho pensato:” Ma cosa fumano questi???” poi ho capito.
    Il Mate è stata la scoperta più bella di quest’ estate!!!!!!!!!

    Commento by Filippo

  49. Ciao solo oggi ho scoperto il mate. Ho ereditato dal mio parroco (è stato in missione in sud America) che è mancato yerba mate,mato e bombilla .Oggi mi sono documentata e grazie anche a tutti Voi ho potuto gustarla.Non è male al naturale, ho aggiunto anche delle scorzette d’arancia che preparo con il miele.Buon mate a tutti.

    Commento by margherita

  50. a Pallare (SV), dove abito, è usanza comune fare il “mat”.In mancanza della zucca si usa un bicchiere;copiando dalle “bumbigie”originali portate da alcuni parenti venuti dall’Argentina sono state fatte copie delle stesse.
    Si usa anche preparare la “gerba” come si prepara il thé.
    Sempre comunque usando lo zucchero perchè la “gerba” è amara.
    Ho sempre visto mia nonna e tutte le persone anziane del paese fare il “mat”, infatti i negozi erano sempre ben forniti di “gerba” che vendevano sfusa.
    ciao floriana

    Commento by floriana

  51. Ciao, sono Argentina, e vivo a Buenos Aires. non vi consiglio incominciare con Yerba senza “palo”, perché é una polvere che se non si sa “cebar” bene tappa la bombilla, e diventa insopportabile!!
    intanto vi racconto un termine nuovo: CEBAR. (che fa al rituale)

    il verbo CEBAR (pronunciato SEBAR) é l´atto di preparare il mate, e servirlo. Il mate é dato dal “cebador” (colui che “ceba”) a una persona, e una volta vuoto, lo si ridà a lui; ci rimette acqua e lo passa al prossimo del giro. Cosí, si va passando uno a uno. Se vi fa un po schifo, potete buttare un po d´acqua calda sulla parte della bombilla (senza toglierla) dove va la bocca, per lavala e dargliela al prossimo pulita. Noi non lo facciamo di solito, solo se non si conosce la gente con chi si sta prendendo mate, per gentilezza, ma é molto raro, e lo fa il cebador. gli altri non toccano la pava, per non offenderlo e non interferire nel suo “arte”. Il cebador é chi da il ritmo del giro, ed é lui che prende il primo mate, quello un pó freddo. Beve fino che diventa calto e puó dale il miglior mate algli altri.

    saludos a todos!

    Commento by carolina

  52. Ho dimenticato una cosa importantissima!!!
    se la yerba si brucia con l´acqua é imbevibile, diventa amara e da aciditá. per questo é importantissimo non bollire l´acqua. se vi succede questo, vi consiglio di buttarla e ricominciare, perché una yerba bruciata é insalvabile!!

    Commento by carolina

  53. ALTRI PAESI CHE BEVONO MATE:

    il mate non é soltanto bevuto in Argentina, e ogni paese ha il suo rituale.

    per esempio in Paraguay bevono “Tereré”, mate freddo. invece di mettere acqua calda mettono acqua ghiacciata, o anche succo d´arancio ghiacciato. é molto buono d´estate. Provatelo!

    In Uruguay, NON CHIEDETE UN MATE A NESSUNO!! loro non condividono il mate con gli altri come fanno gli argentini. Vanno al supermercato, in motorino, per la strada, col termo sotto il braccio el il mate in mano, e non vi offriranno mai un mate. Usano mates molto grandi, e sono conosciuti per la sua abilitá di fare durare il mate tutto il giorno senza che si “lavi” (che diventi acqua pura, senza gusto) e quindi, senza dover cambiare la yerba. Peccato che non lo condividono, peche sono ottimi cebadores!!

    Anche in Brasile prendono Mate, ma non conosco le loro abitudini.

    saluti!

    Commento by carolina

  54. Ho tutto per yerba mate ma l’ho fatto in una tazza come il tè. Infatti non riesco a capire come fare il “rodaggio” al contenitore.

    Commento by eSPERAnto

  55. ciao a tutti, da una settimana a questa parte mi sono avvicinato anche io al mate, grazie a ricordi d’infanzia di parenti emigrati in Argentina. vorrei segnalare alcuni siti italiani e stranieri dove poter acquistare i singoli pezzi per fare il mate o diretttamente i kit completi(bombilla, mate e yerba)
    urushop.co.uk/en/
    macrolibrarsi.it strano ma vero, un sito che vende libri ha anche queste cose
    teperte.it

    Commento by roberto

  56. ah se qualcuno vuole spiegarmi il perche a volte a me si tappa la bombilla e sono costretto a buttare tutto gli e ne sarei grato
    buona serata

    Commento by roberto

  57. Ho la Bombilla piena di erba mate, l’ho usata solo due giorni fa, per circa tre bevute con amici… che devo fare ore? posso riutilizzare l’erba rimettendogli l’acqua calda oppure devo per froza buttarla? non è uno spreco ? In pratica per quante volte si può usare l’erba? Grazie!

    Commento by Francesco

Torna in cima | Torna alla home

Scrivi un commento




 

Newsletter

FrancescaV.com è il mio diario di ricette che puoi cucinare facilmente in casa. Per averle direttamente nella tua email iscriviti alla newsletter. Benvenuto!

Il TrovaRicette

Pochi ingredienti nel frigo e nessuna idea su come usarli?

Inserisci uno, due o tre ingredienti nel box a fianco e trova la ricetta che fa per te!

 
 
 
 
 
 

Ricette di Natale, clicca!

Ricette di Natale

 

Ricette di Natale Antipasti

 
  • Ricette di Natale Primi piatti

     

    Ricette di Natale Secondi piatti

     

    Ricette di Natale Contorni

     

    Ricette di Natale Dolci 1

     

    Ricette di Natale Dolci 2