Come si prepara il vero cous cous marocchino (Foto passo passo)

Letto 156085 volte.

couscous_pollo_02p

Viaggiare, incontrare nuove persone, imparare a conoscere diversi spicchi di realtà rispetto alla mia è quello che più mi affascina dello spostarmi e ricominciare ogni volta la mia vita da un’altra parte. La primavera appena passata a Strasburgo mi ha dato nuovamente la possibilità di avvicinarmi ad nuovo piccolo spicchio di vita che non mi appartiene: fare il vero cous cous in casa. L’occasione è stata una sessione di cucina organizzata dall’Alliance Francais, la scuola dove ho seguito il mio primo corso di francese. Chi ci ha introdotto in questo affascinante mondo del cous cous è stata la nostra insegnante Keira di origine maghrebina, con la quale abbiamo preparato il vero cous cous marocchino o del maghreb, seguendo la ricetta tradizionale della sua famiglia, in questo modo il cous cous risulta molto più digeribile. Cercherò di essere più dettagliata possibile, e farò accompagnare i momenti più importanti della preparazione dalle foto passo passo, in modo da chiarire ulteriormente le mie parole. In casa uso sempre il cous cous precotto, molto più comodo e veloce da preparare, ma potete immaginare che per Keira questo è un sacrilegio, come per me vedere chi mangia la pasta scotta come un contorno vicino alla carne :-). Si comincia!

couscoussieraOccorrente per preparare il cous cous (per 4 persone): una couscoussiera (vedi foto a lato), una pentola a pressione (o una pentola dai bordi alti), 1/2 kg di cous cous non precotto a grana fine o media (mai a grana grande), 2 zucchine grandi, 2 carote grandi, 2 cipolle, 2 patate, 1 piccolo pollo, 250 gr. di ceci ammollati per una notte, 1 bustina di zafferano, acqua, olio e.v.

1. Cuciniamo le verdure, il pollo e i ceci:
Laviamo le zucchine e le carote, peliamo e laviamo le patate. Tagliamoli in pezzi grandi (le verdure tagliate a pezzi grandi è una caratteristica del cous cous marocchino). Nella pentola a pressione (per accorciare i tempi di cottura, ma potete utilizzare anche una pentola normale dai bordi alti) far soffriggere nell’olio le cipolle tagliate a dadini, aggiungere le verdure, far rosolare un po’, aggiungere i ceci scolati, circa un litro d’acqua, una bustina di zafferano (per colorare il brodo) e far cuocere a fuoco medio per circa 15 min. Trascorso questo tempo aggiungere il pollo tagliato a pezzi chiudere la pentola, e cuocere il tutto dal fischio secondo le istruzioni della vostra pentola a pressione per la cottura della carne. Se usate una normale pentola dai brodi alti far cuocere per almeno un’ora, fino a quando i ceci saranno morbidi ed il pollo cotto.

2. Prepariamo la couscoussiera:
Riempiamo la parte inferiore della couscoussiera con l’acqua, facendo molta attenzione che l’acqua non tocchi il recipiente superiore forato. Ora bisogna sigillare l’attaccatura dei due recipienti della couscoussiera, passaggio molto importante, perchè serve a non far uscire il vapore lateralmente ma a convogliarlo in alto sul cous cous e cuocerlo. La couscoussiera si può sigillare con un panno di cotone inumidito che va messo tutto intorno al bordo tra i due recipienti, in modo da sigillarli. La stessa cosa si può fare semplicemente anche con una busta di plastica, come ha fatto Keira.

sigillo_couscoussiera_01p sigillo_couscoussiera_02p

3. Cuciniamo il cous cous:
couscous_prontoVersare la semola di cous cous nel recipiente superiore della couscoussiera posta sul fuoco, e far cuocere fin quando non uscirà il vapore da sopra il cous cous. Quello è il segnale che il cous cous è cotto.

Prendere il recipiente pieno di cous cous e versarlo su un vassoio dai bordi alti molto ampio, stando attenti a non scottarsi. Con un cucchiaio di legno aprirlo, farlo rinvenire spruzzandogli sopra un po’ di acqua fredda, bagnarsi le mani sempre con acqua fredda (per non scottarsi) e cominciare ad aprire e far gonfiare i grani di cous cous lavorandolo e muovendolo alternativamente con le mani. La lavorazione a mano va fatta per circa 10 min, fino a quando i grani non risulteranno belli separati e gonfi. La cottura e la sgranatura del cous cous va ripetuta due volte, cioè il cous cous, dopo la sgranatura, va rimesso a cuocere nella couscoussiera e di nuovo lavorato con le mani per sgranarlo e farlo gonfiare.

couscous_cotto couscous_aperto

couscous_lavorato

4. Componiamo il piatto:
Su un ampio vassoio da portata versare il cous cous cotto a mo’ di montagnola, facendo attenzione a non comprimerlo. Versare poco brodo e coprire con la carne e le verdure al centro. Servire subito!

couscous_pollo_01

Consigli utili:

  • Se decidete di preparare il cous cous in casa vi consiglio di cucinare una quantità di semola maggiore, in modo da averla già cotta e pronta per altre volte, infatti la semola cotta si conserva bene in frigo per qualche giorno.
  • Nella ricetta del cous cous alla marocchina vi ho lasciato le dosi, ma nel vero cous cous ci si possono mettere gli ingredienti che si vuole (o che si hanno nel frigo) nella quantità che si desidera.
  • Se non possedete una vera couscoussiera, potete creare una couscoussiera casalinga con ciò che avete in casa usando come recipiente in basso una pentola dai bordi alti, e come recipiente forato un colapasta metallico che entri bene nella pentola sotto. L’avvertenza anche qui è di sigillare bene, prima della cottura del cous cous, l’attaccatura dei due recipienti con un panno di cotone inumidito o una busta di plastica.
  • Potete sbizzarrirvi a condire il cous cous con la carne e le verdure che preferite: agnello, manzo, vitello, pomodori, peperoni, cavolo verza, oppure potete preparare il cous cous di pesce o il cous cous in versione dolce, largo alla fantasia!
  • Provate anche a preparare il cous cous al nero di seppia o la zuppa di cous cous integrale e zucca.

Questa è la foto del tradizionale piatto marocchino dove viene servito il cous cous:

piatto_marocchino

Tags: , , ,

Commenti


  1. una delle mie passioni!

    Commento by dede

  2. bellissimo post!
    Grazie delle dritte!

    ;)

    buon weekend
    cri

    Commento by cricri

  3. Complimenti un passo passo dettagliatissimo, ricetta molto invitante. Buon fine settimana.

    Commento by manuela

  4. Brava! Una bellissima preparazione!!!
    Ed anche il tuo tajine è proprio bello, tantissimi complimenti!!!
    Io non sono riuscita ancora a trovare il couscous non precotto in Italia…hai idea di dove possa andare a cercarlo?
    bacioni
    Ago :-D

    Commento by Ago

  5. dede: ah bene, e il cous cous lo fai così con il metodo tradizionale?

    cricri: prego! Buon finesettimana anche a te.

    manuela: ti ringrazio, ci tenevo ad essere il più chiara possibile e a documentare passo passo anche con le foto.

    ago: il cous cous non precotto dovresti trovarlo nei negozi etnici e nei supermercati bio, anche in versione integrale. Ciao!

    Commento by FrancescaV

  6. Ciao! mamma com’è complicato! noi ci affidiamo a quello precotto, ma siamo sicure che perda parecchio rispetto a quello preparato secondo la ricetta originare! saporitissimo e colorato!
    un bacione

    Commento by manu e silvia

  7. Che bello! Davvero interessante. Richiede un po’ di tempo ma ne vale la pena. Buon weekend!

    Commento by Simona

  8. che MERAVIGLIA!!! complimentissimi!!

    Commento by sara

  9. Mi ha sempre affascinato la preparazione del cous cous che considero un vero rito: in mancanza della coucousiiera, si potrebbe utilizzare il cestello a vapore con relativa pentola :))

    Commento by lenny

  10. Lo facciamo insieme quando torni? Io ho sempre solo fatto quello precotto, ma questo metodo tradizionale mi affascina.
    Un bacione

    Commento by Alex

  11. manu e silvia: guardate, non è complicato, richiede solo più tempo, e lavorare poi il cous cous con le mani è una sensazione bellissima. Anche io uso il cous cous precotto, ma farlo ogni tanto così, magari per unìoccasione speciale, merita. Baci!

    simona: hai perfettamente ragione!

    sara: io ho fatto solo da ssistente, ma è stata proprio una bella esperienza, grazie :-)

    lenny: eh sì, per le donne marocchine la preparazione del cous cous è proprio un rito, ed ogni famiglia ha la sua ricetta.

    alex: che bella idea, penso che preparare il cous cous tradizionale insieme sia parte del rito, sicuro, ci divertiremo, magari con la scusa di cuocere la semola da noi ne facciamo di più e prepariamo anche il condimento per un cous cous di pesce e uno dolce, uhmm mi viene già l’acquolina ;-)

    Commento by FrancescaV

  12. Ciao, abbiamo lanciato una nuova raccolta, ma fresca fresca di stagione.
    Sappiamo che tu puoi già partecipare e volevamo invitarti a farlo.
    Ci contiamo, un bacione.

    Commento by manu e silvia

  13. Franci sei insuperabile!Post da segnare nei favourites!bacione

    Commento by Saretta

  14. Come tutte le altre, anche questa e’ una ricetta invitante e spiegata chiaramente. Ora vado a comprare gli ingredienti e domani provo. Ma le verdure le cuocio insieme al pollo per piu’ di un’ora? non si “spappolano”.
    Grazie Marisa

    Commento by Marisa

  15. manu e silvia: visto grazie!

    saretta: contenta ti piaccia ;-)

    marisa: Sì, le verdure vanno cotte insieme al pollo, ricordandoti di mettere il pollo nella pentola una decina di minuti dopo le verdure. Proprio il fatto di tagliare le verdure in tocchi belli grandi (vedi foto) farà sì che non si ‘spappoleranno’. Fammi sapere domani, mi raccomando, incrocio le dita per te!

    Commento by FrancescaV

  16. Ciao!
    Non so per quale motivo non riesca a collegarmi a Flickr per poterti rispondere, quindi lo faccio da qui con piacere!
    La ricetta di quel cous cous la trovi nel mio blog, ecco il link!
    mangiarechepassione.wordpress.com/2009/04/10/paella-di-cous-cous/
    A presto,
    Alberto.

    Commento by Alberto

  17. ciao……la cosa piu importante e buona del cous cous non l’hai messa o non te l’hanno detto…ed e’ la Zucca…..
    cmq mio padre e’ marocchino e me lo fa ogni tanto ma la fa diversa…..e’ molto piu buono con il manzo, zucchine, zucca e carote………..cmq sei sempre la numero uno con le ricette:)

    Commento by nadia

  18. alberto: grazie.

    nadia: ah non me lo hanno detto in effetti, ti ringrazio per la precisazione, la prossima volta allora anche zucca :-) Grazie del complimento, sei gentilissima.

    Commento by FrancescaV

  19. ciao Francesca,
    questo couscous è molto invitante, è uno dei miei piatti marocchini preferiti.
    Alucni mesi fa ho fatto l’esperimento di “incocciare” il couscous partendo dalla semola ed è venuto BUONISSIMO, nessun paragone con quello precotto, non ho mai provato questo che hai usato tu.

    Per l’incocciatura avevo preso spunto da uno splendido post di Sigrid cavolettodibruxelles.it/2007/02/one-lucky-sprout-e-un-cuscus-da-sballo

    avevo anche trovato filmati su youtube fatti molto bene ma che non saprei ritrovare ma ho poi utilizzato un mio metodo, la semola nel Kitchen Aid alla minima velocità e voilà vengono fuori i granelli di couscous.

    La cottura è molto lunga ma vi assicuro che vale la pena, lo rifarò.

    Commento by lilli

  20. Ciao, Francesca, come stai?
    Ho letto, salvato, stampato e appena lo farò, ti scriverò!
    Un abbraccio dall’Italia.
    Franci

    Commento by francesca

  21. lilli: la mia insegnante marocchina non mi ha mai parlato di incocciatura, ma immagino venga bene lo stesso. Un caro saluto!

    francesca: attendo notizie allora!

    Commento by FrancescaV

  22. La ricetta di Francesca è ottima, ma mancano tutte le spezie che , nella mia esperienza, sono fonamentali e sempre usate da tutti i mahgrebini che lo cucinano.
    Curry, cumino, chilly… Avevo consultato la ricetta per sapere le dosi.
    L’idea delle foto passo a passo è utilissima!

    Commento by Silvia

  23. Fantastico!! Sono stata in marocco circa 8 anni fà e lì ho mangiato un cous cous splendido, fatto proprio nelle case delle donne marocchine, e devo dire che questa ricetta è proprio l’originale, unica cosa…. lì le donne lasciavano cuocere il cous cous sopra alla pentola dove nel frattempo bollivano verdure e carne e non semplicemente dell’acqua, credo che così venga ancora più buono!! Però grazie x aver postato la ricetta, mi sà che domani lo faccio!!!

    Commento by valeria

  24. Ah.. fatto con l’agnello è la sua morte!!

    Commento by valeria

  25. silvia: lei ha usato prevalentemente zafferano, ma secondo me le spezie che citi ci starebbero benissimo. Mi fa piacere che le foto passo passo ti sia utili, a me lo sono molto :-) Grazie del suggerimento!

    valeria: hai ragione, così il cous cous si impregna già del sapore del condimento che verrà aggiunto dopo. Mi fai sapere com’è andata? :-)

    Commento by FrancescaV

  26. Certamente oggi comprerò il necessario e al max domani lo preparerò!!! grazie infinite!

    Commento by valeria

  27. SCUSATE MA LA SEMOLA VA COTTA NELLA PARTE SUPERIORE DELLA COUSCUSSIERA E NON A PARTE COSIGLIATO DA CHI VA IN MAROCCO TUTTI GLI ANNI TRA BENI MELLAL E CASABLANCA

    Commento by AZIZA

  28. SE QUALQUNO NN SA DOVE TROVA IL COUS COUS POTETE ANDARE DA UN SUPER MERCATO LO POTETE TROVARE E MEGLIO PRENDETETE QUELLO FINO E MEGLIO UNA VOLTA SONO ANDATA A AUCHAN E LO TROVATO CIAO AMICI SE VOLETE ALTRI RICETE DI MAROCCO SONO ALLA VOSTRA DISPOSIZIONA CIAO

    Commento by SARA

  29. POTETE AGIUNGERE LA ZUCCHA ROSA IO SONO MAROCHINA E MIA MADRE LO FA SEMPRA E BUONISSIMO

    Commento by SARA

  30. ancora non sono riuscita ad organizzarmi x il cous cous, ma la zucca è vero ci sta benissimo, io ho mangiato un sacco di volte il cous cous a casa di amici marocchini e anche in marocco ed è fantastico con la zucca!

    Commento by valeria

  31. bravaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

    Commento by reduan

  32. complimenti !!! buonissimo…

    Commento by rimatis

  33. ciao franci, splendido questo coscous passo passo…è proprio come mi hanno insegnato a farlo in marocco!!! bravissima

    Commento by simoff

  34. grazie a tutti!

    Commento by FrancescaV

  35. ciao volevo chiederti una cosa, quando io uso la couscousiera molto cous cous cade nella pentola in basso è normale?

    Commento by ylenia

  36. ciao ylenia, non so come mai ti scenda il cous cous nella pentola in basso, mi sembra molto strano. Ha forse dei fori troppo grande (che non dovrebbe avere)? Io ovvierei ricoprendo il fondo della pentola sopra con carta forno bagnata e strizzata, che ne dici? Fai una prova e fammi sapere come è andata. Ciao!

    Commento by FrancescaV

  37. molto belle le presentazioni,a me il cuscus piace e l’ho mangiato in diversi paesi africani, ma io a casa tua se posso non lo mangerò mai ! E se fai cucina dovresti saperlo.ciao

    Commento by jon jon

  38. se non ci metti l’acqua il cus cus non si gonfia!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Commento by sid

  39. Ho trovato molto interesante le ricette del cous cous sono facili da preparare

    grazie e buon lavoro.

    Commento by peps38

  40. stupendo una volta lo mangiato a san vito lo capo….non si poteva levare dalla bocca…adesso ci voglio provare a farlo…..chissa che uscira fuori…

    Commento by noemi

  41. Grazie per la ricetta .. vivo all’estero e mi manca molto il cous cous trapanese .. provero’ la tua ricetta!
    Camplimenti per il sito e’ davvero interessante.

    Commento by Andrea

  42. BUONISSIMOOOOO BRAVA LA RICETTA è MOLTO DETTAGLIATA PROVERò A FARLO E SE MI RIUSCIRà QUESTA VOLTE LO FARò IO ASSAGGIARE ALLE MIE AMICHE

    Commento by ROSITA

  43. Non sono d’accordo con il concetto si sacrilegio per la semola precotta… Se si fa rinvenire bene, senza pasticciare e usando magari brodo per liquido, viene esattamente come quella non precotta, fatica in meno. Ho mangiato decine di cuscus di tutto il Maghreb fatti con semola precotta e non, e spesso non avrei potuto sentire la differenza…


  44. sono d’accordo con te Jean-Michel, meglio un buon cous cous precotto con un ottimo brodo che un cous cous da cuocere senza saperlo fare ad arte.

    Commento by FrancescaV

  45. BRAVISSIMA COMPLIMENTI,IL TUO E’ LO STESSO SISTEMA CHE USANO I MIEI CHEF ED E’ DAVVERO UN SUCCESSO,CREDO CHE TU SARAI LAUREATA IN NUTRIZIONISMO? CIAO E DI NUOVO COMPLIMENTI.

    Commento by PROFESSOR TOSCANO

  46. Ottima la ricetta!! In casa nostra ( padre tunisino…) era il piatto della festa con qualche piccola variante: non pollo ma agnello,accompagnato da polpette di carne speziata con cumino ( forse una piccola contaminazione francese) e la cottura della semola in due tempi : 20′ di cottura , 20′ di riposo sgranato su di un telo, altri 20′ minuti di cottura, quindi risgranato e aromatizzato con polvere di rosa di Damasco.Il mio problema , dopo tanti anni resta lo stesso, cioè conciliare una buona cottura con una bella presentazione , ergo evitare che diventi una ignobile zuppa con gli ingredienti indistinguibili. Io abitualmente cuocio le verdure singolarmente e separatamente nel soffritto con carne di agnello, ma i tempi di cottura sono quasi insostenibili e il sapore del brodo ne risente. Qualcuno sa consigliarmi qualcosa circa l’utilizzo della pentola a pressione, di cui, francamente , non sono un’esperto?Due piccoli consigli : decorate il piatto in tavola con falde di peperone rosso e giallo cotti in un tegame con un filo di olio e l’aspetto scenografico sarà spettacolare e accompagnate i piatti con una cucchiaiata di salsa di zucchine, di cui purtroppo mi sfugge il nome( bollite alcune zucchine piccole senza sbucciarle, schiacciatele non troppo finemente , fate fare loro l’acqua per qualche ora in un colino, aggiungete sale fino, succo di limone, un filo di olio, polvere di cumino e un cucchiaio piccolo di harissa : mi saprete dire….).Infine : qualcuno mi sa dire dove si possa mangiare a Milano un cous cous interessate??Complimenti a tutti.

    Commento by mentesapienteinventrecapiente

  47. salve! una curiosità più sull’apparecchiatura che sul cous cous di per sé: dove posso trovare ed acquistare una couscoussiera? Vi prego, è importante quindi gradirei una risposta da chiunque frequenti questo sito e lasci qui uncommento. Grazie!!! ^_^

    Commento by L’Anto

  48. Di solito i negozi di alimentari etnici ne sono provvisti. Per motivi che mi sfuggono le fanno solo in alluminio o terracotta, niente inox. Ti consiglio la pentola da 1 kg, perchè quelle piccole, per 1/2 kg di semola sono alte e strette , poco stabili sui fornelli. In ogni caso qualsiasi vaporiera, con il fondo a fori non troppo piccoli può andare bene. Ciao

    Commento by mentesapiente in ventrecapiente

  49. grazie, davvero molto gentile da parte tua! vedrò che si può fare. ciao ciao!!!

    Commento by L’Anto

  50. La ricetta è assolutamente sbagliata.. Xk’ ci vanno spezie e la cottura delle verdure non viene fatta attraverso la pentola a pressione.
    Perciò non si può dire ke qsta sia la Ricetta del vero cous cous marocchino!! E le patate??? Hh non ci vanno ve lo dico io ke sn marocchina finissima e di cous cous ne ho mangiati assai hhhhh

    Commento by zina maroc

  51. e molto buona couscous

    Commento by ramoni

  52. Mi al magni mia il couscous,sti niger non mangan nient de padano o de Italian,,,mo il coucous al vori no!

    Commento by teo

  53. X TEO…….
    O Teo che vaghi per valli e per boschi, col tuo bel fazzoletto verde padano, ma ti sei mai chiesto da dove vieni? Da quale seme hanno avuto origine i tuoi trisavoli? Cosa mangiavano 1/200 anni fa?
    E chissá cosa avranno pensato negli States, o nelle Brughiere, o nelle Ardenne, osservando qualche tuo parente con la sua valigia di cartone conle tome od i salami dentro. Perchè tutti abbiamo avuto in famiglia un neger che è dovuto partire per lavorare!?

    Tu che sai esprimerti in modo così pittoresco in una chat di persone che sanno l’Italiano, visto che siamo in Italia, proprio tu che ne rivendichi la cittadinanza!
    Forse la nebbia…forse la troppa polenta o le patate…forse l’odore di muschio… Osserva ed impara la civiltà da chi ha inventato i numeri, la scrittura, l’arte e la cucina!

    Commento by Marco

Torna in cima | Torna alla home

Scrivi un commento




 

Newsletter

FrancescaV.com è il mio diario di ricette che puoi cucinare facilmente in casa. Per averle direttamente nella tua email iscriviti alla newsletter. Benvenuto!

Il TrovaRicette

Pochi ingredienti nel frigo e nessuna idea su come usarli?

Inserisci uno, due o tre ingredienti nel box a fianco e trova la ricetta che fa per te!

 
 
 
 
 
 

Ricette di Natale, clicca!

Ricette di Natale

 

Ricette di Natale Antipasti

 
  • Ricette di Natale Primi piatti

     

    Ricette di Natale Secondi piatti

     

    Ricette di Natale Contorni

     

    Ricette di Natale Dolci 1

     

    Ricette di Natale Dolci 2