Il Pasto Nudo

Letto 5893 volte.


Su FrancescaV è’ già successo con Lenny e la sua rubrica dei dolci, oggi capita nuovamente con IZN, e ciò non può che farmi un enorme piacere. Vi annuncio ufficialmente la nascita del suo nuovo blog, che si chiama Il Pasto Nudo . Credo che nome più appropriato non ci possa essere per descrivere la cucina di IZN, fortemente legata al valore della materia prima e ad un tipo di preparazione pulita di inutili orpelli. Infatti le ricette che ha proposto nella sua rubrica di Cucina Consapevole hanno sempre avuto il pregio di essere preparate con prodotti biologici e in maniera accessibile a tutti. Non mi resta che augurarti, cara IZN, un grande in bocca al lupo per l’apertura del tuo nuovo blog, e sono felice che continueremo la nostra collaborazione anche in nuovi modi. Ora ti lascio la parola!

E’ solo grazie a Francesca che ho avuto il coraggio e lo spunto per tenere la rubrica di Cucina Consapevole sul suo blog. Ed e’ ancora grazie a lei, che mi spinge sempre a superare i miei dubbi e incertezze, che sono qui a presentarvi un foodblog tutto mio, appena nato, proprio un cucciolo 🙂
L’ho chiamato “il pasto nudo” perché questa espressione rende benissimo ciò che voglio trasmettere con quello che scrivo; un modo di mangiare semplice e denudato da tutti gli orpelli da chef di alta cucina, sano e nello stesso tempo affascinante nella sua semplicità.
Le ricette che ho postato su questa rubrica le troverete anche lì, un po’ più stringate, giusto per la completezza della cosa, perché alcune preparazioni sono propedeutiche ad altre e non avrebbe avuto senso lasciarle orfane. La grafica ancora non è definitiva ma è in via di completamento (ti prego Cesareeee!).

Sul pasto nudo presto ci saranno anche un po’ di sorprese che sto preparando con la complicità di Francesca. Spero di vedervi lì presto e vi prometto di rispondere sempre esaustivamente e velocemente, il solito pronto soccorso 24 ore su 24!

Tags:

Commenti


  1. grazie izn e francescav dopo la diagnosi di allergia al lievito di birra al pomodoro e allo zucchero, in quanto italiana, mi sono sentita nata nel paese sbagliato, forse era meglio un posto con zero tradizioni culinarie. Ma grazie a voi due mi sono lanciata nella avventura della pasta madre, perchè il pane senza lievito che trovo in commercio proprio non riesco a farmelo piacere. Ho messo la mia sciarpa intorno al barattolo ma temo di non avere abbastanza caldo in casa perchè la temperatura varia da 18 a 20 gradi, staremo a vedere. Grazie e un grande abbraccio MAP

    Commento by monica

  2. Il pasto nudo mi sembra un bel progetto, innovativo e intelligente. Lascio qui il mio sincero inboccalupo per l’inizio di questa avventura e mi congratulo con Francesca, perché riesce sempre a circondarsi di persone valide 🙂

    Commento by Acilia

  3. monica: in bocca al lupo allora per la tua PM, è un piacere 🙂

    acilia: grazie cara dell’apprezzamento. Credo che ognuno di noi ha dei talenti che posso arricchire molti. Un bacio, e ti scrivo nel finesettimana.

    Commento by FrancescaV

  4. Un grande in bocca a lupo anche da parte mia per questo progetto, siete fantastiche!
    Buona settimana, è iniziata sotto una bianca nevicata!

    Commento by cindystar

  5. mi piacerebbe tanto sapere la ricetta di quei dolci in alto a questo sito..
    mi fanno proprio venire voglia di mangiarli..

    Commento by anna

  6. ciao anna, benvenuta su queste pagine. La ricetta che mi chiedi la trovi nell’archivio: sono i plumcake di farro con marmellata. Se li fai fammi sapere!

    Commento by FrancescaV

  7. In bocca al lupo a IZN per questa nuova bella avventura che arricchirà la blogosfera di nuovi fermentii e Complimenti a te, Francesca, per le belle e curate pagine di questo spazio così originale e con lo sguardo attento sul mondo enogastronomico.

    Commento by lenny

  8. stò per infornare il terzo esperimento, ho voluto provare con la pentola di ghisa e il coperchio staremo a vedere. Le prime due pagnotte mi sono venute piuttosto basse ma di gusto gradevole. Solo che l’impasto era molto liquido non lavorabile a mano per cui ho dovuto usare una teglia con bordi alti che contenesse il tutto, non riuscivo nemmeno a praticare il taglio centrale. La ricetta era 250 di pm, 20 di olio, 360 di acqua tiepida, un cucchiaio di miele e 600 di farina o. Adesso sto provando quella che prevede dopo la prima lievitazione la posa della pasta sul piano infarinato mettendo sopra farina quanto basta per renderla manovrabile e poi di nuovo il riposo in forno coperta con canovaccio umido e pentolino sul fondo. non uso il sale perchè non mi piace. Fammi sapere dove sbaglo in entrambi i casi, mille grazie ti farò sapere come è venuto il pane in pentola bacioni.

    Commento by monica

  9. @lenny: grazie mille, vorrei dire crepi il lupo ma mi dispiace per il cucciolotto 😛 ce la metterò tutta. e complimenti anche a te per il tuo nuovo blog goloso!

    @monica: stai parlando del pane senza impasto vero? non mi sembra che tu stia sbagliando qualcosa, intendi forse per il fatto che viene bassino? Potrebbe essere che l’hai lasciato lievitare per troppo tempo. Fammi sapere!

    Commento by izn

  10. ciao inzn finalmente oggi opreparato la mia pm e spero che vada tutto bene ,pero o un dubbio? perche dpo le 48 ore che o fato la pm devo gettare 100 g di pm e aggiungere 200g di farina e 100 di aquae rimpastare il tutto. ma mi piange il cuore buttare la pm ,e se non la butto e aggiungo tutti gli igredienti ne vera un po di piucosi celo per il pane e pizza e cosi mi rimane ancora un pezzetto di pm per la prossima o nooooooooooooo? cosa faccio?sbaglio ciao

    Commento by angela

  11. Senza saperlo le prime due volte ho fatto il pane senza impasto perchè ho seguito alla lettera la ricetta di FrancescaV. Quando ho visto quella di izn ho notato che c’era in aggiunta il lavoro dell’impasto e della cottura in una pentola chiusa. Per cui la terza cottura è andata molto meglio il pane è venuto più alto e croccante fuori. Ho appena fatto il rinfresco alla pm e domani panifico. Proverò a fare il blob con 600 gr di farina come da ricetta e l’impasto con l’aggiunta di altra farina in modo da poter avere un impasto a cui posso dare la forma che voglio e fare il taglio. Inoltre io commettevo l’errore di mettere subito in frigor la pm dopo il rinfresco senza aspettare che ricominciasse a crescere. Adesso la lascio fuori dal frigor tutta la notte e domani mattina faccio il blob, nel primo pomeriggio l’impasto e verso l’ora di cena la cottura senza pentola. Mi stò divertendo a fare questi esperimenti ti faccio sapere come viene grazie per tutto.

    Commento by monica

  12. @angela: all’inizio ti conviene sempre buttare la pasta madre in più, tanto è acidissima e non credo proprio si possa usare. Quando invece sarà matura potrai usare l’eccesso con le frittelle di pasta madre, sempre se le tue amiche non verranno nella tua cucina a rubarti quella che rimane…

    @monica: non ho capito bene il fatto del pane senza impasto… quello senza impasto non si impasta, si dà solo una girata con un cucchiaio di legno e poi dopo la lievitazione si mette nella pentola; invece quello da impastare bisogna farlo senza cottura.. non so se mi sono capita 🙂 Anch’io adoro sperimentare.. proprio oggi ho sperimentato un nuovo modo di fare il pane facilissimo; posterò, posterò…

    Commento by izn

  13. @monica: volevo dire “senza cottura in pentola” non “senza cottura”… gosh.

    Commento by izn

  14. inzn grazieeeeeeeeeee,di avermi risposto,oggi o fatto il primo rinfresco,ma la piccola non mi sembrava lievitata si e alargata e normale?comunque lo messa in un mobile che non ci siano spifferi,bella fasciata ,spero che vada tutto bene ,se ai dei consigli scrivimi ciaooooooooo

    Commento by angela

  15. Cara izn non avevo capito che nella pentola ci andava quello senza impasto, ma adesso ci sono. Grazie per la correzzione successiva ero andata un attimo in confusione. Ho provato a ridurre i tempi di lievitazione ed effettivamente viene un poco meglio ma devo lavorare sulla quantità di farina per il secondo impasto, perchè voglio arrivare a farlo come quello della fotografia in alto a destra, è bellissimo. Baci Buon Anno.

    Commento by monica

  16. Cara IZN, come da istruzioni eccomi a riformulare i miei dubbi sulla preparazione della pasta madre: devo procedere tra una mezz’ora al secondo rinfresco. L’aspetto della pasta è molto promettente, sono piena di fiducia. Vorrei solo capire se dovrò ogni volta togliere la stessa quantità di pasta (100 gr.) e aggiungere sempre i soliti 200 gr. di farina e 100 gr. di acqua. La quantità di P.M. quindi aumenterà gradualmente fino al primo utilizzo.. giusto? Secondo quesito: sto usando la farina 00, non ho trovato la 0. Pregiudicherà il buon esito? E infine: potrò usare la mia P.M. per panificare con farine di cereali poveri (farro e kamut)? Io mangio solo pane e pasta di quel genere. In che misura sarò obbligata a mescolarvi farina di grano? Molte grazie, seguo con interesse crescente queste pagine, a Te e ai tuoi amici tutti i miei complimenti più sinceri!! Un caro saluto. STEFANIA

    Commento by stefania

  17. Ho provato un’altra variazione non faccio il passaggio di coprire con la pellicola l’impasto, ma lo lascio nella marmitta coperto con il canovaccio senza toccarlo finchè non è pronto il forno, poi lo rovescio, lo copro e inforno. Facendo il passaggio dei quattro lembi da tirare aggiungendo farina e poi la pellicola una volta che il pane era cotto e lo tagliavo mi trovavo righe di farina nella pagnotta che mi infastidivano. Vorrei provare a fare la pizza oppure a friggere palline di pasta madre con dentro un pezzettino di acciuga, le facevo con il lievito di birra e ti assicuro che sono una favola provsa ciao

    Commento by monica

  18. monica è vero anche a me rimangono quelle righe bianche di farina …………mi disturbano veramente…….ma allora ….le pieghe non non le fai?????? lasci lievitare tutto il teMPO che serve e poi lo adagi nell PENTOLA VERSANDOLO???????? FAMMI SAPERE GRAZIE

    Commento by cleofe

  19. ciao IZN,come mi hai detto sono venuta di quà!!Allora ,ricapitoliamo,la mia p.m. ormai ha quasi tre mesi ma nonostante i rinfreschi frequenti,(24/48 h)la lievitazione è sempre molto lenta,(10/12h),la tengo sempre al calduccio sopra il frigorifero coperta da una borsa termica,ho pensato di dargli un aiutino “somminitrandogli” un pò di p. m. liofilizzata che ho trovato in un biologico,ma è sempre mooolto lenta !!! Devo comunque dire che lievita abbastanza (circa il doppio).Volevo anche dirti che il pane che faccio di solito ,viene discretamente(lo faccio lievitare tutta la notte però),l’unico inconveniente è la crosta:un pò dura,nonostante il vapore che creo con lo spruzzetto e la ciotola di acqua calda! Ti prego rispondimi sono un pò avvilita

    Commento by cicinita 71

  20. Hai capito bene non faccio più le pieghe tirando i quattro angoli ma faccio l’impasto che lascio direttamente lievitare nella marmitta di vetro coperta con canovaccio umido dentro il forno con pentolino sul fondo e lampadina accesa per 5 o 6 ore circa; poi accendo il forno con dentro la pentola e il coperchio separati, quando è caldo (220°) tolgo la pentola ci metto l’impasto lo copro e lo metto in forno per 40 minuti poi tolgo il coperchio e cuocio altri 10 minuti. Quando è cotto tolgo subito il pane dalla pentola e lo pongo a raffreddare su di una griglia alta circa 10 cm così non trattiene l’umidtà dovuta alla cottura perchè l’aria circola intorno a tutta la pagnotta. A me piace di più così, prova fammi sapere ciao.

    Commento by monica

  21. Non ho ancora capito se la pasta madre si fa con la farina 0 o 00
    Grazie

    Commento by Flaviana

Torna in cima | Torna alla home

Scrivi un commento




 

Newsletter

FrancescaV.com è il mio diario di ricette che puoi cucinare facilmente in casa. Per averle direttamente nella tua email iscriviti alla newsletter. Benvenuto!

Il TrovaRicette

Pochi ingredienti nel frigo e nessuna idea su come usarli?

Inserisci uno, due o tre ingredienti nel box a fianco e trova la ricetta che fa per te!

 
 
 
 
 
 

Ricette di Natale, clicca!

Ricette di Natale

 

Ricette di Natale Antipasti

 
  • Ricette di Natale Primi piatti

     

    Ricette di Natale Secondi piatti

     

    Ricette di Natale Contorni

     

    Ricette di Natale Dolci 1

     

    Ricette di Natale Dolci 2