Muffin speziati alle pere

Letto 6134 volte.

Appena alzata ieri mattina, mi sono messa in cucina a preparare dei muffin speziati alle pere, per festeggiare il marito a colazione. E’ bastato tirare fuori dal frigo uova e burro la sera prima, e mi sono subito messa all’opera.

Muffin speziati alla pera

Tutto è partito dai muffin alle pere di Pat, ma strada facendo mi sono fatta ispirare dalle nuove (e bellissime 😉 ) farine appena ricomprate, dalla cannella e lo zenzero che fanno così autunno, dalle gocce di cioccolato fondente da terminare. Alla fine i muffin alle pere sono diventati un festoso dolcetto autunnale, fatto a modo mio.

Ingredienti per circa 7 muffin di media grandezza: 100 gr. di farina di kamut bio, 100 gr. di farina di farro integrale bio, 1 pera matura, 90 gr. di zucchero grezzo di canna bio + 1 cucchiaio, 2 uova, 90 gr. di burro fuso, 2 cucchiaini di cremor tartaro o lievito per dolci, 1 pizzico di sale, 1 cucchiaino di cannella in polvere, 1 cucchiaino di zenzero in polvere, gocce di cioccolato, zucchero a velo per servire.

Togliere uova e burro dal frigo almeno un’ora prima di cominciare. Preriscaldare il forno a 170°. In una ciotola mischiare gli ingredienti secchi: farine, sale, lievito, zenzero in polvere. In un’altra ciotola sbattere le uova con lo zucchero, aggiungere il burro fuso raffreddato e amalgamare bene. Pelate e tagliate a cubetti la pera, metteta in un padellino, spolveratela col cucchiaio di zucchero e col cucchiaino di cannella, fate sciogliere lo zucchero a fuoco medio basso, girandola di tanto in tanto e poi togliere dal fuoco.

Nella ciotola delle uova versare il contenuto secco dell’altra ciotola e cominciate ad amalgamare con un cucchiaio di legno, senza però creare un composto troppo liscio ed omogeneo. Aggiungere i dadini di pera e amalgamarli con delicatezza. Versare le gocce di cioccolato e incorporarle sempre con delicatezza.

Riempite ogni pirottino con il composto speziato alle pere, fino a circa un centimetro sotto il bordo. Infornare per circa 25 minuti. Sfornare i muffin, farli raffreddare e poi spolverarli con lo zucchero a velo. I muffin si conservano in un barattolo di latta per un paio di giorni.

Approfondiamo.

Al posto delle farine che ho usato io potete usare la semplice farina 00, però non sarà la stessa cosa. Le farine di varie di cereali, non (del tutto) raffinate, apportano un reale valore nutritivo, prezioso per il vostro organismo. Come per lo zucchero di canna grezzo, dopo aver cominciato a provare il gusto vero dei cereali, non si riesce più a tornare indietro: il nostro palato vuole sentire cosa stiamo mangiando! E come per lo zucchero grezzo, vi consiglio di comprare farine biologiche che trovate nei supermercati specificatamente bio o sul web sui negozi online che vendono prodotti biologici di qualità. Incuriositevi, sperimentate, fate assaggiare ai vostri cari: sono sicura che queste farine ‘vere’ sapranno conquistare tutti.

Già lo sapete, ma è meglio ripeterlo: per qualsiasi alimento che si voglia consumare grezzo o integrale o semi-integrale, ci si deve rivolgere solo ad alimenti certificati biologici, in quanto se questi alimenti non lo fossero, sarebbero trattati chimicamente, e quindi tenendoli grezzi si tratterrebbero al loro interno tutti i veleni usati per concimarli, e che poi andrebbero a contaminare i nostri cibi. Quindi integrale = biologico.

Nel mio ultimo giro al supermercato biologico vicino casa, Le Serpent Vert, oltre ad aver trovato (finalmente!) una farina semi-integrale biologica T80 prodotto nei dintorni di Strasburgo a meno di due euro al kg (che proverò quanto prima nella panificazione), ho trovato e provato in questi muffin alle pere la farina di farro integrale chiamata ‘Petit Epeautre de Haute Provence‘. Con questa denominazione si identifica un cereale antico, autentico della regione della Haute Provance (al centro tra Grenoble e Avignone), che non ha mai subito nessun tipo di modificazione genetica, e che risale al 9000 a.c. !
Coltivato fino all’epoca dei romani, fu poi abbandonato in favore del frumento, che poteva essere sfruttato in maggiori quantità. Da una quindicina di anni è stata ripresa la sua produzione, che avviene in maniera completamente naturale in campi poveri, dove viene coltivato insieme alla lavanda. Seminato a metà settembre, questo ‘piccolo farro dell’Alta Provenza’ viene raccolto a metà agosto e sottoposto ad un delicato passaggio di decorticazione prima di essere commercializzato.

Ultima nota (anche se ormai mi conoscete da anni e lo sapete già): come tutti i dolci che preparo, la quantità di zucchero è giusta per un palato che non ama sentire un sapore dolce predominante, a discapito degli altri ingredienti. Per questo motivo uso da tanti anni lo zucchero grezzo o integrale biologico, dal sapore di nocciola, in quantità ragionevole. L’aggiunta delle gocce di cioccolato fondente (o direttamente cioccolato fondente tagliato al coltello) aiuta ad amalgamare i sapori verso un gusto dolce più definito.

Altri dolci con le pere su FrancescaV:

Strudel veloce di uva e pere

Torta di pere e lime

Muffin pere e cioccolato

Tags: , , , ,

Commenti


  1. Ma sono stupendi! Poi trovo carinissima l’idea di usare delle farine particolari invece della classica 00. Belli davvero!

    Commento by The life after

  2. grazie mille The life after, anche a noi sono piaciuti molto 🙂

    Commento by FrancescaV

  3. Ummmm buongiorno FranciV, i muffin comunque siano fatti mi piacciono tantissimo sarà che in boccone vanno via a meraviglia , mi fà piacere che i miei ti abbiano ispirato questi più speziati e autunnali. Un’abbraccio ma prima prendo nota!

    🙂

    Commento by patrizia

  4. ps: ottimi consigli per quanto riguarda le farine, anch’io compro spesso quelle integrali, e mescolo un tutto…mi piace tantissimo il gusto grezzo sopratutto nei dolcetti del mattino 😉

    Commento by patrizia

  5. ciao Pat, cercando e provando nuove farine, più piene di vita, mi diverto molto di più a cucinare, i sapori sono più veri e i cibi, come i dolci, sanno più di qualcosa di definito, e non solo di zucchero all’ennesima potenza. Grazie di avermi ispiarata 🙂

    Commento by FrancescaV

  6. Sono meravigliosi e devono avere un sapore unico Fra.
    Al prossimo tour francese approfitto dei tuoi consigli e cerco le farine!
    Un abbraccio cara

    Commento by Sandra

  7. Favolosi!

    Commento by Le Rocher

  8. se la trovi Sandra provala, è una farina molto preziosa, sana e dal gusto delicato nelle preparazioni. Un abbraccio a te!

    Le Rocher, grazie 🙂

    Commento by FrancescaV

  9. Complimenti per il tuo blog,è veramente super completo, ci si trova di tutto,informazioni di tutti i tipi, possibili ed immaginabili. Sono incuriosita dai pirottini in cui hai messo le tortine, ma dove li hai trovati? io non li ho mai visti a nessuno. Se puoi darmi una dritta te ne sarei grata,mi piacciono veramente. Grazie e complimenti ancora Monica

    Commento by monica

  10. ciao monica, grazie mille per quello che mi scrivi, non può che farmi piacere. In effetti quei pirottini si trovano… in Francia. Eh sì, ne avevo anche parlato lasciando i recapiti parigini pirottini per muffin altolocati. Mi spiace non poterti darte indicazioni migliori.

    Commento by FrancescaV

Torna in cima | Torna alla home

Scrivi un commento




 

Newsletter

FrancescaV.com è il mio diario di ricette che puoi cucinare facilmente in casa. Per averle direttamente nella tua email iscriviti alla newsletter. Benvenuto!

Il TrovaRicette

Pochi ingredienti nel frigo e nessuna idea su come usarli?

Inserisci uno, due o tre ingredienti nel box a fianco e trova la ricetta che fa per te!

 
 
 
 
 
 

Ricette di Natale, clicca!

Ricette di Natale

 

Ricette di Natale Antipasti

 
  • Ricette di Natale Primi piatti

     

    Ricette di Natale Secondi piatti

     

    Ricette di Natale Contorni

     

    Ricette di Natale Dolci 1

     

    Ricette di Natale Dolci 2