Vellutata fredda di carote al miso

Letto 9821 volte.

Magari a primo acchitto non sembra, ma vi assicuro che questa ricetta è stata per me un perfetto svuotafrigo: per le carote da troppo tempo in attesa e per quella bella confezione di miso giapponese, comprato in inverno per metterlo nelle zuppe, ma che contiene miso in quantità industriali e che perciò mi ritrovo a smaltire d’estate. Se siete nella mia stessa situazione ecco, questo è il post che fa per voi.

carote

E prima di dirvi come si fa la vellutata di carote al miso (facilissima e buonissima) vi parlo di un altro libro di cucina: bello, di quelli che piacciono a me perchè hanno una storia da raccontare, una storia di passione e amore per il cibo, storia di vita vissuta inseguendo il proprio sogno.

Il libro è ‘Breakfast, lunch, tea’ di Rose Carrarini, che nel 1988 fondò a Londra la famosa épicerie fine Villandry, per approdare poi nel 2002 a Parigi con una pasticceria-ristorante anglofrancese, Rose Bakery, dove c’è spazio solo per semplicità, freschezza e qualità. La vellutata l’ho trovata su un Marieclaire Maison dell’anno scorso, ricetta di Rose Bakery, subito strappata e conservata nel libro.

E ora si cucina.

Ingredienti per 2 persone: 1/2 kg. di carote, 1 bianco di porro (o il cuore di un sedano bianco), 50 cl. di latte di soia (io non l’ho messo), 1 cucchiaio di miso classico (o miso bianco come da ricetta originale), 1 cucchiaio d’olio e.v.o.,  una striscia di alga Kombu.

Mettete l’alga Kombu a bagno in 50 cl. d’acqua per circa 30 min. Nel frattempo lavate e tagliate carote e porro e tagliateli a rondelle non spesse. In una padella antiaderente capiente e dai bordi alti (o in una casseruola) scaldate l’olio e poi versate le verdure, fatele insaporire per qualche minuto, poi aggiungete l’acqua con l’alga e il latte di soia (o altrettanta acqua) e portate ad ebollizione. Togliete l’alga, coprite la padella, abbassate un po’ il fuoco e fate cuocere per circa 30 min. fino a quando le carote non siano ben cotte. Se ce ne fosse bisogno aggiungete dell’acqua calda durante la cottura. Togliete dal fuoco, fate intiepidire un po’, poi frullate il tutto. Aggiungete il miso e girate bene fino a che si sia ben amalgamato alla vellutata di carote. Mettete nelle ciotole, copritele e riponetele in frigo a freddare. Servire con coriandolo o prezzemolo tritato e un giro d’olio.

vellutata-carote-miso

Per finire.
La vellutata di carote al miso è perfetta come apri-pranzo o cena, rimane molto fresca, dal gusto leggero e piacevole. Per averla già pronta, fredda in frigo (e non sudare troppo davanti ai fornelli viste le temperature), preparatela la sera, mettela in frigo prima di andare a dormire e usatela nei giorni a seguire, diciamo entro massimo 4 giorni dalla preparazione. Ovviamente più ne fate e più ne avrete di scorta già pronta. E non scordatevi che fa anche bene a chi ha la passione dell’abbronzatura :-).
Se al posto delle carote in frigo avete delle belle melanzane, allora provate le melanzane al miso, vera ricetta giapponese.

E siccome qui si sta parlando di smaltimento di carote mi son sentita di lasciarvi una lista di ricette alle carote targate FrancescaV, tutta da provare:

Dalla cucina giapponese a quella islamica Carote al cumino

Perchè i muffin son buoni tutto l’anno Muffin carote e basilico

Quando ci attanaglia la calura Centrifuga carote, sedano e cocomero

Tags: , , ,

Commenti


  1. Allora, per il miso sono nella tua stessa situazione, le carote mi piacciono molto, l’abbronzatura mi sa che quest’anno mi tocca…ho capito che mi segno la ricetta!! Sembra pure buonissima!

    Commento by Fiordiciliegio

  2. Questi ultimi due post sono un’istigazione a comprare libri, non vale! Mi piace tanto il tuo hummus e pure questa vellutata, MA, non so affatto che sapore abbia il miso e quelle poche volte che l’ho incrociato ho avuto paura che non mi piacesse, ecco 😛

    Commento by Elvira

  3. buona!
    quintali di carote non mancano mai anche nel mio frigo.
    la mia abbronzatura non pare recettiva ma forse mi trasformerò presto in un coniglio…
    😉

    Commento by roberta cobrizo

  4. Fiordiciliegio buttati allora, e poi dimmi se ti è piaciuta 🙂

    Elvira hai ragione, ma ogni tanto ho il desiderio di dare almeno un minimo spazio ai miei amati libri, chè se lo meritano 🙂 Sul sapore del miso non so proprio come descrivertelo, magari qualcun’altro te lo può scrivere, io passo. Però posso dirti il dolce delle carote con il salato agrodolce del miso stanno proprio bene insieme.

    cobrizo, idem per l’abbronzatura, che io non amo molto. Le carote invece sì 🙂

    Commento by FrancescaV

  5. Faccio spesso la vellutata di carote, ma questa tua è tutta un’altra storia…diversa, originale, molto molto orientaleggiante! Il miso fino ad oggi mi era sconosciuto…adesso ho una gran curiosità!

    Commento by BARBARA

  6. Ecco un modo fichissimo per xonsumare verdure in estate perchè diciamocelo… o cruda o cotta, ma fredda.
    Unica pecca: apparte le carote e l’olio evo non ho nessun altro ingrediente. Dovrei organizzarmi. Nel mentre commento la foto che mi piace una cifra con sto arancio spiccato che attutisce tutto il resto. Finissima la ciotolina… sembra raku!


  7. barbara, se la provi fammi sapere, magari è l’occasione per testare anche il gusto del miso. A mio parere, sta benissimo abbinato alle carote.

    parentesiculinarie, eddue 🙂 Ma come fai, leggi nelle mie foto? Hai proprio ragione, la ciotolina è raku giapponese, brava 😀

    Commento by FrancescaV

  8. deve essere buonissima… e se la facessi senza il miso?

    Commento by Francesca

  9. Buono! A me hanno insegnato i macrobiotici ad usare il miso e mi è subito piaciuto, soprattutto nel brodo vegetale, come lo fanno loro. Però dicevano che è una cosa più invernale e d’estate non andrebbe usato.. Troppo… yang!!!
    così mi è rimasta l’abitudine ad usarlo solo in inverno e sostituirlo d’estate con la salsa di soia, anche se non è proprio lo stesso sapore

    Commento by Lacerba

  10. Francesca, senza miso la puoi fare sempre la vellutata fredda di carote, ma il sapore sarà diverso, buono ma differente. Magari metterci la salsa di soia al posto del miso come suggerisce Lacerba? Comunque sempre di una cosa diversa parliamo 🙂

    Lacerba, io non sono esperta di macrobiotica, ma immaginavo che il miso fosse un ingrediente più invernale. Io comunque ho ancora tanto miso da consumare e sto cercando di non sprecarlo. Questa vellutata mi è venuta egregiamente in soccorso.

    Commento by FrancescaV

  11. io avevo in casa l’occorrente per fare anche il centrifugato di carote sedano e cocomero e devo dire che è veramente una leccornia, ora mi butto sulle carote col miso che tanto mi piace poi è fresco e in questi gg direi che è il massimo……sabato ho anche una cena con amici vorrei preporlo come entreè….dopo cosa posso cucinare di fresco o comunque poco laborioso…si accettano consigli con sto caldo ho anche poca immaginazione….ciao e grazie tatiana

    Commento by tatiana

Torna in cima | Torna alla home

Scrivi un commento




 

Newsletter

FrancescaV.com è il mio diario di ricette che puoi cucinare facilmente in casa. Per averle direttamente nella tua email iscriviti alla newsletter. Benvenuto!

Il TrovaRicette

Pochi ingredienti nel frigo e nessuna idea su come usarli?

Inserisci uno, due o tre ingredienti nel box a fianco e trova la ricetta che fa per te!

 
 
 
 
 
 

Ricette di Natale, clicca!

Ricette di Natale

 

Ricette di Natale Antipasti

 
  • Ricette di Natale Primi piatti

     

    Ricette di Natale Secondi piatti

     

    Ricette di Natale Contorni

     

    Ricette di Natale Dolci 1

     

    Ricette di Natale Dolci 2