Cucina consapevole: la pasta madre

Letto 250331 volte.

Cucina consapevoleLa pasta madre, pasta acida, lievito naturale o ancora lievito madre (in inglese sourdough) è una preparazione che spaventa molte di noi. Invece basta essere tenaci e testarde (in napoletano si dice “una persona insista”) e questa bestia nera diventa una sciocchezza, con l’unica scocciatura che ci vogliono un po’ di giorni per vederla nascere e qualche mese per farla diventare bella forte e in grado di far lievitare qualsiasi cosa. La mia adesso ha un paio d’anni, e a parte essere esteticamente meravigliosa (ogni scarrafone è bello a mamma sua) e ad avere un meraviglioso profumo di spumante, mi dà anche un bel po’ di soddisfazioni. La lievitazione ottenuta con la pasta madre permette agli impasti di conservarsi più a lungo nel tempo (il pane rimane praticamente fresco anche per quattro o cinque giorni), e li rende più digeribili. Questo perchè durante la cottura, a causa dell’evaporazione dell’acqua nell’impasto, la temperatura all’interno del pane non supera mai i 100°C, per cui le spore batteriche e fungine (in questo caso benefiche per il nostro organismo) rimangono vive. Questi sono gli ingredienti e il procedimento per realizzarla.

Per dubbi, domande e incertezze ci vediamo qui da Francesca al “pronto soccorso pasta madre 24h su 24″ 😉

Ingredienti: 200 grammi di farina 0, 100 grammi di acqua tiepida non calcarea, 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva, 1 cucchiaio di miele di acacia.

In una stanza tiepida (devono esserci almeno 25 gradi) riunite tutti gli ingredienti in una terrina aggiungendo l’acqua un po’ per volta, fino a ottenere un impasto morbido ma non appiccicoso. Mettete questo impasto in un contenitore di vetro leggermente unto d’olio, facendo sopra un taglio a croce; coprite con della pellicola e lasciatelo riposare per 48 ore in un luogo tiepido. Trascorse queste 48 ore riamalgamate il tutto; in questo modo riotterrete una palla che sarà la vostra pasta acida. A questo punto dovete fare il primo rinfresco. Prendete la palla, che dovrebbe pesare circa 300 grammi. Buttate via 100 grammi di impasto. Aggiungete 200 grammi di farina 0 e 100 grammi di acqua tiepida ai 200 grammi di pasta acida rimasti. Formate di nuovo la palla, fateci sopra di nuovo il vostro taglio a croce, e rimettetela nella ciotola di vetro, sempre leggermente (leggermente!) unta d’olio. Trascorse 24 ore, fate di nuovo il rinfresco con lo stesso procedimento. Dovrete fare questa operazione una decina di volte prima di poter utilizzare la vostra pasta acida, dopo di che potete tenerla in frigo e rinfrescarla ogni cinque o sei giorni per sempre. Normalmente la pasta acida è utilizzabile quando raddoppia in tre ore circa (civorrà un mesetto o due) e il taglio a croce prende una forma a fiore; se provate ad utilizzarla prima potreste avere impasti poco lievitati e dal sapore acido. Ricordate sempre di guardare la data di scadenza della farina, e di comprarla preferibilmente confezionata in atmosfera modificata. Per la buona riuscita della pasta madre e di tutti gli impasti è molto importante che la farina sia bella viva e vegeta, quindi giovane.

Come conservare la pasta madre:
Esistono vari sistemi per conservare il lievito naturale. Quando si usa spesso per fare il pane o altro, diciamo almeno una volta alla settimana, conviene tenerla fresca, conservandola in un recipiente di vetro chiuso con la pellicola per tre o quattro giorni; altrimenti in frigorifero anche per cinque o sei giorni, ma in questo caso va rinfrescata almeno una volta prima di utilizzarla perchè con il freddo si addormenta.
Se volete partire o fermarvi per un po’ per qualsiasi motivo, potete anche tenerla nei seguenti modi:
Surgelata:
in una busta per surgelare nel congelatore. Quando vi serve la lasciate scongelare, deve essere a temperatura ambiente, poi fate rinfreschi fino a che non raddoppia in tre ore; a questo punto è pronta per essere utilizzata.
Secca:
Si spalma con una spatola in uno strato sottile sulla carta forno e si lascia asciugare all’aria. Dopo un paio di giorni, quando si secca, si puo’ staccare e mettere in un vasetto.

Come riutilizzare l’eccesso di pasta madre:

Provate a fare le frittelle di pasta madre, velocissime da realizzare, pronte in pochi minuti, ottime a merenda o a colazione.

Avvertenze sulla pasta madre:
– in uno qualsiasi dei passaggi, se la pasta non si gonfia dopo 48 ore, provate lo stesso a reimpastare come nella seconda fase e aspettate di nuovo 48 ore. Se non succede nulla di nuovo, dovete buttare tutto e ricominciare da capo.
– la presenza di frutta molto matura nella stanza aiuta la pasta a fermentare.
– la pasta acida può essere utilizzata sempre in sostituzione del lievito di birra, calcolando sempre circa 300 grammi di pasta acida per un chilo di farina 0; in caso di farine povere di glutine bisogna però mantenere la dose di circa 400 grammi per un chilo di farina.
– la lievitazione con la pasta acida rispetto a quella con il lievito di birra richiede molto più tempo (a volte anche 24-36 ore).
– normalmente l’impasto si comporta in questo modo: all’inizio la palla si gonfia lentamente soprattutto in larghezza ma anche un po’ in altezza; poi si gonfia tantissimo, triplica di volume e sembra esplodere; alla fine si affloscia e sembra cada verso il basso. Questo è il momento in cui bisogna di nuovo rinfrescarla.
– se viene rinfrescata regolarmente, la pasta acida può durare tutta la vita. Più è vecchia, più il pane viene buono. Esistono paste acide che hanno anche duecento anni.

Non mi resta che augurarvi in bocca al lupo, e soprattutto buon divertimento 🙂

La pasta madre o pasta acida o lievito naturale

[testi e foto di IZN ]

Tags: , , , ,

Commenti


  1. ETTORE, dimenticavo……….quando dice mettere a lievitare ti consiglio di mettere questo impastino dentro un barattolo, chiuso da un tappo, sai quelli della bormioli da mezzo chilo…che metterai nel forno SPENTO con la luce accesa e un pentolino di acqua sul fondo del forno,,,,,,, che avrai riscaldato sul fuoco,,,,,devi ricreare una cella calda umida, …………vedrai !!!!!! fammi saperere

    Commento by cleofe

  2. Ciao io scrivo per un pronto soccorso pasta madre:ho fatto la pasta madre, è venuta benissimo,l’ho messa in frigor,ho fatto i rinfreschi settimanali,ma usandola parecchio è finita.
    Probabilmente si è “addormentata”.
    Chiedo due cose:ne è rimasta pochissima posso ripartire da questa per rinfrescarla?
    La rinfresco tutti i giorni come all’inizio o parta con 1 alla settimana?
    Usandola parecchio posso lasciarla fuori dal frigor?
    Grazie buon weekand

    Commento by Chicca

  3. chicca ……….. certamente .puoi ripartire con quella che ti è rimasta ,,,,,,,,,,io farei cosi:::::::: la rinfrescherei ogni 2 giorni….prova……ciao a presto

    Commento by cleofe

  4. Ciao…dunque io ho fatto nascere la mia pasta madre,ho fatto il primo rinfresco,e tutto sembra procedere bene ma ora mi sorge un dubbio…dopo il primo rinfresco ho circa 500 gr di pasta madre mi trovo di fronte ad un bivio 1) tolgo 100 gr e aggiungo 200 come la prima volta e poi sempre cosi’? o 2) tolgo 1/3 e aggiungo i restanti 2/3 ( per essere chiari tolgo circa 170 gr e aggiungo 340?) e al terzo e successivi rinfreschi sara’ sempre in proporzione 1/3 e 2/3?
    ciao e grazie

    Commento by silvia

  5. @ cleofe sono riuscita girovagando quà e là a trovare un’impasto che somiglia abbastanza alle veneziane che ho assaggiato (che non sono quelle fatte di pasta briosche con crema e granelle di zucchero sopra) in realtà è una treccia. sono riuscita a fare anche la foto!! quindi presumo che devo mandarla all’indirizzo di francescaV insieme alla ricetta o sbaglio? oppure posso già scrivere la ricetta quì? fatemi sapere perchè la treccia è buona…
    ciao!!!!!!!!!

    Commento by erica

  6. Ho un problema con le proporzioni, non tanto in matematica quando in cucina. Leggevo che per 1 Kg di farina ci vogliono 300gr. di P.M. La ricetta del pane per 600 gr. di farina dava 250 gr. di P.M. Come faccio a regolarmi con tutti gli ingredienti, compresa la P.M., se aumento la dose di farina? Applico sempre una proporzione puramente matematica?
    Da quando ho comprato l’impastatrice ho notato che quando impasto il pane, alla fine, il composto è più molle e la crescita non è in altezza quando in larghezza. E’ preferibile diminuire la quantità di acqua e in che misura oppure diminure il tempo dell’impasto? Grazie per la risposta.

    Commento by Anto

  7. silvia io farei cosi:::::::::: ho 500 gr di p.m. divido a metà cioeè prendo 250 gr di p.m. aggiungo 250 gr. di farina + 125 gr di acqua . questo è un rinfresco—————punto……………. questo va per la prossima volta che ti servirà…I RIMANENTI 250 GR. DI P.M. O LI BUTTI SIGH SIGH O CI FAI IL PANE DEL RINFRESCO cioè ai 250 gr di P:M: aggiungi 250 di farina + 125 gr di acqua + un cucchiaino di sale alla fine,,,,,,,,,,,,,,,,,,,, impasti,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,, metti in una teglia con carta forno…………metti in forno spento con pentolino di a. calda sotto fino al raddoppio ……….poi cuoci . comunque la spiegazione del pane facile la trovi da IZN cliccando su IL PASTO NUDO spero di esserti stata utile,,,,,,,,………………………..Ciao FRA mi sono permessa……sono invadente?

    Commento by cleofe

  8. ERICA …..mi piacerebbe avere la ricetta ma secondo me devi mandare a Francesca che poi penserà lei a postarla, io comunque ho fatto i cornetti di pasta sfoglia , ma si è rotta la m.fotog.ciao

    Commento by cleofe

  9. cleofe, sei un tesoro, oltre ad essere bravissima. Installerò presto il nuovo Forum cosicchè tutti riuscirete a parlarvi ancora meglio di adesso, e scambiarvi ancora di più idee, spunti, dubbi e successi. Credo sarà molto utile. Intanto grazie a te e agli altri per fare tutto questo già. Buona giornata!

    Commento by FrancescaV

  10. grazie Cleofe!provero’ come hai detto per ora sono ai primi rinfreschi e non ho ancora avuto il coraggio di testare nessuna ricetta ma presto provero’ e vi faro’ sapere…p.s oggi la mia pasta ha un delizio profumo! buona giornata a tutti

    Commento by silvia

  11. Grazie cleofe, quindi usandola molto posso lasciarla fuori dal frigor? con il caldo continua la lievitazione giusto? buona sett. a tutti……………………

    Commento by Chicca

  12. dopo lunghi preparativi per l’attrezzatura ( forno a legna, impastatrice da 5 kg quant’altro necessario),sarei pronto a fare il pane.
    dopo varie ricerche per preparare la pasta madre ,inizio la produzione della stessa e del pane, ma con scarsi risultati ( pane poco lievitato – non molto saporito -mollica compatta ).
    Gli amici di qesto sito possono essermi di aiuto ???? per migliorare il mio pane.
    chiedo a Voi l’invio di una ricetta per la pasta madre (quantità precise) ; la ricetta , preparazione e quantità di ingredianti per n 5 pani da 1 kg

    Commento by ettore

  13. Volevo dire ad ANTO che per 600gr difarina io metto 150/180gr di P.M. e la lascio lievitare tutta la
    notte dentro la macchina del pane e il resto delle dosi le lascio come da ricetta……. esce un pane fantastico……………….spero di esserti stata utile Ciao

    Commento by Chicca

  14. CHICCA.. si …però controlla ogni giorno .se vedi che si affloscia , di solito succede quando apri il barattolo, RINFRESCA, ricordati di tenere sopra il barattolo un foglio di carta scottex bagnata e strizzata, poi chiudi con il coperchio,ciaooooooooo

    Commento by cleofe

  15. ciao! ho visto le foto di pagnottella dei pangoccioli e delle brioches col tuppo (scusate ma cosa vuol dire?!!) e visto che mi ispirano TANTISSIMO chiederei a Pagnottella se è così gentile da pubblicare la ricetta di almeno una delle due… so che magari chiedo di svelare un segreto gelosamente custodito ma… ci provo!!!! grazie mille e buona pani9ficazione a tutte! ps cleofe grazie dei tuoi consigli, leggendoli ho imparato molto!

    Commento by elena

  16. grazie elena mi fa molto piacere……….

    Commento by cleofe

  17. 28 gennaio 2009

    Gentile Francesca,
    sto tentando di fare la pasta madre secondo la sua ricetta.
    Ieri sera ho fatto il secondo rinfresco.
    Una cosa non mi è chiara:
    se ad ognuno dei primi 10 rinfreschi, ogni 24 ore, butto via 100 grammi di impasto e ne aggiungo 200 di farina, alla fine, in dieci giorni avrò un impasto di oltre un chilo.
    E’ giusto quindi buttare via tutte le volte 100 grammi di impasto e tenere il restante oppure bisogna sempre tenerne circa 200 grammi e buttare il resto?
    Se mi risponderà con cortese sollecitudine saprò come continuare ad agire in tempo utle per non rovinare tutto.
    Grazie, saluti.
    Nunzio.
    P.S.
    Sto adoperando la farina di timilia.
    Pensa possa funzionare?

    Commento by Nunzio

  18. ….se mi posso permettere di rispondere…nunzio devi RINFRESCARE sempre 200 gr. di p.m e buttare sigh..sigh..sigh….il resto……..ciaooooooooo

    Commento by cleofe

  19. Cleofe!
    Se ti puoi permettere!
    Ma certo! Grazie!
    In realtà, leggendo ieri qualche commento, qualcosa del genere l’avevo capita, ma adesso mi è proprio tutto chiaro…
    Pero, Cleofe, sai una cosa?
    La mia pasta madre è proprio dura, una vera pagnotta!, invece la vostra è molle, appiccicosa, da prendere con il cucchiaio!
    E’ anche di colore, ma questo, lo so, è per via della farina integrale di timilia che sto usando.
    Stasera comunque ne ho aggiunta, per rinfrescare, un pò di bianca bio appena macinata (ho la fortuna di avere un’amica proprietaria di un’azienda agricola che coltiva anche il grano che poi macina al bisogno in un piccolo mulino “portatile” acquistato in Trentino!).
    Che peccato, è vero, che tanta di quella roba debba finire nella pattumiera…
    Grazie ancora per il messaggio, sei stata gentile e mi ha fatto piacere, l’ho sentito come un “Benvenuto!”.
    Ciao e a presto…

    Commento by Nunzio

  20. NUNZIO , secondo me la farina integrale assorbe acqua, prova a metterne, di acqua,,,,, un pò di più.Anche la mia P:M: appena impastata risulta molto compatta , ma dopo qualche ora diventa come una SPUGNA,,,, ma la mia P:M:ha 6 MESI.!!!!!!!!!!!!………,,,una cosa importante è che ognuno di noi ha la SUA P.M., …..c’è chi la prende con il cucchiaio , sono tanti i modi , adesso tu devi solo preoccupare di rinfrescare tutti i giorni, arriverà il momento MAGICO, vedrai…………….CIAOOOOOOO.

    Commento by cleofe

  21. ciao Nunzio scusa l’ignoranza cos’èla farina di timilia?
    Cmq anche la mia pm di farina integrale è dura….. metti più acqua ciaooo

    Commento by claudia

  22. Di nuovo grazie per i tuoi suggerimenti, Cleofe!
    Già eseguito: stasera ho rinfrescato con una miscela al 50% di farina integrale e farina bianca e con un pò d’acqua in più. Speriamo bene.
    La tua p.m. ha sei mesi?
    Ma allora tu panifichi già! Quindi sei ornai una veterana! Complimenti! Ti devo rispetto! Io sono un pivello, il mio impasto non può ancora essere definito pasta madre e davvero non so se sentirò mai in casa il profumo del mio pane!
    Intanto aspetto con ansia questo momento magico per gioire ( siamo davvero dei bravi ragazzi, di quanto poco ci accontentiamo!)…
    Ti terrò informata sugli sviluppi di questa mia vicenda.
    Diciamo che adesso sei il mio mentore. Dovrai prenderti cura di me fino a quando la mia “opera” non avrà spiccato… il lievito!
    Ciao..

    Commento by Nunzio

  23. Ciao Claudia!
    Il grano duro “Timilia” è una varietà, appunto di grano, molto in uso forse fino ad un secolo fà ma ormai poco diffusa e coltivata solo in alcune zone ristrette della Sicilia.
    Dalla farina, integrale, si ottiene un pane molto scuro… ma anche molto buono.
    L’ho assaggiato solo una volta, ma se riuscirò mai a farlo da me, ti informerò meglio!
    Ciao!

    Commento by Nunzio

  24. Nunzio grazie mille per queste informazioni sulla farina Timilia siciliana che non conoscevo. Sono molto interessata ad approfondire il discorso sulle farine antiche, e se quindi riuscirai a trovarla mi farebbe piacere se mi avvisassi. Intanto in bocca al lupo per la tua PM, abbi fede tra poco panificherai con soddisfazione, e grazie alla mitica Cleofe 🙂

    Commento by FrancescaV

  25. Oooooo, anche Francesca!
    Ciao Francesca!
    Ma io la farina di timilia la sto già usando, fin dal principio!
    Tra l’altro è di ottima qualità, perchè viene da una coltivazione diciamo privata ed è sempre, la mia, macinata al momento, quindi freschissima!
    Ne vorresti un pò?

    Commento by Nunzio

  26. =nunzio, ,,,ma allora tu con questa farina integrale stai facendo nascere la P:M:???????????? non avevo capito……..ma secondo te vive???????? perchè la P:M: si dovrebbe fare con una farina di forza, per cui meglio sarebbe usare la 0. poi quando avverrà la magia, e cioè quando vedrai la MADRE spugnosa e piena di buchi: a quel punto,potrai panificare con la tua ottima farina . Io ho sperimentato il rinfresco della M: con farina integrale ed è andato tutto bene, ma la mia P:M: ha ormai sei mesi…………..no ………perchè se la tua P:M: vive, avendo messo farina integrale,, sei stato bravissimo.!!!!!!!!!ciaoooooooo

    Commento by cleofe

  27. ==nunzio ….scusa mi sono riletta bene i post precedenti, ribadisco che l’acqua in più era se metti solo farina integrale. ma se ne metti la metà bianca attento all’acqua……..prova a mettere solo bianca 0 poi quando farai il pane ci metterai la tua ottima farina………scusa ma io farei cosi.Vedrai che è un continuo sperimentare, ma se ti appassioni…….diventa una dipendenza ……..ariciao

    Commento by cleofe

  28. Cleofe,
    comunque, usando solo farina integrale, nei primi giorni, la mia pm un pò aumentava di volume.
    Poi ho aggiunto un pò d’aqcua in più e mischiato lla farina bianca (per altro anch’essa integrale) e va molto meglio, ma non so, a questo punto, se per l’acqua o per la farina.
    Comunque nel prossimo rinfresco metterò solo farina bianca.
    Volevo chiederti una cosa:
    la mia pm, chiaramente ormai inacidita, ha un cattivissimo odore appunto di acido, ben lontano dall’inebriante profumo di spumante che, come ho letto in qualche post sopra, dorebbe avere.
    E’ noirmale che sia così per ora?

    Commento by Nunzio

  29. ..nunzio, quando rinfreschi fai cosi………200 gr, di p.m. + 200gr di farina non integrale ma grano tenero 0 aggiungi un cucchiaino di miele, questo di aggiungere il miele lo farai non tutte le volte ma ogni tanto …….ciao

    Commento by cleofe

  30. Nunzio che bello che hai la tua farina. La tua offerta è molto generosa e irresistibile per me. Sentiamoci per email 🙂 Grazie!!

    Commento by FrancescaV

  31. Grazie Cleofe,
    metterò il miele…

    Commento by Nunzio

  32. Francesca,
    ti ho invieto una mail all’indirizzo su in alto ma è stata rigettata dal tuo server, mi è arrivato l’avviso.
    Fammi sapere in quale altro modo si può fare.
    Ciao.

    Commento by Nunzio

  33. ciao a tutti. Sono nuova! vi seguo da tanto per cogliere ipreziosi consigli sulla pasta madre.Ho provato una volta e ho buttato tutto perchè non era venuta poi mi sono imbattuta in questo sito e….miracolo! non so come ma ci sono riuscita. Sono solo al 4° rinfresco e m i stupisco nel vedere “quella cosa” crescere così tanto. Non posso credere di averla fatta io!!! Tra l’altro ho usato la farina 00 perchè avevo solo quella in casa, la più economica che si possa trovare, eppure la mia creaturina al rinfresco di ieri (il 3°) dopo solo 4 ore era più che raddoppiata e ha un profumo buonissimo! Mi sono chiesta se per caso è un male che lieviti così in fretta…

    Commento by NATASCIA

  34. E brava Natascia!
    Lei arriva, zitta zitta, e già solo dopo 3 rinfreschi si ritrova con una pm dal profumo buonissimo che dopo poche ore diventa una montagna mentre io, dopo l’8° che ho appena fatto sono ancora alle prese con una pagnotta che di crescere in maniera così entusiasmante non ne vuole sapere e che quando la tiro fuori dalla sua “culletta” mi riempe la cucina di odore di aceto di mele!
    Con tutte le attenzioni che le dedico, tracurando anche il sonno (sono le tre del mattino), credo che la mia sia proprio una pasta madre ingrata!
    Scherzi a parte, complimenti!

    Commento by Nunzio

  35. Grazie Nunzio, non ci posso credere neanche io!Ieri sera quando sono tornata a casa (alle 22) ho voluto darle una sbriciatina (l’avevo rinfrescata alle 13 circa) e sono rimasta di stucco per come mi aveva riempito tutto il contenitore 0_0 !!! Ho letto su questo blog che bisogna rinfrescarka almeno 10 volte prima di usarla, ma visto che lievita così tanto mi sta venendo voglia di provarla…

    Commento by Natascia

  36. Ciao qualcuno mi sa dire se posso usare la pasta madre anche come lievito per dolci ? eventualmente mi comporto come per un impasto salato?

    Commento by Chicca

  37. Buona sera a tutti, come fate ad avere al meno 25 gradi?Quali accorgimenti per fare la pasta madre durante l’inverno?Grazie e complimenti.lia

    Commento by lia

  38. Natascia,
    ma la tua pasta madre è una pagnotta?
    La mia sì!
    Lo è sempre stata, fin da “piccola”!
    Anch’io do sempre una sbirciatina: stamattina l’ho data appena sveglio ma erano passate solo tre ore dal rinfresco!
    Devo dire, però, che stasera mi pare raddoppiata: ora è quasi una pagnottona!
    Credo che ora il problema più grande sia l’odore. Speriamo che cambi!…

    Commento by Nunzio

  39. Ciao Cleofe!
    Ieri sera ho messo il miele!
    Oggi ‘siamo’ cresciuti abbastanza!
    Visto che domani farò l’ultimo dei dieci rinfreschi, dopo che faccio:
    ogni 3/4 giorni rinfresco e metto subito in frigo e poi alla scadenza riesco dal frigo e rinfresco di nuovo subito?
    Oppure prima di mettere in frigo e dopo aver tirato fuori devo aspettare?
    Grazie…

    Commento by Nunzio

  40. ciao nunzio, allora a questo punto fai cosi ::::::::::::puoi scegliere di tenere la P:M((: in un barattolo alto .con circa 500gr,di P:M:))in una credenza,,,,,,,,,,,,,, oppure in frigo,,,,,,,,,,, se decidi per la prima ipotesi rinfrescherai ogni 2 giorni,,,,,,,,,,,,,,,,se invece decidi di tenerla in frigo farai cosi::::::::::rinfresca come al solito…..mettendola al riparo di correnti con un panno umido sul barattolo e poi chiusa al riparo della luce, ,,,,,,,,,appena la vedi bella arzilla la metti in frigo……..PUNTO,,,,,,,, quando deciderai di usarla la tiri fuori dal frigo ,,,,,,,,,per esempio la mattina,,,,,,,alle 14 la rinfreschi ,,,,aspetti che diventi arzilla e poi la ributti in frigo……….anche se per tua comodità la rinfreschi alla sera non succede niente, considera che lei in frigo si addormenta quindi ci vuole un pò per riprendersi,,,,,,,,vai e buon impasto……………..ti consiglio di metterla sempre in un barattolo alto con il coperchio, a lei piace stare stretta……….

    Commento by cleofe

  41. chicca ,, mmh,,,,,dipende da che dolci vuoi fare!!!!!!!!! se fai i croissant ti dico di si, il panettone si ecc. ecc. se fai la crostata ,no, il ciambellone no,,,,,, ciao

    Commento by cleofe

  42. A casa mia, in questa stagione, è impossibile trovare trovare 25 gradi…per i primi dieci giorni e i 10 “rinfreschi” l’impasto deve stare a tale temperatura? Se è così aspetto l’estate anche se le tue spiegazioni mi hanno messo troppa curiosità! Brava ciao

    Commento by lauragì

  43. lia, usa il forno spento con un pentolino di acqua calda dentro,,,,,,,diventerà una camera di lievitazione,,,,,,,,ciao

    Commento by cleofe

  44. Per nunzio: no non è una pagnotta, cioè una volta che la rinfresco cerco di tenerla non troppo liquida perchè non riesco a lavorarla con le mani, faccio la pagnotta e la metto nel contenitore di vetro coperto da una pellicola. Quando aumenta di volume è tutta alveolata e molto più molliccia e riempie tutto il contenitore…unica cosa, oggi l’ho rinfrescata ma all’inizio aveva un odore un pò troppo forte di spumante, un pò acido credo….aiutooooooooooo

    Commento by natascia

  45. Natascia,
    io non ci capisco niente!
    Mettendo 200g di farina e 100 di acqua, io ottengo sempre una bella pagnotta, proprio dura!
    Certamente a causa della farina che adopero.
    Tienimi aggiornato sugli sviluppi, mi interessa!
    Ciao!

    Commento by Nunzio

  46. la prima volta era venuta ache a me una bella pagnotta, ma dal primo rinfresco (fatto così come descritto in questo post a inizio pagina), la pasta si è subito gonfiata ed è diventata molliccia, e io aggiungevo sempre 100 g di acqua. Negli utlimi 2 rinfreshi ho messo un pò meno acqua sennò era veramente impossiile da lavorare a mano (e non mi andava di aggiungere altra farina perchè avevo paura di rovinare tutto!); comunque quando la riprendo per rinfrescare di nuovo è sempre molle non solida come potrebbe essere (per esempio) la pasta della pizza appena lievitata. In altri forum/post ho letto che la densità dell’impasto è soggettivo, che se è troppo liquido si può mettere meno acqua ma che non c’è una consistenza perfetta….non so, per ora vedo che lievita bene, ti faccio sapere domani mattina se quella di stasera (dopo il profumo un pò forte) si è comportata allo stesso modo… la tu acome va?

    Commento by natascia

  47. ah scusa, dimenticavo…ho sempre usato farina 00, in teoria non adatta 🙂

    Commento by natascia

  48. Natascia, allora forse bari!
    Io invece ho sempre usato farina integrale, bianca o nera!
    Stasera in teoria avrei finito!
    Ho appena fatto il decimo rinfresco e non è che sia poi così entusiasta… Cresce, sì, ma non è che mi riempia proprio il contenitore!
    L’odore poi è ancora sgradevole, ti ho già detto: aceto di mele…ma di quello forte!
    Devo dire che sono tentato di rprovare con un altro impasto. Magari lo faccio, chissà…

    Commento by Nunzio

  49. Buongiorno!!! eccomi! allora…ieri sera appena a casa ho controllato il blob: è rimasto a pagnotta 8sicuramente perchè ho messo un pò meno acqua nell’ultimo rinfresco) ed ha riempito il contenitore, anche l’odore è tornato come prima :)))…per il tuo problema hai provato a fare un giro nei vari post di internet? mi pare di aver letto che quando la pasta inacidisce (da quello che scrivi mi sembra il tuo caso) bisogna immergerla in acqua, non ricordo bene il procedimento ma prova a vedere, cerca “pasta madre inacidita” così vedi se corrisponde alla tua e le soluzioni. Altra cosa: non riesco a trovare una ricetta per la pizza con pasta madre. Ne ho vista una ma la devi far lievitare tipo 20 ore!!!! Peè un pò tanto visto che la voglia di pizza non mi viene con così largo anticipo. Stasera mi sa che inauguro comunque la mia “palla” provando a fare una focaccia. Vi farò sapere 🙂

    Commento by natascia

  50. Ciao a tutti,
    è un po’ di tempo che ho cominciato a fare la pasta acida, io vi dirò ho iniziato con la ricetta di Francesca e adesso vado a occhio, aggiungo poca acqua e farina per ogni rinfresco senza badare le proporzioni. Somiglia a una pastella, fa bollicine tipo schiumetta. Ho però un problema, in uno di questi rinfreschi l’ho lasciata più di 24 ore fuori e si e seccata sopra ed divetata sopra gialla, io però l’ho messa lo stesso in frigo e l’ho rinfrescata successivamente. Penso che durante la notte non fa tanto caldo e per questo ho seguito l’indicazione di Cleofe di metterla nel forno con la luce accesa. Nel frattempo ho cominciato una nuova pasta acida perchè non so se quella che si è seccata è ancora valida o devo buttarla.
    Vi prego dattemi un parere.
    grazie

    Commento by debby

  51. ciao debby, secondo me se non ha un cattivo odore e lievita può andar bene, ma è sempre meglio stare attenti prima di ingerire qualcosa di strano!!! Per il calore, io sinceramente la tengo dentro un mobile della cucina in fondo al buio, il mobile viene anche aperto spesso e in casa mia quando il riscaldamento non è acceso ci sono circa 15 gradi! Da quello che vedo però la mia pm non ne ha risentito per ora….

    Commento by natascia

  52. Ciao a tutti!
    La mia pasta madre (che mio marito chiama la “dea madre” o la “regina madre”, a causa delle attenzioni che richiede!) è nata il 17 gennaio. E’ sempre stata vispa e sveglia, perciò una settimana fa ho provato a fare anche il pane. Ha lievitato benissimo, ma è venuto piuttosto acido. Comunque non mi sono preoccupata tanto. Ho pensato infatti che le cause potrebbero essere due: ho usato troppo lievito in rapporto alla farina e ho tenuto l’impasto a lievitare per troppe ore.
    Mi sono proposta di ritentare questo fine settimana, cercando di non ripetere gli stessi errori.
    Nel frattempo però qualcosa è cambiato: la mia pasta madre ha sempre avuto un buon odore, inizialmente da lievito, poi ha cominciato a profumare da spumante. Improvvisamente ieri sera ho avvertito invece un sentore di aceto…a quasi tre settimane di vita è possibile che si sia inacidita? L’aspetto è sempre buono, con gli alveoli ben aperti. Dopo i rinfreschi cresce normalmente. Nel tempo è solo diventata più tosta, all’inizio era più molliccia.
    Non so che cosa fare, perché d’altra parte in vari posti ho letto che quando il ph è troppo basso l’odore dovrebbe essere di formaggio. Non ho una cartina tornasole e perciò non posso misurare l’acidità. Non vorrei sottoporla a un “lavaggio”, se invece magari è normale che a tre settimane di vita abbia questo odore.
    Cosa mi consigliate?
    Grazie

    Commento by Erika

  53. @natascia: ho postato sul mio sito una ricetta di pizza con la pasta madre, la ricetta me l’ha suggerita pagnottella ed è fantastica. l’indirizzo è ilpastonudo.it/2009/01/pizza-con-la-pasta-madre/ spero che ti piaccia 🙂

    Commento by izn

  54. tutti: tra poco raccoglierò tutte le vostre ricette che mi avete inviato sulla pasta madre in un pdf così le potrete scaricare ed avere tutte insieme 🙂

    Commento by FrancescaV

  55. Ciao Natascia!
    Ho seguito il tuo consiglio e letto qualcosa in giro sulla pasta inacidita: non l’avessi mai fatto!
    Mi sono perso e sono più confuso di prima!
    Il metodo per provare a recuperarla è trppo complesso, tanto vale buttarla via e ricominciare daccapo.
    Intanto stasera l’ho messa a riposo in frigo e…… ne ho fatta un’altra!
    Stavolta ho usato solo farina bianca e fatto molta attenzione alla temperatura (anche se proprio oggi mi si è guastata la caldaia e non sarà possibile ripararla fino a lunedì!!).
    Boh, speriamo bene!
    Buonanotte.

    Commento by Nunzio

  56. ciao a tutti! grazie izn vado subito a controllare!!! Nunzio: beh se proprio non vuoi affrontare il procedimento prova di nuovo vedrai che poi ti vine. Intanto io ieri ho fatto la ricetta dei grissini letta su cookaround e mi sono usciti bene!!!la mia pasta madre ha solo una settimana e già raddoppia non proprio in 3 ore ma in 4/5 si! sono proprio soddisfatta, non credevo che una cosa del genere potesse darmi queste soddisfazioni, mi sento un pò infantile ma è fantastico!!!

    Commento by natascia

  57. IZN: vista!l’avevo anche già stampata assolutamente da provare…devo solo capire se la mia pm giovane di una settimana può già affrontare la prova pizza!

    Commento by natascia

  58. Ciao! Intanto complimenti a tutti! e poi… AIUTO!!! Forse sono un po’ lenta, o forse piu semplicem nn sono una gran cuoca (puo essere!;o)), però nn ci capisco piu nienteeeeee! ;o) Mi spiego: ho iniziato l’esperimento della pm ormai 2 settimane fa. Trotterellando su inet, da qualche parte ho letto che la pm è pronta dopo circa due mesi di rinfreschi, quindi la sto coccolando ancora (rinfresco e fuori dal frigo): mi sembra “sana”, ma nn così vitalissima come le vostre. Vabbè… Ora le domande:
    1. Posso già iniziare a fare il pane o la pizza?
    2. La mia pm è piccolina, peserà al max 250 g! All’ultimo rinfresco prima della panificazione, posso rinfrescarla tutta, senza buttarne la metà, in modo da averne abbastanza per fare il pane e per tenerne un po’ da parte?
    3.In caso di risposta affermativa alla domanda 1, come procedo? Ho una mega confusione in testa! Intendo, le quantità mi mandano in crisi!! :o(
    Grazie a tutti e complimenti ancora, super cuochi!!! Spero di riuscire a mandarvi anch’io – prima o poi – una bella foto di un pane fatto con pm!!! ;o)
    ciaooo!

    Commento by Biru

  59. Ciao a tutti/e. Avrei una domanda su come conservare la pasta madre in frigo.
    Dopo che rinfresco la pasta madre, rimetto subito in frigo la parte che non uso o aspetto prima che lieviti (diciamo un pomeriggio)?
    Grazie

    Commento by Giovanni

  60. Ho più o meno la stessa domanda
    La PM coservata in frigo ogni quanto tempo va rinfrescata se non devo usarla?
    Posso lasciarla fuori dal frigo ma devo fare i rinfreschi ogni giorno?
    Grazie mille ciao a tutte

    Commento by claudia

  61. …Giovanni,Claudia…..la P:M: che sta in frigo va rinfrescata ogni 4 giorni, dopo aspettate che si riprenda, deve raddoppiare, poi rimettetela tranquillamente in frigo…………….se la tenete fuori dal frigo la dovete mettere in una mobile chiuso al riparo della luce e dalle correnti d’aria con un panno umido sopra e un coperchio, però si rinfresca ogni 2 giorni,dipende quanto ne fate uso io ne tengo un barattolo in frigo e un altro nella credenza.,, la uso molto…ciao FRA

    Commento by cleofe

  62. ciao cleofe, sempre bravissima ed efficente 🙂

    Commento by FrancescaV

  63. Ho ancra una domanda da fare…… la mia amica usa la macchina del pane va bene lo stesso?
    Grazie ciao a tutte!!!!

    Commento by claudia

  64. GRAZIE Francesca, dopo aver letto e riletto la tua spiegazione e i post ho finalmente capito in che cosa consiste la questione dei rinfreschi alleluia, ho ancora un bel pò di dubbi sui rinfreschi prima della panificazione, quando arriverò a quel punto mi documenterò. Già perché non ho ancora incominciato con l’impastare i fatidici 200 grammi di farina 0…..perché in casa mia per ora non ho la temperatura adatta e devo programmarla per un periodo in cui non avrò da assentarmi da casa corretto vero? E arrivo alla domanda : quale farina usare per la panificazione? la discussa manitoba o la 0 la 1? Ciao alla prossima

    Commento by annabo

  65. Cara Francesca sono una tua nuova fan per la pasta madre,ma credo di non aver capito proprio niente. Ora mi spego: Ho iniziato con 200 di farina 100 di acqua miele e olio, dopo 48 ore ho tolto 100 di pasta e ho aggiunto 200 di farina e 100 di acqua, dopo 24 ore ho tolto 100 di pasta e ho aggiunto 200 e 100. In pratica mi ritrovo con ca, 700 gr di pasta. Se continuo così per 15 giorni devo scappare dalla cucina.Dove sbaglio? Oltretutto, non mi sembra che lieviti molto.
    La tengo in una boul di vetro coperta di pellicola sopra il mobile in cucina per il calduccio.
    Ti prego aiutami, perchè sono proprio curiosa e voglio riuscire a fare il pane con questo metodo.

    Commento by anna5049

  66. Cara Francesca più mi informo e più mi confondo !
    Ho la pasta madre da circa due mesi.
    Dimmi se il procedimento è giusto:
    Prendo la pasta madre il pomeriggio . 300 di pasta la sciolgo da fare una poltiglia , aggiungo ( io faccio il pane integrale) 700 di farina integrale e 300 di farina 0 , acqua 500 gr.
    La mattina prendo la pasta e cosa faccio ? e il pezzo da mettere in frigo lo prendo prima di rimettere la farina o dopo ? ancora più confusa . Aiutooo!!!

    Commento by ines

  67. Scusa Francesca mi sono sbagliata . prendo la pasta madre 300 gr. metto altrettanta farina 200 integrale e 100 0 prima sciolgo la pasta madre con 2 dl di acqua.
    La mattina per un kg di farina ( 700 integrale e 300 0) giusto 500 di acqua e quanta pasta madre ? Poi la pasta madre la tolgo dopo che è lievitato tutto o all’inizio? Ecco sono ancora più confusa! Aiutami presto , siamo senza pane!!! Grazie

    Commento by ines

  68. CIAO! E’ UN PO CHE NON MI FACCIO SENTIRE E VEDO CHE CI SONO PERSONE NUOVE… COMUNQUE STO SPERIMANTANDO..
    IN QUESTO MOMENTO STO PROVANDO LA COLOMBA NE HO GIA FATTA UNA ED E’ BUONA MA PRIMA VOGLIO AGGIUNGERE QUEL TOCCO IN PIU.
    @ IZN O FRANCESCA HO ANCHE UNA DOMANDA:
    QUANDO SI USA FARINA 00 DITE DI METTERE UN PO PIU’ P.M. RISPETTO A QUANDO SI USA LA MANITOBA NELL’IMPASTO. PERO’ FACENDO VARIE PROVE HO VISTO CHE NE SERVE MENO PERCHE’ LIEVITA MOLTO PIU’ FACILMENTE CHE DITE?

    Commento by ERICA

  69. @ anna5049
    hai iniziato bene! però hai fatto un errore:
    passate le 48 ore dovevi togliere 100 gr di impasto aggiungere 100 gr di farina e 50 gr d’acqua (buttando la pasta rimanente…) passate le altre 48 (oppure 24 se la pasta era già più che raddoppiata) togliere sempre 100 gr di impasto aggiungere 100 gr di farina e 50 d’acqua (buttando la pasta rimanente o regalandola a qualcuno..) e così via. In pratica quando rinfreschi devi mettere sempre lo stesso peso di farina e pasta madre e la metà di acqua e buttare quella che ti resta anche se dispiace…..
    spero di essermi spiegata bene! buon lavoro:))))

    Commento by ERICA

  70. ….mi permetto di consigliare alle confuse un paio di cose che per me sono state basilari all’inizio e cioè 6 mesi fa…. dobbiamo sapere intanto che uso ne faremo di questa splendida P:M:
    se la usiamo spesso
    la teniamo fuori dal frigo dentro un barattolo alto con la bocca grande e con un bel tappo………

    se la usiamo poco .sicuramente in frigo……..

    se voi leggete le istruzioni di francesca, come del resto ho fatto io, vedrete che non è difficile

    faccio un esempio, se uno non vuole essere sommerso dalla P:M:::::::: ho nel barattolo,, riposto nel l’armadio,,200 gr di p.m.e devo fare il pane……….. farò cosi.: aggiungo 200 gr. di farina 0 ……100 gr. acqua…….. impasto….. avrò un totale di 500 gr di p.m. a questo punto prendo 2 barattoli alti con la bocca grande metterò 250 gr. di p.m., che riutilizzerò la prossima volta, nell’armadio, se decidete di metterlo in frigo aspettate che raddoppi…….

    nell’altro barattolo metterete gli altri 250 gr di p.m sempre coperto con un telo bagnato e strizzato. che farete raddoppiare tutta la notte, meglio dentro il forno con .un pentolino di acqua calda e luce accesa …sarà la camera della lievitazione…….la mattina farete il pane con le dosi di francesca……..lo so sembra difficile ma una volta presa confidenza farete delle cose strepitose
    e sarete felicissime………un saluto a tutte………. ciao Fra

    p.s. prima di fare il pane ed altro la p.m. va SEMPRE rinfrescata la sera prima………………a volte ,quando la p.m. non è molto attiva si fanno anche due o più rinfreschi prima di usarla …….ciaoo
    …………

    Commento by cleofe

  71. Non riesco proprio a farla crescere. Cosa devo fare? Ovviamente parlo della pasta madre. Ho seguito le indicazioni; arrivo ad avere poca pasta alveolata con piccole bolle, procedo con il primo rinfresco (dopo 48 ore) e a questo punto…. niente, non accade niente. Le bolle scompaiono ed io mi ritrovo con un pezzo di pasta liscia, morbida, ma assolutamente non lievitata. Ho provata a tenerla vicino ad un termosifone, ho avvolto il contenitore con un plaid, le ho parlato incoraggiandola nella crescita, ma niente non risponde. Che faccio, demordo? Scusate lo sfogo, ma questa pasta madre sta mettendo a dura prova la mia tenacia e vorrei veramente riuscire a spuntarla.
    Grazie per qualunque suggerimento vogliate darmi e per chiunque decida di spendere del tempo per me.
    A presto
    Elisa

    Commento by Elisa

  72. @ ELISA
    MMM…. HAI USATO FARINA DI BUONA QUALITA’ E CON SCADENZA LUNGA? HAI MESSO ACQUA NATURALE DI BOTTIGLIA MA CON POCHI MINERALI (A BASSO RESIDUO FISSO)? DOPO IL PRIMO RINFRESCO HAI ASPETTATO LE ALTRE 48 ORE VERO? IL BARATTOLO DOVE LA TIENI NON METTERLO TROPPO VICINO AL TERMOSIFONE BASTA TENERLO SEMPLICEMENTE DENTRO IL FORNO CON LA LUCINA SPENTA IL LIEVITO MADRE NASCERA’ LO STESSO PERCHE’ LI DENTRO LA TEMPERATURA E’ SEMPRE COSTANTE E NON CI SONO CORRENTI D’ARIA. SE TI SERVE IL FORNO INVECE METTILO IN UNA CREDENZA IN CUCINA (CHE NON APRI SPESSO).
    SE HAI FATTO GIA’ TUTTE QUESTE COSE CAMBIA IL TIPO DI FARINA MEGLIO SE BIO E VEDI CHE SUCCEDE… NON DARTI PER VINTA!!!!

    Commento by ERICA

  73. AD ELISA…MI PERMETTO DOPO UN PO’ DI TEMPO CHE MANCO, DI DARTI UN CONSIGLIO;
    MENTRE ATTENDI CHE LA TUA PM NASCA ,PERCHE’ NON PROVI A PRENDRE :UN CUCCHIAIO DI YOGURT BIANCO E UNO DI MANITOBA ,LI MESCOLI IN UNA CIOTOLA DI PLASTICA, COPRI CON TELO BAGNATO E CHIUDI TUTTO IN UNA CREDENZA,IL GIORNO DOPO AGGIUNGI ANCORA 1 CUCCHIAIO DI YOGURT E 1 DI MANITOBA, PROBABILMENTE DOPO DUE GIORNI SARA’ NATA.. SAI LA MIA PM E’ NATA COSI’ ,PER PROVARE… NON HO USATO E NON USO IL VETRO PERCHE’ LO RITENGO TROPPO FREDDO…E POI E’ SEMPRE ANDATA BENE!!!!PROVARE NON COSTA NULLA…CHISSA’ MAGARI TRA DUE GIORNI CI DARAI UNA BUONA NOTIZIA!!!CIAO E A PRESTO

    Commento by ARY71

  74. @elisa: elisa, hai letto tutti ma proprio tutti i commenti su questa pagina? Ci sono sicuramente le risposte che ti servono, prova… un abbraccio e in bocca al lupo, ce la puoi fare 🙂

    Commento by izn

  75. Buon giorno a tutti specialmente a chi vuole perdere un pochino del suo prezioso tempo con me. Mi è sorto un dubbio. Il cucchiaio di miele che si mette all’inizio non si esaurisce con i rinfreschi? Ad ogni rinfresco bisogna aggiungere almeno un cucchiaino?
    La mia p.m. radoppia di volume dopo 24 , ma non è come quella della foto . la sua porosità è molto più piccola. Sarà pronta?
    Ringrazio tutte di cuore. ciaooooooooooooooo

    Commento by anna5049

  76. …..anna..ogni tanto aggiungi un po di miele , non a tutti i rinfreschi. ………la tua P:M: se ha l’aspetto che descrivi non è pronta, prova a rinfrescare tutti i giorni mettendo il barattolo nel forno spento con la luce accesa, coperto da un telo strizzato , la p.m. non ama la luce e nemmeno le correnti d’aria,…., se nemmeno cosi’ raggiunge la porosità della foto, metti nel forno anche un pentolino di acqua calda…..considera che la P:M: sarà pronta quando raddoppierà in tre ore ……..ciao

    Commento by cleofe

  77. Grazie mille:
    Cercherò di fare così, comunque cercherò ance di postare qualche foto di modo che, forse , sarò più chiara.Grazie

    Commento by anna5049

  78. Ciao Francesca,
    ho trovato il tuo sito dopo che ho cominciato a cercare informazioni sulla lievitazione naturale.
    Ho trovato il coraggio di incominciare a fare la famosa pasta madre utilizzando la tua ricetta.
    Volevo vedere se nel tuo forum ci fossero delle risposte ad alcuni miei dubbi.
    Come faccio a loggarmi?
    Devo avere una utenza?
    Aspetto con ansia tue notizie … mentre la mia PM ronfa tranquilla nel suo barattolo.

    Commento by RospaBia

  79. Carissimi Francesca, Cleofe, Nunzio e tutti i veterani e appassionati prequentatori del sito e pasta-madre addicted…

    Stò iniziando a fare un pò di prove per partorire la mia pasta acida, ma essendo un pò ottusa, ho qualche dubbio come, ad esempio, capire dopo quanto tempo e rinfreschi si possa cominciare a panificare. Ho già fallito una prima volta producendo un paio di pani di consistenza marmorea ed una seconda buttando mestamente via un impasto abortito.

    Tengo comunque duro e, sperando mi diate qualche consiglio, vi ringrazio in anticipo.

    Commento by Alessandra

  80. P.S. Mi è appena tornata in mente una domanda cruciale, non essendo del tutto padrona del mio tempo: approssimativamente la scaletta di una p.a. in embrione dovrebbe essere 2 giorni di attesa dopo il primo impasto, 1 giorno di attesa dopo il primo rinfresco ed altrettanto per i successivi 10. Così dovrebbero essere 12 giorni prima di avere un vera p.m., così però non capisco se si devono comunque aspettare i due/tre mesi per la prima panificazione. Grazie per l’aiuto

    Commento by Alessandra

  81. Ciao Francesca, da circa un anno faccio il pane con una mdp della kenwood, ora vorrei iniziare a farlo utilizzando la pasta madre, ho letto il tuo articolo, ma non mi è ancora chiara una cosa, quando la madre è pronta, quali sono i passi per passare dalla madre, al pane, punto per punto, conservando parte della madre per le successive panificazioni? ho fatto qualche tentativo, ma con scarsi risultati.
    Grazie per l’aiuto

    Commento by Antonio Mischiatti

  82. …alessandra, in realtà non ci sono dei tempi scanditi come tu hai scritto, ognuno ha la sua P:M: molte cose influiscono , il caldo ,la frutta , gli odori, se vivi in campagna, ecc.ecc. per cui non ti scoraggiare, tu avrai la consapevolezza di quando sarà pronta, per cui fai un rinfresco al giorno, mettendola sempre nel forno con luce accesa e pentolino a.calda, diciamo che è pronta quando assomiglierà ad una spugna, quelle vere di mare…..come dici tu una “vera pasta madre” devono passare minimo 3 mesi,,,,di rinfreschi,

    l’avventura P:M: è lunga ….è come accudire un bimbo, diciamo una bimba……… ci vuole pazienza ..ma poi, avrai gradi soddisfazioni…….coraggio ciao

    Commento by cleofe

  83. …mi associo ai consigli di erica…. per i rinfreschi::::::::::……la farina deve essere 0 ……l’acqua non del rubinetto……….non vicino a fonti di calore …….il barattolo deve essere alto con la bocca grande coperto da telo bagnato e strizzato, e avvolto in uno strofinaccio, la P:M: non ama la luce….vedrai che nascerà anche a te …….ciao a presto

    Commento by cleofe

  84. sto tentando di panificare ed ho gli stessi problemi di Ettore del 27 gennaio. Il mio laboratorio dista dal forno a legna mt 10 non è riscaldato, forse questo è uno dei problemi? La pasta madre, al rinfresco la devo mettere subito in frigo oppure prima devo lasciarla lievitare. ciao Pino

    Commento by pino

  85. pino…..dopo il rinfresco DEVI sempre aspettare che si riprenda …..non è poi cosi’ urgente ………….appena la vedi bella arzilla……… la butti in frigo……….ciao alla prossima

    Commento by cleofe

  86. @pino: quanto tempo deve rimanere fuori dal frigo dipende sempre da dopo quanto tempo hai intenzione di usarla. C’è una tabella precisa a questo proposito, ad esempio se vuoi fare il pane il giorno dopo devi lasciarla crescere due ore prima di metterla in frigo. In bocca al lupo!

    Commento by izn

  87. La mia PM finalmente è nata!!!
    Ha compiuto circa 10 gg, ed ora cresce molto bene ed in 8 ore raddoppia.
    Che faccio adesso?
    Per favore ditemi se sono giuste le seguenti cose che mi sembra di aver capito:

    1)Contino a rinfrescare ogni giorno e tenerla fuori dal frigo finché non raddoppia in 3 ore.

    2)Quando sarò arrivata a vederla raddoppiare in 3 ore, la rinfresco, e dopo che è raddoppiata, la metto in frigo.

    3) A quel punto posso cominciare a fare il pane.

    4)Per fare il pane, la tiro fuori il giorno prima, rinfrescandola e tenendola fuori dal frigo. La metà la usa per il pane e metà la rimetto in frigo.

    AIUTOOO!
    Ditemi se sto facendo bene.
    Grazie millissime!

    Commento by RospaBia

  88. ….rospaBia…tutto ok ….fino al punto 3……………..

    per fare il pane,la tiri fuori dal frigo diciamo la sera………… la lasci stare tutta la notte dalle il tempo di svegliarsi,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,, in frigo è come se si addormentasse………, al mattino la rinfreschi tutta. …………., una parte la metti in un barattolo (ASPETTI CHE RIPARTA) e poi in frigo. ……..ti servirà la prossima volta

    L’ALTRA PARTE………. , ASPETTI CHE RIPARTA,……………. poi ci farai il pane…………..

    spero di esserti stata utile ciao
    p.s. quando dico la rinfreschi TUTTA dipende dalla quantià’ di P:M: che hai , devi sempre considerare in realtà quanta te ne occorre ….se è poca rinfresca tutto se è tanta buttane una parte……la regola è di tenere sempre in frigo 250 gr. p.m. dove poter attingere , quindi regolati….

    Commento by cleofe

  89. CIAO A TUTTE LA MIA P.M. NON HA PROBLEMI DI RADDOPPI QUELLO CHE NON MI RIESCE E’ ILPANE. LA CROSTA E’ SEMPRE TROPPO DURA E L’INTERNO NON E’ SOFFICE IN POCHE PAROLE E’ UN MATTONE
    LO CUCINO NEL FORNO CON IL PENTOLINO D’ACQUA PRIMA LO LASCIO LIEVITARE ANCHE 2 GIONI RIMPASTANDOLO PIU’ VOLTE MA NIENTE NON VIENE
    AVETE QUALCHE SUGGERIMENTO?

    Commento by claudia

  90. @claudia: non va bene impastarlo molte volte e se lo fai lievitare così tanto esce di lievitazione e diventa un mattone infatti.
    Scrivimi tutto il tuo procedimento precisamente e cercherò di aiutarti 🙂

    Commento by izn

  91. un grazie per i consigli di cleofe e izin. per la p.m. ho ancora un dubbio ho incominciato con uno yogurt un tuorlo d’uovo e farina manitoba dopo un mese ho abbandonato la manitoba troppo appiccicosa per la farina o. ho panificato e ho offerto del pane ad una amica che gentilmente rifiutò perchè ho messo nella p.m. il tuorlo d’uovo. cosa devo fare buttare la p.m. che ritengo buona e iniziare d’accapo? la mia’amica non è allergica all’uovo ma ha rifiutato perchè ne fa una scelta di vita che in parte condivido.
    ciao pino

    Commento by pino

  92. inz ch fai non mi rspondiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiibacioni

    Commento by angela

  93. se hai iniziato la pasta madre da poco puoi ricominciare senza l’uovo, che non è necessario; hai fatto bene ad abbandonare la manitoba, non serve, non è molto salutare ed è molto costosa.

    Commento by izn

  94. CIAO!
    HO PERFEZIONATO LA COLOMBA ED E’ VENUTA BENE!!!!! PERO’ LA RICETTA MI CONVIENE SCRIVERLA QUI PERCHE FRANCESCA NON HA ANCORA PUBBLICATO LA RACCOLTA E MAGARI SE C’E QUALCUNO CHE VUOLA PASTICCIARE HA TUTTO IL TEMPO PER PROVARE PRIMA DI PASQUA….
    PROCEDO?

    Commento by ERICA

  95. erica: wow la ricetta della colomba con la pasta madre è una figata 😉 Decidi tu se vuoi scriverla qui o mandarmela per email, o tutte e due. Fammi sapere!

    Commento by FrancescaV

  96. Grazie Cleofe!
    Mi metto all’opera.

    Commento by RospaBia

  97. buon giorno Francesca, ancora un a volta ho bisogno del tuo aiuto.
    L’altra mattina per la 20′ volta, ho rinfrescato la mia bimba, come dite
    voi e verso sera era cresciuta più del triplo e finalmente ho pensato ce l’ho fatta, Questa mattina, sorpresa, la mia piccolina, l’ho trovata abbassata di almeno 2 cm. vuole dire che è andata a male? Devo rifare tutto o c’è qualche speranza. Vedo l’ora di incominciare a panificare.

    Commento by anna5049

  98. ….anna. ..di solito quando si abbassa , vuol dire che vuole essere rinfrescata, prova …

    Commento by cleofe

  99. Cara Cleofe ci ho riprovato.
    Dopo 3 ore è radoppiato il volume, ma non così spugnoso come era questa mattina (una spugna con alveoli giganti).Se questa sera sarà come stamattina posso cominciare a panificare? Ma come posso fare per mandare una foto per esprimere il meglio di come posso esprimere a parole?
    Ti ringrazio molto per la tua disponibilità. A proposito abito in una zona bellissima del lago di Garda, precisamente a Riva del Garda la conosci?

    Commento by anna5049

  100. @ FRANCESCA V. ALLORA MI METTO ALL’OPERA E LA MANDO QUI QUANTO PRIMA. POI SE HO TEMPO TE LA INVIO IN FORMATO PDF

    @ANNA5049 CHE BELLA LA ZONA DOVE ABITI…IO SONO STATA ANCHE A LIMONE BELLISSIMO…
    AUGURI PER LA TUA PASTA MADRE!!!!

    Commento by ERICA

  101. Ciao, una mia amica ha dovuto ricorrere alla pasta madre a causa di alcune intolleranze del marito e mi ha incuriosita.

    Vorrei provare a farla anch’io e mi sto informando… i siti che ne parlano sono diversi, con diversi ricette, ma tutti concordano sul tenere la temperatura costante a 25°C.

    In casa nostra la temeratura è di almeno cinque gradi più bassa durante il giorno e la notte scende ancora. Mi chiedevo… posso tenerla nel forno elettrico a temperatura costante?

    Grazie di cuore
    Fuvia

    Commento by Fulvia

  102. …anna ,credo che tu possa fare una foto e inviarla a francesca ,l’indirizzo email sta in alto a dx ..vero fra??? io ho cominciato a panificare dopo 2.3. mesi e adesso che ne sono passati 6 devo dire che la differenza si vede…. devi semplicemente provare …….che vuoi che succeda…vai! coraggio e buon impasto…
    purtroppo quella zona la conosco poco…aimè so che è una zona bellissima…..
    io invece abito e sono di roma ……..ciao a presto

    Commento by cleofe

  103. COLOMBA CON LIEVITO NATURALE (ricetta di ciccioformaggio a cui mi sono ispirata):

    RICETTA PER UNA COLOMBA DA 1 KG
    CONSIGLIO L’USO DELLA PLANETARIA

    PRIMO IMPASTO
    lievito madre attivo 87 gr
    zucchero 62 gr
    tuorli 50 gr (circa 3)
    acqua 95 gr
    burro non troppo morbido 67 gr
    farina forte 250 gr

    Stemperare il lievito m. con l’acqua (naturale a temperatura ambiente) aggiungere lo zucchero e metà dei tuorli ed iniziare ad amalgamare. dopo qualche minuto aggiungere la farina e lavorare finchè l’impasto è abbastanza asciutto. Aggiungere i tuorli rimasti. Quando i tuorli sono stati assorbiti lavorare finchè l’impasto non è elastico e non si attacca alle mani (per chi usa la planetaria l’impasto deve essere in corda e non avere più residui di pasta nella vasca) a questo punto aggiungere il burro morbito lentamente in più riprese (affinchè l’impasto rimanga sempre in corda). Quando l’impasto torna liscio e lucido e ha assorbito bene il burro mettere a lievitare finchè non è triplicato 12 ore o più. (io l’ho messo nel forno spento dentro la vasca dell’impastatrice coperto con 1 foglio alluminio)

    SECONDO IMPASTO
    il primo impasto
    zucchero 62 gr
    miele 5 gr (un cucchiaino)
    acqua 25 gr
    tuorli 50 gr
    farina 00 125 gr
    1 cucchiaio di lecitina di soia
    sale 4 gr
    burro 62 gr (liquefatto e raffreddato)
    scorza gratt. di 1 mandarino
    scorza gratt. di 1 arancia
    vaniglia (io ho messo 3/4 di fialetta paneangeli)
    canditi (cubetti di arancio) 100 gr (io non li ho messi)

    Aggiungere al primo impasto zucchero miele acqua vaniglia e metà tuorli. Dopo qualche min. aggiungere la farina miscelata con la lecitina e il sale. Quando l’impasto è asciutto aggiungere i restanti tuorli. Lavorare ancora finchè prende nervo ed elasticità aggiungere le scorze di agrumi e quando sono amalgamate aggiungere a filo il burro fuso (molto lentamente perchè l’impasto non deve perdere l’incordatura e “squagliarsi”). quando è bene assorbito aggiungere i canditi.
    A questo punto mettere l’mpasto nello stampo per colomba cercando di dargli la forma senza però toccarlo troppo.Lasciarlo lievitare finchè non è a 1 cm dal bordo.
    RISCALDARE IL FORNO A 180°- 190°
    Spalmare sopra la colomba con un pennello una glassa fatta con:
    15 mandorle (con la loro buccia)
    7 armelline (io non le ho trovate e le ho sostituite con le mandorle sempre con buccia)
    zucchero semolato 75 gr
    albume 1 e un pò…
    macinare finemente le mandorle con lo zucchero fino ad ottenere una farina. mescolare il tutto con l’albume (deve essere una glassa spalmabile ma non eccessivamnete liquida altrimenti cola troppo).
    Dopo aver spalmato la glassa cospargere con granella di zucchero e mandorle intere e alla fine zucchero a velo.
    infornare subito (meglio se nel forno si mette un pentoilino con un pò d’acqua bollente) dopo 15 minuti abbassare la temperatura di 10 gradi e ultimare la cottura. Circa 35- 40 minuti. Verificare con uno stecchino di legno
    ATTENZIONE: SE LA GLASSA TENDE A SCURIRSI TROPPO COPRIRE CON FOGLIO ALLUMNIO

    a questo punto tolta dal forno aspettare minimo 12 ore prima di assaggiarla se 24 meglio sembra impossibile ma il gusto migliora!!!

    ciao!!!!!!!!!!

    Commento by ERICA

  104. erica…vorrei acquistare un’impastatrice……tu dici che hai una planetaria …….ti ci trovi bene? ho guardato su internet , ma ci sono vari modelli , non saprei proprio cosa scegliere .mi potresti dare qualche consiglio e anche la marca…grazie

    Commento by cleofe

  105. erica grazie per la ricetta, favolosa 🙂

    Commento by FrancescaV

  106. @ CLEOFE IO TI CONSIGLIEREI UNA KENWOOD CHE ADESSO LA FANNO PROVVISTA SIA DEL GANCIO FATTO A SPIRALE PER IMPASTARE SIA DELLA FRUSTA PER MONTARE CHE DELLA PALA, O FOGLIA, PER MISCELARE. LA TROVI NEI NEGOZI PER ELETTRODOMESTICI IN PIU’ (HO VISTO DAI GIORNALI) CI PUOI AGGIUNGERE QUANDO VUOI UN SACCO DI ALTRI AGGEGGI TIPO IL FRULLATORE, LA CENTRIFUGA, IL TRITACARNE… LA MIA E’ UNA HOBART UNA PLANETARIA AD USO PROFESSIONALE UN PO’ DATATA.. ( VENDO MACCHINE PER PANIFICIO/PASTICCERIA TI POTREI CONSIGLIARE QUALCHE MARCA MA SONO UN PO’ PIU’ COSTOSE DIMMI TU) CIAO:-)

    @ FRANCESCA IN QUESTO PERIODO SONO UN PO’ FISSATA.. PENSO AGLI IMPASTI ANCHE PRIMA DI DORMIRE!!! A PROPOSITO DEVO ANDARE A RINFRESCARE LA MIA P.M.!!!

    Commento by ERICA

  107. Ho rinforzato la p.m.quella con il tuorlo d’uovo che presto sostituirò per panificare, farò 5 kg di pane..spero.. l’ho raddoppiata ogni 24 ore ora pesa più di un kg. si è quadruplicata dopo tre ore e dopo 24 non siè afflosciata però manda un odore molto forte è forse troppo acida? Che fare?

    Commento by pino

  108. é 15 gg che ho cominciato a crescere la “cosa”. cresce ed ora dopo diversi rinfreschi giornalieri vorrei cominciare a rallentare i rinfrechi ad una frequenza diciamo di 2\3 giorni. dici forse che è troppo presto? grazie per i consigli che trovo nel tuo sito.

    Commento by ivana

  109. …erica ..grazie ma guarda un pò!!!! chi meglio di te!!!!!!!!!!!!!!!!.., ormai questo amore per gli impasti ha preso il sopravvento, amo cucinare, ma vorrei avere gli attrezzi giusti.

    Ho gia il bimby che è un valido aiuto, ma per certi tipi di impasti non va bene.
    pensavo ad una impastatice casalinga max2 kg, 2,5 kg che quando impasta non scalda, vorrei insomma una cosa per uso domestico, per i lieviti in particolar modo pane ed affini e che non sia troppo ingombrante.,

    Forse questa keewood potrebbe andare bene ,
    la tua esperienza dice che non deve essere inferiore a 1500 kw’??? grazie

    Commento by cleofe

  110. @ cleofe il discorso dello scaldare o meno la pasta dipende dalla meccanica della macchina (da come è costruita) ed inoltre dal fatto che non va MAI sovracaricata di impasto. La kenwood va bene per l’uso che devi farne tu (so che alcuni pasticceri la usano quindi..). se vuoi conosco alcune ditte di roma che fanno il mio stesso lavoro e magari hanno un buon usato da proporti. l’unica cosa è che non so se vendano ai privati. Potrei guardare se ho qualcosa a magazzino ma è un pò complicato per il trasporto (io sono veneta)

    Commento by ERICA

  111. Buongiorno,
    la mia pasta madre ha circa 3 mesi e il pane viene finalmente buono.
    Unico problema e’ che a differenza di quello che leggo, il mio non si conserva affatto piu’ del pane fatto con lievito di birra. Gia’ il giorno dopo averlo fatto se non lo esaurisco lo devo congelare.
    Quale puo’ essere il problema? E come lo devo conservare? Grazie.

    Commento by Francesca S.

  112. …erica..ma che gentile che sei! certo io sono romana!! siamo un pò lontano,..
    adesso proverò a vedere cosa vendono qui a roma , una volta ho visto una keen da nova euronix la vendevano a circa 500 e …ma sono questi i costi???

    Commento by cleofe

  113. @ CLEOFE Però costicchia… la signorina… ma forse dipende dal fatto che ha molti aggeggini… prova a vedere da qualche altra parte. (anche nei negozi che vendono set da cucina, bicchieri posate,..) adesso che mi ci fai pensare ne ho vista un’altra di planetaria nei negozi si chiama kitchen aid impasta solo quindi dovrebbe costare meno. Comunque se non trovi niente fammi avere la tua mail ti mando l’indirizzo della ditta/e
    ciao!!

    Commento by ERICA

  114. anch’io concordo con francesca S. com’è sto fatto??

    Commento by ERICA

  115. @erica e francescas: ci dev’essere qualcosa che non va nel procedimento con il quale fate il pane. Provate a descrivermelo passo passo…

    Commento by izn

  116. Carissime: Sono Anna, credo che la mia pm sia pronta per il primo esperimento. Dunque, questa mattina, ho rinfrescato la mia piccolina, che è radoppiata in tre ore e triplicata in quattro. Questa sera conto di prepararmi a fare il pane. Provo con mezzo chilo di rarina 400 di 00 e 100 di manitoba, quanta pm devo mettere? Impasto tutto anacora questa sera e poi metto a lievitare nel forno con la luce accesa fino a domani mattina, oppure solo la pm? Devo metterci anche un cucchiaino di bicarbonato, visto che mi risulterà il pane un po’ acido, visto la giovane età della pm (1 mese circa)?
    Vi prego, datemi un buon consiglio. Sto fremendo.
    Grazie a tutte coloro che mi vogliono rispondere.

    Commento by anna5049

  117. Ciao IZN e CLEOFE: Nello stesso giorno vi disturbo per la seconda volta e prego che mi scuserete, ma ormai sono presa. Desidererei, sapere a cosa serve la luce del forno accesa, con il medesimo spento. A presto ciao!!!!!!!!!!!!

    Commento by anna5049

  118. @ ANNA5049 DALLA MIA ESPERIENZA PERSONALE:
    METTI 100-120 GR DI PASTA MADRE NON DI PIU’ PERCHE’ POTREBBE AVERE UN GUSTO UN PO ACIDO SPECIE ALL’INIZIO. POI AGGIUNGI LE DUE FARINE IMPASTA METTI IN FORNO SPENTO COPERTO CON CARTA ALLUMINIO. L’IMPASTO ESSENDO ANCHE POVERO DI GRASSI LIEVITA ANCHE SENZA LUCINA ACCESA FIDATI….MAGARI PUOI ACCENDRELA PER UNA MEZZ’ORA POI SPEGNILA. DOMANI MATTINA L’MPASTO DOVREBBE ESSERE GIA’ IL DOPPIO
    CIAO!! E BUONA FORTUNA :)))

    Commento by ERICA

  119. Cara ERICA, che DELUSIONEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE, l’impasto è rimasto tale e quale a come l’ho messo. Dove ho sbagliato?

    Commento by anna5049

  120. SOS: Il mio ln non riesce a lievitare. Ha un odore molto acido, ho fatto già due rinfreschi, cosa mi consigliate? Continuo a rinfrescarlo? Grazie mille a tutti.
    Buona giornata.

    Commento by Sonia

  121. @ anna5049
    probabilmente il lievito è troppo giovane….:( e ti ha fatto uno scherzo è capitato anche a me!
    oggi rinfrescalo ancora (il L.M.) e questa sera prova di nuovo ad impastare ovviamente dimezza le dosi di tutto altrimenti butti un sacco di roba fammi sapere!!!

    Commento by ERICA

  122. mia figlia elisa è celiaca ..è possibile fare la pasta madre con la farina di riso per fare poi il pane senza glutine..grazie rosella

    Commento by rosella mamma di elisa 9a.

  123. Scusatemi, ma credo di essere un po’ tonta nel fare il pane con pm.
    La mia pm sta raggiungendo i due mesi, rinfrescata ogni due giorni, bella porosa, come una spugna di mare. Perfino un accenno di fiore in rilievo. Vorrei mandare una foto, qualcuno mi può spiegare come posso fare?, ma veniamo al dunque.
    Continuo a provare a fare questo maledetto pane,che poi butto, quindi uno spreco e brutta figura. Aiutooooooooooooooooooooooooooooo
    Spiegatemi per favore passo passo. Chiedo troppo? cerco volontarie.

    Commento by anna5059

  124. @ ANNA5059 PROVA A CHIEDERE AIUTO A IZN NEL SUO BLOG IL PASTO NUDO (POI CLICCA SULLA COLONNA A DESTRA ‘LA STANZA DELLE CHIACCHERE’) NON SO PROPRIO CHE DIRTI.. MI SPIACE :))

    Commento by ERICA

  125. PRONTO SOCCORSO PASTA MADRE:

    ciao Francesca, ho un disperato bisogno di aiuto!!!
    quasi un anno fa, feci la pasta madre seguendo la tua ricetta; come già ti scrissi al tempo, era meravigliosa!Adesso è 3 settimane che è moribonda, non so capacitarmi sul perchè…!Tenterò di spiegarti cosa è accaduto:
    A livello climatico siamo passati da improvvisi giorni di tepido sole, a improvvisi giorni di freddo, proprio durante queto passaggio la pasta madre a iniziato a dare dei problemi, la rinfrescavo e non mi lievitava, ho provato anche ad abbandonarla a se stessa per 4/5 giorni e poi rinfrescarla ma niente!!!
    sono a dir poco disperato, stamani ho fatto il pane, dopo tutta la nottata di lievitazione, praticamente è gonfiato solo in forno…..sigh sigh!
    La mia reazione a questo repentino cambiamento è stata di assoluta apprensione, come quella di un figlio che ha la mamma malata, ho iniziato a darle da mangiare ogni 2 giorni (forse troppo? non so), forse gli ho anche trasmesso la tensione che mi da il vederla così, non so….
    Altra cosa probabilmente importante è stata il cambio di ambiente, ho deciso di cambiare barattolo, perchè quello che utilizzavo era molto incrostato, era un anno che non lo cambiavo…..
    Ti prego francesca aiutaci!!!
    un caloroso saluto
    Simone

    Commento by simone

  126. nella pasta madre,il sale quando si deve mettere e dove si deve mettere
    grazie

    Commento by enzo

  127. Comincerò oggi stesso la mia pasta madre e spero di trovare qualcuno che, strada facendo, sciolga eventuali dubbi.

    Commento by Fiammetta

  128. ciao a tutti! è da un pò che mi sono incuriosito della pasta madre e a novembre 2008 ho deciso di cominciare questa avventura. dopo circa tre tentativi credevo fosse nata ma invece l’ho dovuta buttare perchè il pane usciva con un sapore decisamente acido, per niente lievitato e durava a mala pena 2 giorni. così il 22 marzo 2009 ho ricominciato tutto dall’inizio, seguendo passo passo la ricetta trovata su questo sito (quella con l’olio e il miele come starter). quindi ho impastato e lasciato fermentare per 48 ore, dopodichè per 10 giorni l’ho rinfrescata ogni giorno contando le ore che impiegava per raddoppiare di volume. passati questi 10 giorni l’ho lasciata stare aspettando, come ho capito dalla ricetta, che si sgonfiasse per poterla rinfrescare. oggi ho visto che si era abbassata e ho pensato fosse il momento giusto per rinfrescarla. ma sto notando che è diventata più lenta nel crescere di volume e mi sto preoccupando in caso ho sbagliato qualcosa e ha perso energia. comunque io aspetto, sperando che sia ancora giovane e che quindi ha bisogno di tempo prima che io possa panificare. voi cosa mi dite? spero di esagerare nel preoccuparmi e che sia solo questione di età… vi faccio i complimenti per il sito e per la attenzione con cui rispondete alle richieste di tutti noi!

    Commento by Marcotat

  129. Chiudo i commenti a questo articolo, ce ne sono tantissimi.
    Potete continuare a commentare sul nuovo post La pasta madre #2.

    Commento by FrancescaV

Torna in cima | Torna alla home

 

Newsletter

FrancescaV.com è il mio diario di ricette che puoi cucinare facilmente in casa. Per averle direttamente nella tua email iscriviti alla newsletter. Benvenuto!

Il TrovaRicette

Pochi ingredienti nel frigo e nessuna idea su come usarli?

Inserisci uno, due o tre ingredienti nel box a fianco e trova la ricetta che fa per te!

 
 
 
 
 
 

Ricette di Natale, clicca!

Ricette di Natale

 

Ricette di Natale Antipasti

 
  • Ricette di Natale Primi piatti

     

    Ricette di Natale Secondi piatti

     

    Ricette di Natale Contorni

     

    Ricette di Natale Dolci 1

     

    Ricette di Natale Dolci 2