FrancescaV



« | »

Pesto di barba di finocchi di primavera (alla terza)

Esistono i finocchi di primavera, sì! Orfana dei miei adorati finocchi invernali, ho scoperto questa meraviglia sempre al mercato di Boulevard de La Marne, sempre al banco biodinamico dell’azienda agricola Truttenhausen. Qui li chiamano fenouils de printemps: sono piccoli e allungati, verdastri, con delle barbe lunghissime, piacevolmente profumate di anice, più corpose e ramificate di quelle del finocchio abituale.Finocchi di primavera al mercato

Il corpo del finocchio l’hi mangiato crudo, con sale, olio e limone. Tutta quella barba di finocchio, verdissima e biodinamica, non potevo certo trascurarla. Con le mani, pazientemente, l’ho staccata dal gambo più grosso, che non ho usato, l’ho poi fatta a piccoli ciuffetti. Messi in una grossa ed alta insalatiera, per sciacquarli li ho tenuti a bagno in acqua fredda, cambiando 3 volte l’acqua, e al secondo passaggio aggiungendo un cucchiaino raso di bicarbonato da cucina. Tolti dall’acqua li ho passati nella centrifuga che asciuga l’insalata.Barba di finocchi di primavera, lavata e asciugata

Ho preso i ciuffetti di barba di finocchio, lavati e asciugati, li ho messi nel mixer, a più riprese perchè non c’entravano tutti insieme. Ho aggiunto 2 bulbi di aglio fresco, spellati della prima cuticola e tagliati in 4, olio e.v.o. a più ripresa, sale fino integrale, ed ho fatto andare il mixer, fino ad ottenere un simil pesto.

Lasciato così leggero può essere usato su una buona fetta di pane, o come cremina da mangiare con verdure fresche tagliate a bastoncini, a mo’ di pinzimonio. Io l’ho spolverato con semi di sesamo tostati, una delizia. L’ho anche usare per condire una pasta corta ai funghi shiitake molto ben riuscita: la foto la trovate sulla pagina facebook di FrancescaV.Pesto fatto con la barba di finocchio

Se si vuole trasformarlo definitivamente in un pesto, basta aggiungere nel mixer una bella manciata di pinoli e del parmigiano grattugiato fresco, abbondare con l’olio e magari, per non appesantirlo troppo, smezzare l’olio con un po’ d’acqua di cottura della pasta.

Terza trasformazione: aggiungete alla versione leggera un cucchiaio di salsa tahin (crema di semi di sesamo) nel mixer. Et voilà, avete appena preparato un hummus di barba di finocchio 😉Barba di finocchi di primavera

Posted by on maggio 16, 2012.

Tags: , ,

Categories: Ricette leggere, Ricette senza cottura, Ricette veloci, Salse, creme e condimenti, Vegetariane

15 Responses

  1. mitico!!!

    by mAtilda on Mag 16, 2012 at 2:50 pm

  2. ciao mAtilda, contenta ti piaccia 🙂

    by FrancescaV on Mag 16, 2012 at 3:25 pm

  3. bella idea Francesca!… letteralmente “in barba” a questa primavera che non si decide più a farsi definitivamente avanti 😉

    by roberta cobrizo on Mag 16, 2012 at 4:00 pm

  4. A giorni posterò una ricetta che utilizza le barbe del finocchietto…anch’io adoro il suo aroma!!!
    saluti!
    e.

    by buccia di limone on Mag 16, 2012 at 4:09 pm

  5. hai proprio ragione roberta cobrizo 🙂

    buccia di limone, un saluto a te

    by FrancescaV on Mag 16, 2012 at 5:13 pm

  6. che bella la primavera!

    by davide valdinoci on Mag 17, 2012 at 9:57 am

  7. Maddai! che ricetta originale. Io non li conoscevo nemmeno questi finocchietti. Qui a Parigi mai visti, forse non ci ho mai fatto caso. Se li trovo ci provo.

    by Auramaga on Mag 17, 2012 at 4:45 pm

  8. come è vero davide valdinoci

    Auramaga, nemmeno io li conoscevo sai. Questa azienda agricola demeter a 30 minuti da Strasburgo ha delle verdure che ogni volta mi stordiscono, troppo belle e buone. Chissà, forse potresti trovarli a Parigi, in qualche mercato di produttori.

    by FrancescaV on Mag 18, 2012 at 6:35 am

  9. ma secondo te, nella prima versione (frullati con aglio e olio) e usati per condire una pasta fatta saltare nell’aglio e nelle acciughe? e magari con un poì di pane grattato leggermente fritto?
    una specie di..pasta con le sarde de noantri, in assenza degli ingredienti originali

    by giulia on Mag 18, 2012 at 10:19 am

  10. giulia, ho paura che le acciughe uccidano il sapore fresco delle barbe di finocchio, però il pan grattato leggermente fritto ce lo vedo benissimo :-b

    by FrancescaV on Mag 18, 2012 at 11:05 am

  11. forse si…
    vorrà dire che toccherà provare senza acciughe e CON acciughe, per puro spirito scientifico, ovviamente…

    🙂

    by giulia on Mag 18, 2012 at 1:30 pm

  12. ovviameeente 😀

    by FrancescaV on Mag 18, 2012 at 3:35 pm

  13. Ciao Francesca,
    ottimo il pesto ma se mi permetti un suggerimento per un gusto più corposo potresti usare il finocchietto selvatico.
    Grazie per il lavoro che fai.
    A presto.

    by Mariella on Mag 18, 2012 at 8:00 pm

  14. grazie Mariella, ma questo finocchio è una cosa del tutto differente dal finocchietto selvatico. La natura ci regala tantissime varianti tutte da scoprire!

    by FrancescaV on Mag 19, 2012 at 7:45 am

  15. meravigliosoooooo ottimo davvero grazie

    by katia on Nov 14, 2014 at 6:10 pm

Leave a Reply

« | »




Articoli recenti


Pagine