La pasta madre #9

Letto 17452 volte.

E siamo arrivati al nono spazio dedicati a tutti gli sperimentatori ed utilizzatori di pasta madre. Dovevo correre ai ripari per salvare i commenti (più di 160!) della pasta madre #8 ad un imminente crollo tecnico 😉

Allora, ricapitolando, questo è il nuovo spazio sulla pasta madre per lasciare i vostri commenti, richieste, ricette, suggerimenti, in attesa che si aprirà il forum monotematico dedicato alla pasta madre che ho in mente. Vi avviso però che non prevedo tempi brevi, perchè voglio prima apportare delle migliorie di base a tutto il blog e ci vuole tempo per far tutto, ma non mi dimentico di voi, statene certi.

E’ poi ancora vacante il posto del o dei volontari che desiderano occuparsi di redigere una lista di F.A.Q. sulla pasta madre (domande e risposte più importanti) da estrapolare da tutto il materiale che c’è su FrancescaV. Chi si fa sotto per primo? 😉
In ogni caso avrete sempre a disposizione il mio supporto, ovviamente.

Non mi resta che salutarvi e augurarvi buone chiacchiere!

Tags: , , ,

Commenti


  1. Come ti ho gia’ detto cara Francesca il mio primo tentativo e’ naufragato, mi e’ rimasto solo il barattolo di vetro vuoto comprato di proposito, rimasto li’ in cucina a ricordarmi il fallimento ;(
    Ma non mollo, ritornero’ piu’ agguerrita e nel frattempo aspetto le prossime istruzioni!
    Baci 🙂

    Commento by Katia

  2. Ho visto da Kja che chiedevi informazioni sul mio contest Eggs in Smoking… beh c’è tempo fino al 6 marzo. Se voi partecipare ne sarei felicissima (anche con qualcosa di già pubblicato basta che non abbia già partecipato ad altri contest)
    Ciao! 🙂

    PS: io con la pasta madre non riesco ad avere un buon rapporto 🙁 chissà che con i tuoi consigli…

    Commento by Leda

  3. Ciao io ho una pasta madre di 3 anni fatta una fatta con lo yogurt l’altra con la mela .. ci vuole pazienza 🙂
    Ciao a presto

    Commento by perpassione

  4. ciao non riesco a trovare le ricete con la pm..grazie

    Commento by tizzi

  5. esiste un libro di ricette su come fare il pane con la paste madre … ma non ricordo il titolo …

    Commento by perpassione

  6. ho rinfrescato la mia pm stasera per fare il pane domani però non so come procedere ,stacco un pezzo e la uso e l’altra la rimetto in frigo o devo rinfrescare dinuovo o….. non so aiutami tu grazie in anticipo

    Commento by marco69

  7. @ Marco 69 puoi procedere ad impastare e mettere l’altra rimanente in frigo, se ritieni che l’odore sia acidino puoi fare un altro rinfresco.

    Commento by Annù

  8. @perpassione potresti sbirciare da pappareale c’è qualcosa.

    Commento by Annù

  9. annù molto gentile per il suggerimento grazie ancora

    Commento by marco69

  10. Domanda a tutti gli amici che usano pm: potreste postare qualche foto, tramite Francesca, delle sezioni dei vostri pane/pizza realizzati esclusivamente con PM? Vorrei rendermi conto dell’alveolatura del lievitato.
    Ciao

    Commento by Antonio

  11. Ciao, anche a me piace la pasta madre, ma vedo che ho dei problemi comuni anche ad altri, di tipo loggistico!! Infatti non riesco a trovare le ricette con la pm. Sono un pò sparse dapertutto. Scusa se te lo chiedo, non sarebbe meglio riunirle tutte.? Ciao

    Commento by sabina

  12. certo sabina, sarebbe l’ideale. Il lavoro però è tanto e io non posso fare, almeo per ora, anche questo. Se ci vuoi pensare tu, raccolgierle in un unico file word e poi mandarmele per email io poi provvederò a creare un articolo tutto dedicato alle ricette con la pasta madre. L’invito è rivolto a tutti quelli che vogliono dare una mano, grazie!

    Commento by FrancescaV

  13. ciao a tutti ,la mia avventura con il lm continua,adesso lo tengo in frigo e faccio pane e pizza almeno una volta a settimana,ultimamente il pane è un po’ più acidulo può dipendere dal troppo tempo di lievitazione’? uso farina 0 e lm 30% della farina ACQUA al 50%!
    grazie a chi mi risponderà!

    Commento by laura71

  14. Ciao può dipendere dal tuo lievito prova a rinfrescarlo … più volte prima di impastarlo …..se non va lavalo …. fammi sapere Ciao

    Commento by perpassione

  15. @Laura71 ciao perpassione ti ha ben risposto, se i problemi continuano prova a purificarlo col il lavaggio, metti acqua tiepida e una punta di zucchero immergi la pm tienila mezz’ora poi trizza bene e procedi al rinfresco, mettendo un pochino meno acqua.

    Commento by Annù

  16. Ciao a tutti! vi seguo da un po’ perchè anche io sono amante del pane e della pasta madre… ne avevo già creata una stupenda, che però è defunta (sigh) nelle vacanze estive a causa di incuria genitoriale diciamo così… ora però ho deciso di rifarla dato che il pane era più buono e più digeribile, e dopo una 20 di giorni di cure e amore… avevo fatto una bella madre acida e lievitante. Fin qui tutto bene, non fosse stato che l’altro ieri notte (ore 0,30) prima di partire per un convegno l’ho rinfrescata e l’ho lasciata in cucina ripromettendomi di dire a mio marito di metterla in frigo al mattino, solo che…. NON GLIEL’HO DETTO!!!! e dato che a lui dei miei esperimenti non è che si interessa poi così tanto non è nemmeno stato toccato da questo dubbio 🙁

    Insomma come rimediare a questo errore? alle 14 di oggi (34 ore fuori) l’ha messa in frigo e io stasera alle 20 la rinfresco subito e magari anche domani (immagino sarà diventata troppo acida, o sbaglio?) consigli? idee di soluzioni? grazie in anticipo e complimenti per il sito!

    Commento by Silvietta

  17. @sabina e francescaV
    siiii mettete le ricette insieme… che bella idea!!

    pensavo, forse potrei anche fare un lavaggio alla mia pm, dopo queste 36 ore di abbandono?

    Commento by Silvietta

  18. ciao a tutti io ho un prablema con la mia pm sono quasi tre mesi che rinfresco ogni sett la pm non è che raddoppi come dice francesca lievita per tre quarti e ho provato anche a fare il pane rinfrescando la sera prima facendo il pane bianco ma qualcosa non mi torna dopo tutti i passaggi non lievita come dovrebbe e lievita anche dieci ore come dicono altri non so dove sbaglio il rinfresco lo faccio con farina 0non ho voglia di mollare adesso chi mi puo aiutare grazie in anticipo

    Commento by marco69

  19. @silvietta per me non è successo nulla ….. fai un nuovo rinfresco e dopo rimettila in frigo ore non sono molte

    Commento by perpassione

  20. grazie per le risposte,naturalmente il lavaggio posso farlo solo alla pm solida non a quella liquida giusto?comunque proverò!!!!

    Commento by laura71

  21. @laura direi di si

    Commento by perpassione

  22. ciao io sono nuova e mi hanno regalato una pasta madre di 300g non sapendo come si lavorava ho aggiunto 1kg di farina 1 cucchiaio di sale e 200g di acqua, l’ho impastata e ora è in frigo. ora cosa devo fare?? è da buttare o posso rimediare?? grazie in anticipo per la risposta

    Commento by carolina

  23. scusate io ho 300gr di pasta madre se ne devo usare 250 gr per fare il pane me ne rimangono solo 50gr come faccio a farla diventare ancora di 300gr per i prossimi impasti? grazie

    Commento by alessandra

  24. ciao alessandra è tutto semplice intanto devi rinfrescare le sera prima la tua pm e quindi aggiungi altri 300gr di farina 0 e 150 di acqua e lasci raddoppiare quindi hai in totale 600/650gr meno i 250gr che ti servono rimane350/400che poi devi rinfrescare e mettere in frigo per la prossima volta spero che non sia troppo complicato per fare il rinfresco se tieni in frigo devi toglierla 3/4 ore prima fai il rinfresco aspetti altre 3/4 ore poi riponi in frigo ok? ciao

    Commento by marco69

  25. ma voi per un KG di farina quanta pasta madre usate per fare il pane ? E quanta acqua circa?grazie

    Commento by germa

  26. ciao germa su un kg di farina va usato un terzo di pasta madre cioè 333 di farina e la metà di acqua riassumendo 1kg farina 333 pasta madre 500acqua alla prossima

    Commento by marco69

  27. @michela la pasta madre è pronta 😉

    Commento by perpassione

  28. per germa,io ho saputo che la dose ideale da usare è 30g di pasta madre ogni 100 gr di farina e 50 gr di acqua,con questa dose puoi fare la quantità di impasto che vuoi!!!

    Commento by laura71

  29. ?per laura 71 non ti sembra di aver ripetuto quello che ho scritto io diviso 10?sbaglio?ciao

    Commento by marco69

  30. Uff ho douto cliccare fin qui per ringraziarti! Ho provato varie ricette (sentite, viste, consigliate) maaaa l’unica che mi è riuscita bene è la tua!
    Grazie!!!
    Ps. Metto il link alla pagina con la tua ricetta sul mio blog


  31. Forse mi sono persa un pezzo, però chiedevo un’altra informazione riguardo il “letargo” della pm….In previsione dell’estate e della poca voglia di accendere il foglio volevo mettere a iposo la mia pm: ho fatto il rinfresco, una volta lievitata l’ho stesa, come dice Francesca, sulla carta forno (spero fino a qui di aver fatto bene), a questo punto aspetto l’essiccazione….poi la metto in un vaso di vetro? Così conservata, mi dura fino ad ottobre/novembre?? Grazie dell’aiuto 😀

    Commento by Rossella

  32. io impasto il lievito madre con farine senza glutine, dato che mio nipote è intollerante i risultati non sono incoraggianti
    qualquno ha qualche consiglioda darmi’?
    GRAZIE IN ANTICIPO
    NANNONA

    Commento by anna

  33. Ciao a tutti e complimenti a Francesca per tutto quello che fa’. E’ bravissima. Ho una pm di 8 mesi,che da un mesetto e’ diventata morbida e appiccicosa. Cosa devo fare? C’e’ qualquno che puo aiutarmi? Grazie da lauretta 1Lauretta 1

    Commento by lauretta1

  34. Ciao a tutte! Vorrei provare la PM, dopo tanto che pensavo di farlo, ma non mi sono molto chiari i tempi di utilizzo: una volta unita la PM alla farina che poi utilizzerò, quanto tempo deve lievitare l’impasto prima che possa utilizzarlo? Mi sembra di aver capito 24, 36 ore ma mi sembra un tempo biblico… Grazie!!

    Commento by Lalla

  35. Per Anna la pasta ti sta muorendo
    prova a recuperarla facendo dei rinfreschi (ed aggiungendo un po miele
    in modo da dare nutrimento) finche non avrà raddoppiato di volume i n circa 4 ore

    Commento by SANDRO (perpassione)

  36. xLalla i tempi cosi lunghi si usano raramente per il pane tranne che per fare il cafone napoletano (16-24 ore) se il lievito è maturo in genere una lievatzione si ottiene in 3-5 ore


  37. Ciao a tutti, e vi ringrazio per aver contribuito con cosi tanti posts!!

    Vi sottopongo il mio quesito, sperando di avere sia i vostri autorevoli commenti e suggerimenti che quelli di Francesca (a cui rivolgo un saluto particolare!).

    Premessa – io faccio il pane in casa nella seguente maniera:
    Impasto 500gr di farina 00 con 250gr di acqua e 5gr di lievito e 1 cucchiaino di zucchero, lascio lievitare per 24h, poi unisco il tutto a 1kg di farina di semola, ci aggiungo 500gr di acqua un cucchiaio scarso di sale, impasto il tutto e faccio lievitare per 12h dopodicchè inforno per 1h e viene uno spettacolo, una pagnotta di pane pugliese del peso finale di 2kg.

    Volendo sostituire il lievito di birra con quello naturale come devo fare?

    Dubbi domande:

    1) supponendo che abbia il lievito madre quanto ne devo utilizzare?
    2) quando devo fare l’ultimo rinfresco e quanto prima?
    3) come faccio a sapere il valore totale della farina (nel mio metodo “sperimentato” utilizzo 1,5kg di farina e 750ml di acqua, per esempio, vorrei poter tenere le stesse proporzioni vista l’ottima resa, vorrei solo migliorare la lievitazione con lievito naturale.

    Vi ringrazio anticipatamente!!!

    Alberto

    Commento by alberto

  38. PER ALBERTO . SCRIVI COSI’; COME USARE IL LIEVITO NATURALE VIVA LA FOCACCIA . C’E’ PROPRIO QUELLO CHE CERCHI.CIAO DA LAURETTA1

    Commento by lauretta1

  39. Per Lauretta1:

    Grazie!! Secondo il link suggerito ho capito che alla fine ho bisogno di una quantità di pasta acida di circa 750gr a cui aggiungere 1kg abbondante di farina e 500gr di acqua per fare il mio pane pugliese, che è praticamente la stessa quantità di pre-impasto che io facevo con 500gr di farina 250gr di acqua e 5gr di lievito di birra.

    Immagino che il lievito naturale faccia si che il pane abbia un sapore migliore e sia piu digeribile.. ora dovrò solo fare un po di pratica sui tempi di lievitazione e di preparazione del pre-impasto (rinfresco!).

    Vi tengo aggiornati!

    AL

    Commento by alberto

  40. Ciao, finalmente sono riuscita a creare la mia pasta madre, ho fatto tutti i tuoi passaggi ed e’ lievitata da subito. Ho fatto 5 rinfreschi (uno ogni 24 ore) dopo ovviamente aver fatto il primo dopo 48 ore. E la sto conservando ancora fuori dal frigo in un barattolone di vetro chiuso con la pellicola. Pero’ ha un fortissimo odore di acido, e’ normale? Ed e’ normale anche che tutte le volte devo lavare il vaso perche’ e’ appiccicosa? Grazie!!!

    Commento by Arianna

  41. CIAO ARIANNA. ANCHE LA MIA PM ALL’INIZIO AVEVA ODORE ACIDO POI A FORZA DI RINFRESCHI LO HA PERSO. ORA DOPO 8 MESI HA UN DELIZIOSO PROFUMO . IO IL VASETTO LO LAVO TUTTE LE VOLTE CHE FACCIO IL RINFRESCO. CIAO DA LAURETTA1

    Commento by lauretta1

  42. Ciao Francesca…

    ho iniziato a fare la pasta madre con la ricetta a base solo di farina manitoba e acqua, perchè si è rivelato il sistema meno dispendioso e più rapido. Spero di non averlo “pagato” perchè ora (a circa 1 mese dalla sua nascita), che sto rinfrescando la pasta madre ogni 5-6 gg tenendola poi in frigo, ha un forte odore di acetone (hai presente proprio quello che si utilizza per togliere lo smalto?!). Chiedo a te… o a chiunque legga se c’è un sistema per risolvere il problema.
    Inoltre l’impasto mi sembra buono, perchè fa un sacco di alveoli ed è proprio “spumoso”, ma sopra fa sempre una crosticina più secca che secondo me la fa crescere poco…
    HELP!!!
    Vi ringrazio per i consigli!!!
    Sara

    Commento by Sara

  43. Per Arianna; Anche la mia pm di frigo fa la crosticina. Io quando la rinfresco tolgo la crosticina la butto, rinfresco faccio raddoppiare, rimetto in frigo.Per l’odore di acetone non so cosa dirti. Anche la mia all’inizio aveva un odore un po’ acido ma non cosi forte. Prova su ; Fysis.it nuova F.a.q sulla pasta acida. Ciao e Buona notte Lauretta1

    Commento by lauretta1

  44. Ciao ,

    avevo una PM che mi dava, a distanza di un anno da quando l’ho messa al mondo, un pane ottimo, per lo meno secondo i miei gusti e quelli dei miei amici. Una bella pagnotta, con crosta croccante ma non troppo e una mollica alveolata, un po’ sppugnosa ma no sgradevole, insomma ero molto contenta.
    Da un mese circa è tutto cambiato! La PM apparentemente sembra andare bene, quando rinfresco aumenta di volueme considerevolmente, con aveoli, ecc ma ora ottengo un impasto che non è assolutamente elastico, è sbricioloso, si spezza quando faccio le pieghe dopo la lievitazione di 8 ore.. Cos’è successo? Come posso risolvere questo problema? Grazie per una risposta.

    Commento by Lorena

  45. Ho letto pagine e pagine di vostri suggerimenti e consigli, nei mesi passati, da quando ho iniziato ad usare il lievito madre! Ho avuto il lievito in regalo da una persona che l’ha ricevuto anni fa (è vecchio di 50 anni!!!) da una signora che aveva un forno.
    Lo rinfresco una volta ogni 10 o 15 giorni, ma….maledetta me…l’ultima volta ho dimenticato di farlo, e ieri mi sono accorta che non lo rinfrescavo da più di 20 giorni!!! Era in frigo, nel suo contenitore di vetro, con la crosta sopra e gli alveoli ancora visibili! L’ho quindi rinfrescato come faccio sempre (stessa quantitòà di farina e metà di acqua minerale a temperatura ambiente, più un cucchiaino di zucchero per risvegliarla meglio!)…il problema è stato che mi si è cominciata ad appiccare alle mani, (come quando si fa l’impasto del panettone)…e non sono in alcun modo riuscita a farle cambiare consistenza…allora, l’ho divisa in 3 panetti e l’ho messa a bagno in acqua tiepida e zucchero (1 cucchiaino in ogni ciotola)…è subito venuta a galla, e dopo 30 minuti l’ho strizzata e ho rifatto il rinfresco!
    Il rinfresco precedente, l’avevo fatto (e temo questo abbia influito negativamente!) con Farina Barilla (adatta a tutti gli usi, c’è scritto)…per il secondo invece ho usato la Manitoba Spadoni e in effetti sono riuscita a impastarla ben bene e l’acidità non si sentiva più (anche se devo ammettere che non era molto acida nemmeno appena tolta dal frigo, l’ho pure assaggiata!)..quindi l’ho incisa a croce, messa in una ciotola, coperta e messa nel forno spento per tutta la notte! Stamattina era più che raddoppiata…ma putroppo appiccicava ancora!
    Ho fatto un altro rinfresco…(buttando un mare di pasta!), e messa di nuovo in forno con luce accesa per 5 ore…è raddoppiata ma APPICCICA SEMPRE! Sono disperata! Che faccio? Butto tutto? O posso ancora rimediare con altri rinfreschi ravvicinati?
    E se provassi a farla diventare poolish??
    Ora è lì, in cucina, nella sua ciotola e continua a crescere…

    Commento by BarbaraC

  46. x barbara
    non buttare nulla
    fai rinfreschi continui a distanza di 6/8 ore al max e vedrai che non appiccichera’ più…pazienza e costanza con il lievito madre come con i bimbi 🙂
    Ciao


  47. X Sandro( perpassione) – grazieeeeeeeee . Con la risposta al commento di Barbara , mi hai fatto un grandissimo favore. Purtroppo anche la mia pm da un mesetto ha gli stessi problemi. Ora so come risolverli. Grazie ancora Lauretta 1

    Commento by lauretta1

  48. Ma prego ….
    per quello che posso essere utile … un piacere


  49. Dopo un paio di mesi che ho “allevato” la pasta madre, ho cominciato a fare il pane, e dopo i primi due tentativi iniziali abbastanza disastrosi, il pane è venuto bene.
    Con un solo difetto: una fastidioso retro gusto acido
    Il primo imputato è stato, ovviamente, il lievito madre ma non è così….
    Non so voi, ma utilizzando mezzo bicchiere di normale olio di oliva invece di quello puro extravergine proveniente direttamente dal produttore (olio di Sicilia!), è sparito questo sapore.
    L’olio, va detto, è buonissimo e ineguagliabile , ma forse non si adatta a questo utilizzo.
    Qualcuno ha avuto esperienza simile?

    Commento by Marco

  50. Ennesimo esperimento con PM miseramente fallito. Il mio Lievito Madre sembra bello attivo, raddoppia in 3-4 ore ma, aggiunto all’impasto finale (dopo rinfresco), trasforma tutto in una massa informe che diventa sempre più appiccicosa quanto più la si lavora!!! Pattumiera sempre più vicina! Sigh!!!
    Le prime volte ho sciolto il LM nell’acqua a temp. ambiente, poi ho unito la farina (100 g LM, 300g farina, 150 g acqua). Ho usato il bimby (che uso per l’impasto con il LB senza problemi, faccio la pizza 2 volte alla settimana) ed è venuto fuori un impasto troppo appiccicoso per niente incordato. Questa mattina, pensando che le lame del bimby creassero problemi con la maglia glutinica , ho riprovato ad impastare manualmente (farina a fontana a cui ho aggiunto LM sciolto nell’acqua) ma non sono riuscita comunque a far incordare, nemmeno aggiungendo farina. Ho rinfrescato il LM ieri pomeriggio 2 volte e una volta questa mattina 3 ore prima di usarlo. Devo dire però che il mio LM ha 2 mesi… è un po’ giovane…
    Ogni consiglio è ben accetto. Ringrazio tutti anticipatamente.

    Commento by Elisa

  51. Ciao a tutti,
    è la prima volta che scrivo e volevo ringraziare anticipatamente chiunque sarà in grado di togliermi qualche dubbio da novellina della pasta madre. Ho iniziato a coltivarla circa una settimana fa, usando del miele come starter. Adesso il mio lievito riposa in un bel barattolo di vetro e mi pare vispo (ho rinfrescato verso le 13.00 e quando sono tornata a casa alle 18.00 era più che raddoppiato); l’aspetto è simile a quello della foto in cima alla pagina, sia per colore che per alveolature. Il mio dubbio, invece, riguarda l’odore dell’impasto: quando l’annuso colgo sentore d’aceto, chiaramente distinguibile ma comunque non fortissimo. In questi giorni ho letto mille cose su mille siti diversi, e fra queste che è normale che una pasta madre giovane sappia un po’ d’aceto. Ieri ho anche provato a misurare il PH con una cartina al tornasole, diluendo pochissimo la pasta madre (quel tanto che bastava a immergere la cartina): è risultato un PH 4. A questo punto vi pongo qualche domanda:
    1) mi consigliate di procedere facendo dei rinfreschi giornalieri finchè non perde l’odore d’aceto per poi passare alla fase di conservazione in frigo? Oppure devo fare dei rinfreschi ravvicinati (cioè rinfrescare ogni volta che la pasta raddoppia) fino a quando non assumerà l’odore di yogurt/champagne/miele che dovrebbe avere?
    2) visto che la pasta mi pare già attiva, posso azzardare una prima panificazione o è troppo presto?
    3) E se sì, è opportuno aggiungere all’impasto del pane una punta di bicarbonato per correggere questa lieve acidità? Ve lo chiedo perchè l’altro giorno ho comprato del pane a lievitazione naturale che odorava e sapeva d’acido, e mi pareva una porcheria…tant’è che m’ha fatto stare male! Non vorrei replicare questo capolavoro! 🙂
    Scusate per la lunghezza del commento, ma non sono riuscita ad abbreviare ulteriormente mantenendo al contempo la chiarezza del discorso.
    Spero che qualcuno di voi possa sciogliere i miei dubbi, e soprattutto spero di non essere stata molesta.
    Un saluto a tutti, e buona pasta madre! 🙂

    Commento by Sveva

  52. Ciao Sveva
    iofossi in te farei dei rinfreschi giornalieri per un po ….. strano che dopo una settimana al tua pasta sia cosi viva…. in genere ci vuole un pò di più comq nn aggiungere bicarbonato …. e se la tua pasta raddoppia in 4 ore be puoi panificare


  53. Ciao Sandro,
    grazie del consiglio 🙂
    Anche a me è sembrato strano (quasi miracoloso!). Ho fatto un solo rinfresco con manitoba e la pasta ha avuto un’impennata che non m’aspettavo. L’altro giorno ho anche aggiunto un po’ di miele perchè da qualche parte avevo letto che qualcuno lo fa per diminuire l’acidità. Forse ha influito anche il fatto che per i primi giorni l’ho tenuta in una zuppiera piazzata dentro un cesto che sta sopra il frigorifero, sempre al calduccio e al riparo da correnti…una sorta di incubatrice per pasta madre! 😀 Adesso però la ripongo in una credenza, non vorrei farla andare a male 🙂
    Fra qualche rinfresco proverò a panificare e vi farò sapere il risultato! 🙂

    Commento by Sveva

  54. ok si quasi miracoloso ..forse merito delle tua manine 🙂 la mia pasta ora mai ha 3 anni … spero di mantenerla… fammi sapere


  55. Ahahaha, e dire che mi sembra di essere abbastanza pasticciona! 😀 Chissà, lo scopriremo solo…panificando! 😀

    Commento by Sveva

  56. SVEVA MA TU GIA PANIFICHI?


  57. No, mai fatto. E sono curiosissima di vedere che disastri combinerò e che porcherie immangiabili usciranno fuori dal mio forno!
    Scherzi e pessimismo a parte, sono appena andata a controllare la pasta madre rinfrescata alle 12.30: è più che raddoppiata nel barattolo, anche se non ha ancora tante alveolature come prima di rinfrescarla, ma credo sia normale…o no? Approfitto anche per chiederti un’altra cosa, visto che tu hai la pasta madre da tre anni: è normale che quando la tiri fuori dal barattolo per rinfrescarla si ammosci un po’? Stamattina era diventata mollacchera e appiccicosa (e le alveolature sono “implose”) non appena l’ho messa nella zuppiera per rinfrescarla, ma poi è venuta fuori la solita palla della solita consistenza. Può essere che ungere il barattolo con dell’olio contribuisca a dare quest’effetto? L’altra volta invece di ungerlo l’ho infarinato e mi è sembrato che la pasta si sia mantenuta più soda durante il rinfresco successivo, ma non so se sia una cosa reale o se sia solamente frutto di allucinazioni.

    Commento by Sveva

  58. che imploda e si ammosci e normale … un pò non usare olio …
    almeno io non lo uso … e credo ceh nn faccia bene .. deve restare più pura possibile .. se serve una mano 🙂


  59. Grazie, sei molto gentile 🙂
    Oggi ho l’impressione che le alveolature siano vagamente più piccole e un po’ più tonde di ieri, e ho letto che alveolature tonde = pasta troppo acida. L’altro giorno per togliere l’odore di aceto avevo messo un po’ di miele, chissà che non le abbia fatto bene. Se non mi convince, al prossimo rinfresco quasi quasi lo aggiungo di nuovo, giusto una puntina. Tu che dici? 🙂

    Commento by Sveva

  60. io non lo metterei troppo spesso andrebbbe messo la prima volta dopo un po di inattivà il tuo è giovane fallo maturare …


  61. Grazie, ascolterò il tuo consiglio e ti farò sapere gli sviluppi 🙂

    Commento by Sveva

  62. ATTENDO fiducioso …. 🙂


  63. A dirti il vero, ieri avevo rinfrescato a parte un pochino di pasta madre, usando solo manitoba. Ho fatto più rinfreschi, per darle più forza. Stamattina ho preso la ricetta “Il pane con la pasta madre” dal blog “Il pasto nudo” e ho fatto un impasto con circa 200 grammi di farina, giusto per provare. Ero troppo curiosa, non ho resistito alla tentazione! Ti dirò: ho assaggiato un pezzettino d’impasto a crudo, e mi pareva che avesse un buon sapore. Anche se temo che il problema non sia solo il sapore… 😉
    Adesso sono indecisa se seguire il procedimento del post “Il pane con la pasta madre”, o se provare a fare le pieghe seguendo la spiegazione del post “Il pane con le pieghe”, sempre dallo stesso blog. E poi non so bene quanto lasciarlo a lievitare, ma proverò ad arrangiarmi ispirandomi alle cronache di panificazione di mia nonna.

    Commento by Sveva

  64. BE IO TI DAREI VOLENTIERI UNA MANO IO HO PROVATO SIA IL METODO FIELDMANN (CREDO SI CHIAMI COSI ) CHE QUELLO TRADIZIONALE .. I RISULTATI SONO BUONI MA DI DOVE SEI TU?


  65. Ed ecco il resoconto del mio primo tentativo: un disastro! All’inizio sembrava procedere tutto bene…l’impasto era bello morbido ed elastico, maneggiarlo era facile e mi pareva come quello di alcuni video che ho visto su internet. Poi ho cominciato la storia delle pieghe com’è spiegato nel blog di cui ti dicevo. Fino al secondo giro tutto ok, l’impasto gonfiava di nuovo dopo pochissimo tempo. Ma dopo l’ultima piega…un disastro. E’ rimasto moscettino, non si è gonfiato di nuovo come prima! Che peccato! 🙁 Eppure io l’ho maneggiato in maniera delicatissima, boh. Forse il lievito non era abbastanza forte per reggere tre “giri”? Mi sa che facevo meglio a dargli direttamente la forma. La prossima volta tenterò così. Comunque l’ho assaggiato lo stesso, e il sapore mi pare buono. Ha giusto una punta d’acido sotto, e ovviamente la mollica è ammassata, però dai…riprovando migliorerò 😛

    Commento by Sveva

  66. mai disperarsi …non posso darti consigli cosi .. dovrei per lo meno vedere come è venuto per darti un consiglio .. ma le pieghe secondo me vanno fate durante l’impasto …..


  67. Purtroppo non ho fatto foto, ma ti posso garantire che l’impasto sembrava buono. Non troppo duro, non troppo molle; non secco, non appiccicoso; elastico al punto giusto, si allargava facilmente. Anche dopo, facendo i tagli sul pane, era come nei video che ho visto. E’ stato dopo il maledetto “terzo giro” che si è afflosciato.
    Quindi tu mi consigli di fare le piegature alla fine dell’impasto, lasciare riposare il pane fino al raddoppio, mettere in forma delicatamente, praticare i tagli e quando questi si aprono infornare?
    Mi sa che la cosa migliore è ascoltare mia nonna, che non ci ha mai messo tutta ‘sta scienza, non conosce il termine “rinfresco” ma a 12 anni faceva 10 pani a settimana!

    Commento by Sveva

  68. SE hai una nonna ….. cosi brava fayti consigliare da lei .. almeno all’iinizio poi puoi divagare un po … anche io faccio circa 12 kg di pane ogni 15 giorni 🙂
    a presto


  69. Ciaooo Come vanno gli impasti? 🙂


  70. Ciao Sandro, in questi giorni mi sono limitata a rinfrescare la pasta e non ho fatto altri esperimenti. L’odore d’aceto si sta pian piano attenuando e sono passata alla fase di rinfreschi ogni 48 h, anche se forse ormai potrei metterla in frigo e rinfrescarla più di rado. Ho solo una perplessità: mi sembra che il lievito sia cresciuto meno di quando rinfrescavo ogni 24 ore. E’ normale?

    Commento by Sveva

  71. Ciao Sveva
    credo di si che sia normale se allunghi i tempi di rinfresco … perde un pò di forza
    la mia riposa in frigo avrei dovuto fare oggi il pane .. ma non mi andava molto .. lo farò la prx settimana spero ..vorrei fare un babà se ho tempo oggi provo


  72. la pasta madre deve essere fatta e riattivata con farina O o posso usare la farina integrale?
    grazie

    Commento by michela

  73. Michela …
    azzz… 🙂
    direi con la zero che ti permette di fare… un impasto neutro ed utilizzarlo per più cose poi con la farina integrale l’acidificazione avviene piu lentamente…
    ma tu sei un esperta di pasta fatta in casa vero?


  74. ciao Sandro! ho da anni una pasta madre che riattivo ogni 3-4gg con farina integrale (non mi pare ci metta molto tempo ad acidificare) e faccio il pane integrale, oppure di farro, qualche volta di segale.. siccome sta per arrivare un bebè volevo una pasta madre meno esigente di rinfreschi!

    Commento by michela

  75. sicuramante ci mette meno tempo .. ed e meno esigente ,,,,


  76. HO fatto il mio impasto record … 16 kg di pane ..sono soddisfatto .. la crescita è stata ottima … aiutato anche dal caldo ….:)

    Commento by SANDRO (perpassione)

  77. Sandro, un vero record complimenti!

    Commento by FrancescaV

  78. Grazie Fra poi a a mano e stata una vera fatica .. ma non c’e modo di mettere delle Foto qui?


  79. buogniorno e complimenti,
    una sola domanda : dovrei andare in ferie per circa due settimane
    posso congelare la mia splendida pasta madre ?
    diversamente non saprei come fare –
    grazie di vs. risposta

    Commento by luisa

  80. si puo congelare ma io nn lo consiglio .. in genere si congela con l’acqua…
    io ti consiglio di portarla con te… un frigo ci sarà dove vai .. .o l’affidi a qualche persona che resta 🙂


  81. Sveva tu hai rinunciato?


  82. Ciao Sandro,
    io ho fatto esami ieri, quindi finora mi sono limitata a fare rinfreschi ogni due giorni. Comunque sembra stare bene, anche se ovviamente cresce un po’ meno rispetto a quando rinfrescavo ogni giorno. La consistenza è migliorata parecchio (è meno collosa, più soda), e pure l’odore è cambiato, anche se ogni tanto mi pare di sentire ancora l’odore d’aceto. Appena avrò un attimo di calma riproverò finalmente a panificare 🙂

    Commento by Sveva

  83. Ciao Sveva
    l’importante è avere pazienza … esami di cosa? e co come sono andati?


  84. Di diritto amministrativo, andati bene (fiù!) 🙂

    Commento by Sveva

  85. Ciao Sveva
    complimenti .. quanti ne mancano?


  86. fuuiiiiiiiiiiiiii,credevo fosse uno scherzo…….invece no!!!!per scrivere un commento sulla pasta madre 1,ho dovuto arrivare fin qui..:)))complimenti davvero!!!io la curo da un anno,con amore e tante soddisfazioni,ma non finisco mai d’imparare..ho segnato i tuoi consigli!!!grazie ;)leggero’ anche le tue ricette!!buona estate :0))

    Commento by Elisabetta

  87. Cari tutti,

    Ho un po di quesiti e volevo con voi condividerne i punti salienti.

    Ho ho iniziato a fare il lievito madre circa 3 settimane fa con all’inzio un rinfresco ogni 48h e poi dopo 1 settimana/10gg di rinfreschi ogni 48h un rinfresco giornaliero, la base da cui sono partito è stata farina integrale+acqua+un cucchiaio di yoghurt che faccio in casa (da cui con fermenti lattici sicuramente VIVI!)

    Ora il mio lievito cresce bene e rapidamente ma non so come procedere.

    L’obbiettivo sarebbe quello di capire quando il levito è “maturo” al punto che posso conservarlo in frigo per la mia panificazione ogni settimana/10gg.

    Quesiti:

    1) Come si fà a capire quando il lievito madre ha raggiunto una certa robustezza? (leggendo sui vari post del forum ho dedotto che è “maturo” quando nonappena rinfrescato raddoppia il volume in 2h, giusto?)

    1.1) Che significa quando il lievito madre cresce cresce cresce e poi ad un certo punto collassa su se stesso e comincia a ritirarsi abbassandosi?

    2) Raggiunta tale robustezza qual’è la procedura di rinfresco? Sempre leggendo i vari post del forum ho dedotto che il rinfresco si fà togliendo il lievito madre dal frigo lasciandolo a temperatura ambiente per 3-4h, poi lo si rinfresca, e metà lo si rimette direttamente (e subito) in frigo (confermate?), l’altra metà la si usa per panificare.

    3) La panificazione con il lievito madre come funziona? La procedura tradizionale che utilizzavo (con estreme soddisfazioni) in passato era la seguente:

    a) Giorno 1 alla sera – 500gr di farina 250gr di acqua e 5gr di lievito di birra, impasto e lascio lievitare tutta la notte e tutto il giorno dopo
    b) Giorno 2 alla sera – prendo la “biga” fatta al giorno 1 la unisco a 500gr di acqua e 1kg di farina ed 1 cucchiaio di zucchero impasto il tutto poi aggiungo il sale e lascio lievitare tutta la notte
    c) Giorno 3 al mattino – inforno il pane.

    Mi chiedevo: come posso inserire il lievito madre in questo processo? Lo sostituisco al lievito di birra direttamente dall’inizio e poi proseguo con la mia tabella di marcia? Oppure faccio un’unico impasto di 500gr+1kg di farina con 250gr+500gr di acqua direttamente tutto insieme (ovviamente unendo anche il lievito madre con le giuste proporzioni – che se non ho fatto male i calcoli su 1,5kg di farina dovrebbero essere circa 500-600gr corretto?)

    4) Non ho ben compreso da che base far partire Il calcolo del lievito madre per la panificazione, se tiro fuori dal frigo 100gr di lievito madre, lo rinfresco secondo procedura e ne ottengo 250gr (100gr di madre + 100gr di farina e 50gr di acqua) poi lo lascio “agire” per 2-3h è quella la mia quantità-base di calcolo di lievito madre? Questa quantità di lievito mi permette di panificare aggiungendovi 750gr di farina, corretto? Chiedo scusa se le domande sembrano banali ma a me non lo sono affatto!

    5) Infine, i Saccaromiceti cosi come i Lactobacilli si nutrono di amidi, ma al di la dello stesso cibo ho letto che vivono in un ambiente simbiotico, ha senso aggiungere un po di saccaromiceti (classico lievito di birra) al lievito madre per avere un lievito madre COMPLETO? Oppure i saccaromiceti pregiudicano o cannibalizzano alla lunga i lactobacilli? Di fatto sembra che i Saccaromiceti siano molto piu produttivi di CO2 dei lactobacilli, e quindi l’effetto sulla panificazione sarebbe migliore…salvo complicazioni di cui sono all’oscuro oppure “inquinamento” del lievito madre!

    Rimango in attesa di riscontri, scusandomi per la lunghezza del messaggio!

    Alberto

    Commento by alberto

  88. Cari amici della pasta madre ho urgetemente bisogno di un consiglio: ho realizzato in questi ultimi mesi una splendida pasta madre con la quale producevo un ottimo pane. Improvvisamente la scorsa settimana, dopo aver ripreso la pasta madre dal frigo e averla rinfrescata, ho notato che aveva una consistenza diversa e che era più appiccicosa. Sono andata avanti e ho fatto il pane. Ho lasciato pasta madre e pane a lievitare ma ambedue, nel corso delle solite 5 ore che gli lascio, non hanno datto lo stesso risultato crescendo poco, molto meno del solito. Risultato: il pane è cresciuto pochissimo ed era molto dure, la pasta madre anche è cresciuta poco ed era molto soda, dura e appiccixosa quando la rilavoro, non morbda come al solito. L’ho fatto una seconda volta dopo qualche giornoe il risultato è stato lo stesso. Credo che la pasta madre sia poco attiva ormai. Casa posso fare? Scusatemi per la lunghezza ma sono disperata per aver perso improvvisamente tutto il lavoro fatto in questi mesi e, soprattutto, l’ottimo pane che adoravamo tutti.
    P.s. : può essere che, cambiando marca di farina (la solita era finita) le cose siano cambiate? La pasta madre la nutro con farina 0.

    Commento by cecilia

  89. Ciao Sandro,
    scusami se non ti ho più risposto, ma in quest’ultimo periodo sono stata poco al computer. Mancano una materia e la tesi 🙂
    Sai che l’altro giorno ho fatto il pane? Ha lievitato molto bene, e appena sfornato era buonissimo, ma quando si è raffreddato l’ho trovato un po’ deludente…sa un po’ troppo d’acido (anche se non tantissimo), e la mollica si sbriciola troppo facilmente. Ho seguito passo passo la ricetta del pane casereccio delle sorelle Simili, cosa sarà andato storto? Da cosa possono dipendere questi difetti?
    Adesso invece ho un problema. Ricordi il mio lievito miracolosamente iperattivo? Ecco, ora si è impigrito! Di raddoppiare dopo tre-quattro ore non vuole saperne proprio! Oggi ho anche provato a fare due rinfreschi ravvicinati con acqua alle mele, ma niente…forse anche complice la temperatura montana, certamente inferiore a quella palermitana, il lievito se la prende mooooolto comoda. Proprio non riesco a capire che gli succede…è in agonia? O semplicemente dovrei aumentare l’idratazione? E dire che lo rinfresco ogni due-tre giorni e lo tengo fuori dal frigo. Cosa mi consigli di fare?

    Commento by Sveva

  90. Ciao Sveva . Io non panifico molto, quindi non ho l’esperienza di Sandro (perpassione).Pero’ posso dirti come ho fatto , per rinforzare la mia pm. Prendi 50g di pasta madre , aggiungi un tuorlo ,25g di acqua e 50 di farina 0, impasti, taglio a croce e la metti nel solito vasetto. IO faccio rinfreschi giornalieri perche’ la tengo fuori dal frigo e qui fa’ molto caldo. Io tengo sempre 50 g e quando decido di fare le fette biscottate (faccio solo quelle) la rinfresco tutta.Pero’, non buttare niente continua a fare rinfreschi.Ciao bacioni

    Commento by lauretta1

  91. Ciao Lauretta,
    grazie del consiglio, lo terrò presente, ma mi sa che lo utilizzerò un’altra volta…quella folle della mia pasta madre tutt’a un tratto si è ripresa, forse perchè ho fatto rinfreschi più ravvicinati per un paio di giorni! Boh! Meglio così! 🙂 Stamattina ho anche fatto due pani belli e buoni…i primi che mi soddisfano davvero! Peccato che erano leggermente scipiti…colpa del salgemma! Io sono abituata al sale marino, e con questo non so proprio regolarmi! Salo sempre o troppo o troppo poco.
    Un bacione e ancora grazie 🙂

    Commento by Sveva

  92. Ciaoo
    come va tutto bene? Domani sono a Roma
    dopo parto per le mie vacanze marine volevo panificare
    ma non credo di farcela sono felice che qualcono panifichi anche in agosto
    Io porterò con me la mia pasta madre non so a chi affidarla . sperando che riesca
    a curarla Sveva perchè usi il salgemma? (curiosità)
    I rinfreschi più ravvicinati servono a far riprendere vigore al lievito ..
    a domani o a Settembre …
    Baci 🙂


  93. Ciao Sandro!
    Intanto ti auguro buone vacanze…a te e alla tua pasta madre! 😛 Anch’io l’ho portata con me in vacanza, e anzi, diciamo pure che l’avevo fatta in previsione di quest’agosto, perchè il pane a lievitazione naturale a Palermo lo trovo, e mi sono imbarcata in quest’impresa perchè immaginavo che qui dove sono non l’avrei trovato…e poi ovviamente perchè sono curiosa e sperimentatrice, oltre che una golosa per cui il pane è irrinunciabile, anche solo per venti giorni 😀
    Comunque rettifico: mia madre mi aveva detto una baggianata, non è salgemma! E’ sale marino. Mettiamola così: il sale che trovo qui in montagna è totalmente diverso da quello che uso a Palermo! Chissà da che dipende, visto che sono entrambi marini O_o
    Un abbraccio, a presto! 🙂

    Commento by Sveva

  94. SVEVA 🙂
    SCUSA QUI IN MONTAGNA DOVE?
    PASSI DAL MARE ALLA MONTAGNA CON DISIVOLTURA 🙂


  95. S.O.S … — …
    ciao Francesca,
    come prima cosa volevo farti i complimenti per il tuo sito…. molto bello.
    Stavo cercando una ricetta x la PM e così ti ho scoperto.
    Ho iniziato Doemnica sera e attualmete sono al 3 giorno rinfresco della PM…. ma è normale che sia particolarmente collosa?
    sono partito da miele e farina 0 bio..
    Il pm , è aumentata , e sta formado piccole bolle ma quando la sera mi preparo al rinfresco e levo i 100 gr , noto che l’impasto risulta molto appiccicoso.
    Attendo una tua gradita risposta.
    Gamba

    Commento by Il Gamba

  96. ciaoo come va con le lievitazioni io ho appena cominciato a fare i panettoni
    impresa dura ma chemi darà soddisfazione ..spero 🙂
    a prestooo

    Commento by SANDRO (perpassione)

  97. Ciao 🙂
    Ho un problema, ho iniziato a fare la PM secondo le indicazioni di Francesca, all’ottavo rinfresco ho notato che dopo 12 ore era raddoppiata quindi mi son detta, proviamo a fare l’impasto per dei grissini almeno, ho seguito tutte le istruzioni ma l’impasto dei grissini non lievita una cippa e la PM rimasta dopo 6 ore è già raddoppiata….si tratta di iper attività????? se vorrete rispondermi ve ne sarò grata :-)))

    Commento by Maria

  98. Seguite passo passo le istruzioni m’è venuta una PM eccezionale!!! Ho già fatto la prima infornata con 3 pagnottine da 1 kg. che sono state mangiate in 2 giorni. Domani rimetto legna in forno e riprovo. L’unica cosa che ho notato è che per la lievitazione della pasta prima di infornare è necessario attendere almeno 12/16 ore. Grazie dei consigli!!!

    Commento by Giacomo

  99. ciao a tutti e ben ritrovati. Un bacione alla meravigliosa e bravissima FRANCESCA che seguo anche su facebook. Se a quacuno puo interessare, ho riattivato la mia pasta madre essiccata e messa in frigo in un barattolo di vetro. Funziona. Bacioni a tutti ciao.

    Commento by lauretta1

  100. ciao Laure
    si pu’ avere il link di facebook?
    Grazie

    Commento by SANDRO (perpassione)

  101. ricambio con simpatia lauretta1 🙂

    SANDRO (perpassione), il link per diventare fan della mia pagina su Facebook è in alto a sinistra. Ti e vi aspetto anche di là 😉

    Commento by FrancescaV

  102. Azzz ma allora leggi 😀
    grazie 🙂

    Commento by SANDRO (perpassione)

  103. 😉

    Commento by FrancescaV

  104. Buon giorno a tutti e buona domenica ho sfornati in questo momento dei meravigliosi e morbidissimi panini al latte , (fatti con la pasta madre essiccata e riattivata) uno me lo sono gia mangiato un po’ caldo ,ma morbidissimooooo. Li avevo fatti tempo fa’ , ma con il fornetto vecchio e non mi erano venuti bene. Con questo tutt’atra musica. Ciao ciao,buona colazione a tuttiiii

    Commento by lauretta1

  105. Buongiorno a tutti! Dopo tanto ho deciso di imbarcarmi nell’avvenutura della pasta madre. Ho appena inizato e sono al terzo rinfresco, però sono un pochino preoccupata perchè la mia creatura in 48 ore non raddoppa il volume, ma lo triplica (e forse qualcosa in più e ache in meno tempo!). Ora, lo so che il calore incide fortemente sul processo di fermentazione della pasta, ma a casa mia ci saranno al max 20 gradi! ora cosa devo fare per tenere sotto controllo la creatura? Aiuto!

    Commento by Chicca

  106. Be Chicca complimeti … la vitalità è segno di buona salute … certo è un po’ anomala…. la situazione ma come sei partita?

    Commento by SANDRO (perpassione)

  107. Io ieri ho messo su i miei bei tre panetttoni ….. visto il successo degli altri …Sto pensando di fare un piccolo businesss eheheheh

    Commento by SANDRO (perpassione)

  108. SANDRO (perpassione) possiamo sapere che ricetta usi?
    Grazie
    Lorena

    Commento by Lorena

  109. Come base uso la ricetta di gennarino a cui ho apportato delle piccole varianti soprattto sugli aromi.

    Commento by SANDRO (perpassione)

  110. Grazie Sandro! Lorena

    Commento by Lorena

  111. Prego Lorena presto spero di mettere le foto da qlk parte 🙂

    Commento by SANDRO (perpassione)

  112. per sandro…dunque ho messo farina 300 grammi, acqua 1dl e poi 1 cucchiaio di jogurt….al primo rinfresco sembrava essere rimasa uguale e poi l’esplosione….ora dato che per natale vorrei fare dei mini panettoncini, non vorrei che mi esplodessero…la craturina è un pochino fuori controllo!ops!!!!

    Commento by Chicca

  113. @chicca
    be se hai una pasa madre cosi atttiva è l’ideale per i panettoni …….. certo non saranno buoni come i miei ……. ahahhahh (scherzo)

    Commento by SANDRO (perpassione)

  114. @sandro…grazie dell’incoraggiamento!….ce la metterò tutta, soprattutto dopo aver cercato disperatamente in tutti i negozi gli stampi in carta pergamena e averli trovati per puro caso in un negozietto nascosto!
    Comunque oggi sperimento per la prima volta il lievito madre fcendo il pane…..vi farò sapere!

    Commento by Chicca

  115. Io li ho trovati facilmente …… qui a roma tu di dove sei?
    ah … Ieri ho fatto il primo impasto per 50 panettoni ….speriamo bene 🙂

    Commento by SANDRO (perpassione)

  116. Una domanda: dal secondo rinfresco in poi devo togliere sempre la stessa quantità di pasta del primo (100 gr) e aggiungere sempre le stesse quantità di farina (200) e acqua (100)? grazie

    Commento by wippher

  117. Ciao a tuti,

    ho iniziato circa 15 giorni fa a preparare la mia pasta madre, rinfrescandola tutti i giorni. Ora vedo la mia pasta che giornalmente è sempre molto lievitata, dopo le prime ore si gonfia tantissimo, poi si allarga e il giorno dopo si siede pochissimo; quindi a quel punto eseguo il rinfresco e riparto. Ora annusandola profuma di pane ma il mio dubbio è il seguente: Non è passato troppo poco tempo????? Considerate che l’ho sempre tenuta tra i 27/30°, quindi il mio dubbio è che più di aver fatto la pasta madre, ho cotto un po’ quello che stava lievitando! Può essere? Qualche idea in proposito?
    Grazie.
    Ciao

    Commento by Massy

  118. Cara Francesca, ho un problema quando faccio la pasta madre,dopo la cottura l’interno del pane mi rimane umido e la crosta è ottima!
    Mi potresti aiutare, con qualche tuo consiglio ottimo sulla cottura!!
    Grazie Paola

    Commento by Paola

  119. Paola secondo me dipende dalla temperatura del forno … un po più bassa la temperatura e tieni il pane un po’ più a lungo …… Le Vostre lievitazioni .. natalizie come sono andate?

    Commento by SANDRO (perpassione)

  120. Ciao a tutti, ho veramente bisogno di consigli: sabato mattina ho preparato un panetto con 200 gr di farina di grano duro, 100 ml di acqua, 1 cucchiaio di olio d’oliva e 1 di miele, l’ho lavorato a lungo e poi l’ho messo in un contenitore di plastica con coperchio unto d’olio, alle 11 dovrò fare il mio primo rinfresco, ho letto che dovrebbe avere un odore un pò acido, ma non c’è per niente odore acido, mi sembra che non si sia attivato niente!!!
    Ho un altro dubbio che mi assale, per i rinfreschi come si procede si pesa la pasta e si aggiunge la farina e l’acqua????

    Ho letto in varie ricette di utilizzare la farina 00, io ho usato quella di grano duro, pensando che ai tempi delle nonne, quando non esisteva la farina bianca, utilizzavano quella di grano, forse ho sbagliato questo??? grazie, per favore rispondete

    Commento by mariarita

  121. ciao mariarita, per l’odore apsetta a rinfrescare più volte. Per i rinfreschi è tutto scritto nei post dedicati alla pasta madre e nei commenti. Ti consiglio di leggere tutto con calma.

    Hai fatto benissimo ad usare la farina di grano duro. La farina 00 si usa praticamente solo per i dolci, se ancora usi farine così povere di nutrienti.
    In bocca al lupo!

    Commento by FrancescaV

  122. Ciao Francesca, grazie per aver risposto tempestivamente.
    Certo la “00” la uso, ma come dicevi tu solo per i dolci. E’ stato un errore di battitura, volevo scrivere farina “0” , in tanti post che ho letto c’è scritto che utilizzano la 0 o la manitoba per il lievito madre. Tu quale usi????
    Alle 11.30 ho fatto il primo rinfresco, ho pesato l’impasto e ho aggiunto la farina e l’acqua, non ho buttato niente, purtroppo non avevo ancora letto il tuo articolo che diceva di buttarne via 100 gr.
    Che dici ho fatto un disastro?????

    Ho seguito la ricetta da un libro per il pane, dietro il lievito madre c’è un mondo, e loro si sono limitati a scrivere una paginetta senza specificare niente, ed ecco il panico!!!!

    Vi prego rispondete

    Commento by mariarita

  123. mariarita, io non ho più la pasta madre da qualche anno. Usa la farina per pane che preferisci, predilegendo farine biologiche.

    Per favore, non c’è nulla per cui agitarsi. Qui si fa la pasta madre, e per divertirsi. Lette tutte le spiegazioni, ora sta a te testare, fallire e riprovare. Saluti.

    Commento by FrancescaV

Torna in cima | Torna alla home

 

Newsletter

FrancescaV.com è il mio diario di ricette che puoi cucinare facilmente in casa. Per averle direttamente nella tua email iscriviti alla newsletter. Benvenuto!

Il TrovaRicette

Pochi ingredienti nel frigo e nessuna idea su come usarli?

Inserisci uno, due o tre ingredienti nel box a fianco e trova la ricetta che fa per te!

 
 
 
 
 
 

Ricette di Natale, clicca!

Ricette di Natale

 

Ricette di Natale Antipasti

 
  • Ricette di Natale Primi piatti

     

    Ricette di Natale Secondi piatti

     

    Ricette di Natale Contorni

     

    Ricette di Natale Dolci 1

     

    Ricette di Natale Dolci 2